giovedì 16 SETTEMBRE 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

Arte diffusa a Napoli con il progetto NAJM

najmDal 24 al 26 settembre Fondazione Morra, Fondazione Plart - Hotel Costantinopoli 104, Fondazione Banco di Napoli, Associazione Zerynthia e DAFNA Gallery presentano la Seconda Edizione di “NAJM. Stelle, terrazze, cortili e giardini”, il progetto culturale nato da un’idea di Maria Pia Incutti e Anna Fresa che, attraverso momenti artistici differenziati, intende portare attenzione verso gli spazi esterni privati della città di Napoli.

Nato lo scorso anno con la consapevolezza, a seguito dell’improvvisa chiusura legata al lockdown, della necessità di riaprire i luoghi della cultura, favorendone sempre più la loro accessibilità.

La manifestazione porta alla luce l’importanza dell'arte come strumento utile a sanare il disagio emotivo della collettività, causato dal distacco forzato nel quale il momento pandemico ci ha costretto a vivere.

NAJM diventa così un percorso, un cammino, un modo di accostarsi e stare vicini in luoghi aperti, non solo in termini spaziali, ma tali nella loro capacità di accogliere apertamente differenti linguaggi artistici che diventano in tal modo segnali catartici di rigenerazione collettiva. L’arte ha da sempre avuto bisogno di un corpo a corpo diretto con il ricettore, di osservatori attenti, di domande senza risposte e soprattutto di condizioni che le consentano di vibrare in chi l’avvicina.

Il programma di questa seconda edizione prende vita proprio da questo assunto e dalla sapienza di dovere apporre sulla città anche uno sguardo dall'alto, scrutandone, la moltitudine di giardini, terrazzi e cortili da utilizzare come luoghi di condivisione.

najm 1

Programma:

FONDAZIONE MORRA

Casa Morra – SalitaSan Raffaele 20 C - Napoli

Venerdì 24 settembre - 17,00/19,00 

“PERCORSI”

a cura di Vittorio Urbani

Joseph Beuys In difesa della natura

Maurizio Elettrico Scala/Serra

Giuseppe Morra Wunderkammer. Opera Aperta

Il lavoro di Joseph Beuys, padre dell'ambientalismo contemporaneo, è l'ideale prologo alle varie mostre di Najm; con la mostra presente a Casa Morra celebrante 100 anni dalla nascita dell'artista tedesco, inizia un percorso espositivo sinuoso, esso stesso paragonabile ad un viticcio vegetale che si arrampica fra le stanze del palazzo. A seguire si propone il lavoro di Maurizio Elettrico, un luogo dell'immaginario dove trovano casa i più diversi linguaggi padroneggiati dall'artista, nell'intento di raccontare ancora le fantastiche storie della sua saga. Un tavolo già sua opera raccoglie diversi oggetti e sculture; disegni appositamente eseguiti accompagnano il percorso lungo una stretta scala quasi segreta, fino alla ricreazione di un Giardino ricco di allegorie. La vegetazione vi e' allusa ma anche rappresentata. La Wunderkammer di Giuseppe Morra infine vuole essere una raccolta di segni, oggetti anche preziosi, tutti tappe della storia importante della Fondazione: una collezione di relitti o reliquie ma anche racconti di una storia artistica tuttora fresca e vivente. L'insieme intende offrire all'osservatore una moltitudine di sollecitazioni che aspirano ad una sintesi: in una forma però anche ambigua e fitomorfa che cerca di raggiungere una comprensione utile della umana realtà.

FONDAZIONE PLART - HOTEL COSTANTINOPOLI 104

Via Costantinopoli 104 - Napoli

Venerdì 24 settembre - 18,30/20,30

“NOVECENTO: COSÌ LONTANO, COSÌ VICINO”

Mostra a cura di Carlo Morelli con

Proiezione del video Beffandomi così anche dell'infinito

prodotto dalla Fondazione Plart e realizzato da NFI

Concerto dal vivo That’s Napoli Live Show diretto da Carlo Morelli

Visual Design di Capware Lab

Per l'edizione 2021 di NAJM, la Fondazione Plart presenta “Novecento: così lontano, così vicino” a cura di Carlo Morelli, una mostra sotto le stelle che intende omaggiare la figura di Enrico Caruso nel centenario dalla sua scomparsa.

Gli spazi all’aperto dell’Hotel Costantinopoli 104, dimora di charme, si animeranno a ritmo di musica con momenti sospesi tra spettacolo e design, intrattenimento e storia:

- la proiezione del video Beffandomi così anche dell'infinito prodotto dalla Fondazione Plart e realizzato da NFI;

- il concerto dal vivo That’s Napoli Live Show diretto da Carlo Morelli.

Completa questo percorso tematico il visual design di Capware Lab. Prima star della discografia mondiale, Enrico Caruso fu il testimone di un processo di trasformazione che avvicinò la musica alle masse segnando un punto di svolta che si intersecò con i grandi cambiamenti economici, sociali e politici del XX secolo.

La mostra e il video “Novecento: così lontano, così vicino” saranno fruibili anche sabato 25 settembre presso la sede del Museo Plart, eccezionalmente aperto dalle ore 10:30 alle 19:00 con ingresso gratuito.

FONDAZIONE BANCO DI NAPOLI

Via Tribunali 213 – Napoli

Venerdì 24 settembre - 19,30/22,30

Sabato 25 settembre - 10,30/19,00

Domenica 26 settembre - 10,30/13,00

“VICO DELLE FATE”

Installazione di Betty Bee

Nel cortile della Fondazione Banco di Napoli, Betty Bee, artista napoletana e figura iconica dell'arte italiana, realizzerà un'installazione con una grande scultura in ferro della sua sirena,

accompagnata dalla proiezione del video animato della storia ‘Vico delle fate’ da lei scritta e narrata. Questo lavoro rappresenta la narrazione del suo inizio artistico, è la volontà di raccontare la trasformazione di una realtà tragica e dolorosa che l'artista rielabora in una favola, una sorta di rito di passaggio nel quale, in totale solitudine, una ragazzina intuisce il potere dell'arte e diventa maestra di sé stessa con la consapevolezza del suo potere di essere vincente. “Come tutto il mio lavoro, - dice Betty Bee - il progetto nasce dall’esigenza e la necessità di trasmettere cambiamenti possibili…dal tragico al bello dal surreale al reale e dall'impossibile al fattibile! Un lavoro funzionale nel sociale…un messaggio di speranza e opportunità questo vuole essere la storia di vico delle fate!’L’artista ha attraversato l'arte italiana negli ultimi 30 anni, rappresentando sé stessa, in un ironico rincorrersi tra arte e vita, talvolta provocatorio, dissacrante e spesso dolorosamente narrativo, nella sua estetica gioiosamente graffiante. La favola sarà impaginata con illustrazioni originali dell'artista a colori che saranno distribuite al pubblico. Il progetto prevede, successivamente, un workshop con l'artista rivolto ai bambini, a cui farà seguito una mostra dei lavori da loro prodotti che si terrà all'interno della Fondazione.

Per i bambini si offriranno laboratori da prenotare presso la Fondazione Banco di Napoli entro il 24 settembre chiamando al numero 081449400. 

SABATO 25 SETTEMBRE 

ASSOCIAZIONE PER L’ARTE CONTEMPORANEA ZERYNTHIA O.D.V.

Villa Piromallo - Via Manzoni 65/67 –Napoli

Sabato 25 settembre - 16,00/20,00

“VILLA PIROMALLO”

Installazione di Donatella Spaziani 

a cura dell’Associazione Zerynthia e di Alberto Del Genio

Testo critico di Giuliano Sergio

La bellezza e il fascino degli spazi di VILLA PIROMALLO diventano per un giorno contenitore d'eccellenza per dare voci ai poeti. E’questo l’intento dell’installazione di Donatella Spaziani, che appellandosi alla sua cifra stilistica, interviene sulla facciata del palazzo con delle carte disegnate a ricostruire decori saccheggiati, trasformando l'architettura in naturale scenografia. Lo spazio antistante diventa così palcoscenico per le azioni dei poeti invitati ad intervenire: Annalisa Davide, 

Achille Pignatelli, Camillo De Felice, Eugenio Lucrezi, Giovanna Marmo, Giulia Scuro, Igor Esposito. Poeti con linguaggi, età e attitudini diverse, protagonisti della poesia contemporanea di Napoli, una miscellanea di versi ed emozioni a conferma della necessità di potere individuare sempre più nella collettività espressiva una possibilità di crescita del singolo. 

DOMENICA 26 SETTEMBRE 

DAFNA GALLERY

Vivai Calvanese - Via Foria 234 Napoli

Domenica 26 settembre - 10,00/14,30

“GUARDIANI 21”

Installazione di Antonella Raio 

Un albero, secondo la botanica moderna, è la manifestazione di una collettività modulare e gli elementi che lo compongono danno vita a un microcosmo relazionale.  La caduta e morte di un albero pone lo sguardo davanti alla fine di un complesso intreccio di regole naturali prestabilite. “Guardiani21” è un'azione collettiva che inizia nel 2019 quando nell’ storico Vivaio Calvanese di Via Foria cadde un antico albero di cedro a seguito di una tempesta. La caduta perfettamente orizzontale del cedro ha rappresentato per l'artista motivo di riflessione sulla possibilità di dare vita ad un'azione collettiva che fosse finalizzata ad un allontanamento dall’individualità a favore di una comunione d’intenti. Con l'obiettivo di volere evidenziare l'opportunità anche in un evento spiacevole, il 26 settembre l'artista presso il Vivaio Calvanese, creerà le condizioni affinché una parte dell'albero venga ricongiunta dando la possibilità ai partecipanti di diventare protagonisti e futuri custodi della sua ri – congiunzione.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Veronica Simioli’Ncroce, il singolo di Veronica SimioliÈ disponibile ufficialmente su YouTube il videoclip di...
Farine con germe di granoLe farine “sensoriali” per pizze...Pizze alte, soffici, leggere o croccanti e altamente...
denim HM‘90Denim. Da H&M si ricicla il...Tornare indietro è l’unico modo per andare avanti:...
Young Symphony, a Pomigliano d'Arco...Inizia venerdì 17 settembre, alle ore 20, presso il...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500