lunedì 16 SETTEMBRE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Graf: la parola alla natura

grafC’è una bella mostra da Fonoteca, al Vomero. Una piccola personale –la prima- di Salvatore Graf che racconta una natura a metà tra il sogno e la favola.

NATURA NARRANTE il titolo della piccola mostra (20 pezzi in tutto) che racconta in punta di marita, pennello e –nomen omen- graphos piccole storie, concentrati momenti di vegetale felicità. Due i sentieri lungo i quali il suo lavoro si sviluppa:  l’uno che vede protagoniste delle tele figure vegetomorfe da cui prendono il via volute, motivi ornamentali, segni voluttuosi che riducono il disegno di partenza a mero pretesto per un iperdecorativismo allegro, non banale, che coinvolge in maniera quasi ipnotica lo spettatore,  e l’altro -che invece si caratterizza per un segno pulito, campiture di colore piene, piatte- che pure indugia nell’universo onirico, ma induce più che alla vertigine a un senso di pace e di vuoto. Che si collochi a metà il puntinismo e il mosaico, o che scelga di dialogare col suo spettatore con pennellate di colore, Graf accompagna i suoi disegni a preziose didascalie ‘ragionate’, short stories in assenza delle quali la fruizione del lavoro è parziale. Ed è qui che la natura si fa narrante, perché instaura un rapporto dialogico con lo spettatore, facendolo sorridere, imponendo delle riflessioni, offrendo risposte. Ma spesso anche creando buffi momenti di straniamento, disorientando lo stesso che si trova disarmato di fronte alla potenza del segno, del colore, della parola  che diventa così significato e significante.

 La mostra, allestita fino al 10 novembre è visitabile durante gli orari di apertura del locale (dalle ore 12 alle 1.00 dal martedì al sabato, dalle 18 all’1.00 domenica e lunedì) è ad ingresso gratuito.

Per maggiori informazioni 081.5560338, www.fonoteca.net, salvatoregraf74@gmail.com, 3464132638.

L'Autore
Sarah Galmuzzi
Author: Sarah Galmuzzi
Giornalista, mamma, grafomane, gattara, storica dell'arte, non necessariamente in quest'ordine, polemica fino alle bolle, odia le sopracciglia ad ala di gabbiano e i sottaceti, ma ama praticamente tutto il resto, soprattutto gli accessori king size. A memoria d'uomo nessuno è uscito vivo da una discussione con lei.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
bagaria orkestraBAGARIJA ORKESTAR all’AperiSepeQuale giorno migliore del calendario napoletano se non...
lunchboxA ognuno il suo Lunchbox. Il cestino...L’attenzione per l’ambiente e quella per la sana...
BOA SORTEBREATHLESSVenerdì 27 settembre alle 19.00 Spazio NEA inaugura la...
cover MannAl Museo Archeologico Nazionale:...Un museo sempre più aperto al territorio e alle...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500