giovedì 16 SETTEMBRE 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

Al Complesso di Sant’Anna dei Lombardi le opere di Jago, autore del Bambino di piazza Plebiscito

Jago Reliquia ph Massimiliano RicciIl Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi, unicum del suo genere a Napoli nel rappresentare l’arte fiorentina con la cappella del Vasari, accoglie due nuovi tesori: le opere in marmo del versatile artista Jago, popolare soprattutto grazie al suo Look-down, la scultura del bambino incatenato installato a Piazza Plebiscito. Si tratta di “Muscolo Minerale” e “Reliquia”, che saranno visitabili all'interno dello splendido Complesso Monumentale di Piazza Monteoliveto 4, dal lunedì al sabato.

“Credo che i più grandi artisti della storia ti costringano a guardare in alto e io mi sento privilegiato a farlo nella sagrestia di Sant’Anna, la cappella Sistina di Napoli, il capolavoro del Vasari che racconta tante storie - spiega Jago -. L’opera che andrò a posizionare è una reliquia. Ho rappresentato la mia mano e mi interessa capire come questa partecipi alla composizione, perché un’opera non è completa se non trova la sua collocazione. La prima scultura che ho rappresentato nella mia vita è stata proprio una mano, la traduzione in piccolo di quel corpo umano che avrei voluto realizzare, ma che non avevo ancora i mezzi per creare. Oggi riguardo a quelle prime mani con nostalgia e affetto, perché rivedo un bambino con il desiderio di esprimersi a livello assoluto e importante”.

“Siamo felici di accogliere le due opere di Jago a Sant’Anna – spiega Ambra Giglio, vicepresidente Cooperativa sociale ParteNeapolis, che ha in gestione il Complesso -. Da artista straordinario qual è, capace di parlare a tutti, Jago incarna l’obiettivo della nostra cooperativa: la cultura come opportunità e possibilità di avvicinarsi per chiunque. Il nostro compito è sempre stato quello di accompagnare e generare emozioni attraverso l’arte, in un luogo incantato come il Complesso di Sant’Anna. Le due opere di Jago diventano il valore aggiunto con cui ci prepariamo a questa ripartenza culturale della città”.

Jago Muscolo Minerale ph Massimiliano Ricci

L’artista 

Jago è un artista – imprenditore italiano che lavora principalmente nella scultura e nella produzione video. Nasce a Frosinone (Italia) nel 1987, dove ha frequentato il liceo artistico e poi l’Accademia di Belle Arti.

In giovane età ha lavorato in Grecia a Naxos, e in Italia fra Roma e Verona. Oggi Jago vive a New York, lavorando tra USA, Cina e Italia.

Nel 2018 è stato professore ospite presso la New York Academy of Art, dove ha tenuto una masterclass e una lecture. A partire dal 2016 tiene corsi in scuole, università e accademie italiane, cinesi e americane.

Numerosi i riconoscimenti nazionali e internazionali come la Medaglia Pontificia, conferitagli dal Cardinale Ravasi in occasione del Premio delle Pontificie Accademie, Città del Vaticano nel 2010, il Premio Pio Catel nel 2015, il Premio del pubblico Arte Fiera Bologna nel 2017, il Premio Gala de l’Art di Monte Carlo nel 2013, e l’investitura come Mastro della Pietra al MarmoMacc 2017.

All’età di 24 anni, su presentazione della storica dell’arte Maria Teresa Benedetti, è stato selezionato dal prof. Vittorio Sgarbi per partecipare alla 54a edizione della Biennale di Venezia, Padiglione Italia – Roma – Palazzo Venezia, dove ha esposto il busto in marmo dell’allora Papa Benedetto XVI (2009) per il quale nello stesso anno ha ricevuto la Medaglia Pontificia.

Nel 2010 Jago lascia l’Accademia.

Nel 2017 è uno degli speaker del TEDx Genova.

Una delle sue opere più significative è “Habemus Hominem” (2013) realizzata dopo le dimissioni di Papa Ratzinger, a seguito delle quali Jago scolpisce nuovamente la scultura originale del 2009, rappresentando il Pontefice nudo.

L’opera è stata esposta a Roma nel 2018 nel Museo Carlo Bilotti in Villa Borghese, con un numero record di visitatori (di cui 3.500 unicamente durante la presentazione).

Nel 2018, Jago viene invitato ad esporre alla BIAS, Biennale Internazionale di Arte Contemporanea Sacra e delle Religioni Dell’Umanità a Palermo.

Nel 2018 a seguito dell’esposizione alla fiera d’arte internazionale Armory Show di Manhattan, Jago si trasferisce a New York per realizzare l’opera intitolata “Figlio Velato” per la città di Napoli, esposta permanentemente nel quartiere Sanità all’interno della Cappella della Chiesa di San Severo fuori le mura.

La ricerca artistica di Jago fonda le sue radici nelle tecniche ereditate dai maestri del Rinascimento. In antitesi con l’idea romantica dell’artista morto di fame, Jago è determinato a restituire alla categoria un’immagine imprenditoriale, mantenendo sempre un rapporto vivo e diretto con il pubblico mediante l’utilizzo dei social network.

Nel 2019, in occasione della missione Beyond dell’ESA, European Space Agencies, Jago è il primo artista ad inviare una scultura in marmo nella stazione spaziale internazionale. La scultura intitolata “The First baby”, raffigurante il feto di un bambino, tornerà sulla terra a febbraio 2020 sotto la custodia del capo missione, Luca Parmitano.

Jago ha anche tenuto mostre personali presso istituzioni quali Cripta della Basilica dei SS. XII Apostoli (Roma), Fondazione Umberto Mastroianni (Arpino), Palazzo Doria Pamphilj (Roma) e HighlineStages (New York).

https://jago.art/it/ 

Informazioni sulla mostra

Visitabile dal lunedì al sabato, dalle 9:30 alle 18:30 e la domenica, dalle 12:30 alle 17:30.

Ultimo ingresso mezz'ora prima della chiusura.

Il titolo di ingresso è acquistabile sia online, al link http://www.midaticket.it/eventi/santanna-dei-lombardi, che in biglietteria.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Veronica Simioli’Ncroce, il singolo di Veronica SimioliÈ disponibile ufficialmente su YouTube il videoclip di...
Farine con germe di granoLe farine “sensoriali” per pizze...Pizze alte, soffici, leggere o croccanti e altamente...
denim HM‘90Denim. Da H&M si ricicla il...Tornare indietro è l’unico modo per andare avanti:...
Young Symphony, a Pomigliano d'Arco...Inizia venerdì 17 settembre, alle ore 20, presso il...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500