martedì 2 MARZO 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

Mina Settembre, un invito alla Galleria Borbonica

Galleria Borbonica minaFra le location "protagoniste" di "Mina Settembre", la fiction di Rai1 tratta dai romanzi di Maurizio De Giovanni, La Galleria Borbonica, vanto dell'ingegneria civile borbonica in sotterraneo che riaprirà non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno.

La Galleria Borbonica, è stata location d’eccezione nella serata record di ascolti su Rai1 tv. Il terzo appuntamento con le storie che vedono come protagonista Serena Rossi, ha totalizzato 6.254.000 spettatori pari al 24.9% di share. Le vicende dell'appassionante miniserie hanno portato Serena Rossi, nei panni dell'assistente sociale Mina Settembre, ad inoltrarsi nei meandri della Galleria Borbonica in via Morelli, scoprendone il fascino misterioso e la bellezza che parla di storia e di leggende.

E insieme a lei avranno avuto modo di ammirarla anche gli oltre 6 milioni di telespettatori in ogni parte d'Italia che, grazie al servizio pubblico, hanno potuto apprezzare questo luogo unico al mondo che, insieme alle altre centinaia di bellezze sparse nel territorio partenopeo, avrà invogliato gli spettatori a tornare a visitare Napoli, rilanciandola come meta turistica dopo questo lungo stop e la Galleria Borbonica, appena le condizioni sanitarie ne permetteranno la riapertura.

Il percorso "Standard" nella Galleria consente di visitarla e di apprezzarla come una vera e propria opera d'arte. Per il percorso classico è possibile entrare dall'accesso monumentale all'interno del parcheggio Morelli o da Vico del Grottone, a pochi metri da Piazza del Plebiscito, attraverso una scala realizzata nel ‘700. Il percorso mostra le incredibili soluzioni tecniche adottate dal progettista Errico Alvino e le problematiche di natura geologica incontrate durante la realizzazione dello scavo. Si attraversano gli ambienti legati ai tratti rinascimentali dell'acquedotto della Bolla, ammirando i tre ponti ed i muri realizzati dai Borbone per attraversare le cisterne conservandone la funzionalità; si attraversano gli ambienti adattati a ricovero bellico durante la II Guerra Mondiale in cui sono stati ritrovati numerosi oggetti utilizzati all'epoca. Durante il percorso faranno da incredibile cornice enormi frammenti di statue, le auto e le moto d'epoca, ritrovate sepolte sotto rifiuti e detriti, legate al periodo compreso tra la fine della II Guerra Mondiale e gli anni '70, in cui la Galleria Borbonica fu utilizzata come deposito giudiziale del Comune di Napoli.

galleria borbonica

Via delle Memorie: nelle profondità del sottosuolo, alla scoperta di uno straordinario viaggio nella Napoli "di sotto". Un percorso emozionante e di inestimabile valore che consente di ammirare quanto realizzato nel sottosuolo della città negli ultimi 500 anni. In particolare, si inizierà facendo una visita al cortile ottagonale ed allo scalone del Palazzo Serra di Cassano per poi giungere dopo una breve scala negli spazi gestiti da Interno A14 che un tempo ospitavano la falegnameria del Palazzo. Negli ambienti è stato allestito un piccolo museo della guerra con reperti ritrovati durante gli scavi durati tre anni. E poi comincia la discesa verso il sottosuolo dove si raggiungono prima le cave da cui è stato estratto il tufo per realizzare il Palazzo e poi il sottostante acquedotto dove risplende una magnifica cisterna piena d'acqua. La visita continua verso la Galleria Borbonica attraversando gallerie e cisterne per poi raggiungere l'uscita all'interno del Parcheggio Morelli.

Il percorso avventura si segue indossando un elmetto arancione ed avendo tra le mani una torcia; prevede la visita in una cisterna realizzata alla fine del 1400, raggiungibile attraverso un breve cunicolo, nella quale sono visibili lavorazioni idrauliche di eccezionale fattura e croci incise nella malta idraulica, legate al duro lavoro del "pozzaro"; successivamente, si percorrerà una parte lunga 20 m del cunicolo detto di "Pizzofalcone" per rientrare nella Galleria Borbonica nella "sala delle auto". Si camminerà sino alla seconda grande cisterna intercettata dallo scavo della Galleria per scendere sul fondo della stessa dove affiora la falda acquifera; dopo aver ammirato dei meravigliosi archi settecenteschi, si percorrerà la galleria pilota della ex LTR che conduce all'imbarco della zattera. Dopo aver navigato avanti e indietro si risalirà nella Galleria Borbonica arrivando fino al termine dello scavo ottocentesco dove, sulle pareti, sono incisi nomi e pensieri dei napoletani che scendevano nel ricovero da Piazza Carolina durante la seconda guerra mondiale.

Ingresso:

Vico del Grottone, 4 - Zona Piazza del Plebiscito

Via D. Morelli, 61 - c/o Parcheggio Morelli

Via Monte di Dio, 14 - Palazzo Serra di Cassano - Int. A14

Qui le info sui percorsi disponibili e sulle modalità di prenotazione: https://www.galleriaborbonica.com/it/home/home/ 

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
arte francesconiDisturbatori OrmonaliLa Galleria Umberto Di Marino presenta, sabato 6 marzo,...
Arisa inaugura Sanremo 2021, ecco...Sarà Arisa la prima cantante in gara a salire sul palco...
Rappresaglia italianaRappresaglia italiana, il libro...S'intitola “Rappresaglia Italiana”, il nuovo libro di...
ROSA PIETRA STELLAIl cinema del pensieroFilm e incontri per riflettere su grandi temi...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500