martedì 19 GIUGNO 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

L’impressionismo napoletano

de nittisIl tratto ripreso dall’impressionismo francese nei paesaggi e nelle feste tipicamente partenopee  dei quadri della scuola di Posillipo e gli scorci e le figure francesi ritratti dai grandi pittori napoletani che si trasferirono a Parigi. Imperdibile la mostra “Da De Nittis a Gemito”.

In mostra a Palazzo Zevallos Stigliano in via Toledo, 185, fino all’8 aprile 2018 la mostra imperdibile “Da De Nittis a Gemito. I napoletani a Parigi negli anni dell’Impressionismo”, a cura di Luisa Martorelli e Fernando Mazzocca. Banca Intesa San Paolo (proprietaria del palazzo che fa parte delle Gallerie d’Italia) offre una splendida panoramica tra le opere di pittori e scultori napoletani presenti a Parigi nella seconda metà dell’Ottocento, fisicamente o attraverso le opere inviate ai Salon e alle Esposizioni Universali. La particolarità è che i campani sono stati più numerosi di quelli provenienti da qualsiasi altra parte d’Italia. La mostra ripercorre lo sviluppo della pittura napoletana alla luce di questo fenomeno che ha interessato i generi più amati di quel tempo, il paesaggio, le marine, la veduta urbana e soprattutto la cosiddetta “pittura della vita moderna”, di cui gli Impressionisti e Giuseppe De Nittis sono stati i maggiori interpreti.

Con una trentina di opere, di cui una mai esposta prima, De Nittis è la figura emblematica della mostra, che non ha nulla da invidiare a Monet. Pugliese, ma napoletano di vocazione e cultura, nel suo celebre salotto parigino – dove erano ospiti abituali tra gli altri Edgar Degas, Edmond de Goncourt, Charles François Daubigny insieme a vari protagonisti della mondanità – ha accolto gli artisti napoletani che giungevano in città. Tra questi Antonio Mancini che proprio dall’assidua frequentazione di quel salotto riuscì a trarre ispirazione per una pittura del tutto originale. Una intera sezione della mostra è dedicata allo scultore Vincenzo Gemito di cui vengono esposti numerosi ritratti e, grazie a un prestito eccezionale dal Museo Nazionale del Bargello, il grande “Pescatore”, presentato all’Esposizione Universale del 1878. Giuseppe Palizzi, Domenico Morelli, Gioacchino Toma, Francesco Netti, Francesco Paolo Michetti, Federico Rossano, Edoardo Tofano, Giacomo Di Chirico, Alceste Campriani sono gli altri protagonisti di questa mostra e ci raccontano con le loro opere come tra le pendici del Vesuvio e le rive della Senna nacque la “pittura della vita moderna”.

Orari: da martedì a venerdì dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso alle 17:30). Sabato e domenica dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso alle 19.30). Lunedì chiuso. Aperture straordinarie: 18, 26 dicembre, 6 gennaio, 1 e 2 aprile. Prolungamento orario di apertura fino alle 20: 8 dicembre, dal 26 dicembre al 5 gennaio (escluso il 31 dicembre 10.00-16.00), 1 aprile.

Ingresso: biglietto congiunto valido per la visita alle mostre temporanee e alle collezioni permanenti: intero 5€; ridotto 3€. Gratuito per convenzionati, scuole, minori di 18 anni, ogni prima domenica del mese, il 6 dicembre, 1° aprile. Prenotazione obbligatoria per i gruppi e le scuole.

Il 13 gennaio LeCapere Tour Napoli propone una speciale visita guidata alla Mostra dalle 17.15 alle 19.00. Sarà un viaggio artistico che terminerà con una sosta culinaria alla friggitoria "Passione di Sofì" per un aperitivo a base di taralli fritti e birra. Fotografia: Opera di Giuseppe De Nittis, Pranzo a Posillipo.

L'Autore
Alessandra del Giudice
Author: Alessandra del Giudice
Giornalista, fotografa, sociologa, attrice, cuoca, artigiana. Fa parte della redazione di Napoli Città Solidale e collabora con il Corriere del Mezzogiorno. Ama le storie e le inchieste: proverbiali i suoi scritti XL. L'eclettica Alessandra talvolta dimentica in quale iperspazio ha lasciato la testa, incorrendo in tragicomiche gaffe. Alice, per gli amici, appena può parte per qualche paese lontano, ma torna sempre nella sua città preferita: Napoli.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Passegiata liminiLa costiera amalfitana a piedi tra...Una vera e propria esperienza che stimola i cinque...
tramonto pratoVoglia di raccontarsi a 85 anni:...Martino Passannanti all’età di 85 anni avverte un...
Gue peguegnoGuè Pequeno all'Arenile di BagnoliPunto di rifermento assoluto del rap italiano, primo...
napoli salsaNapoli capitale della salsaPer un’intera domenica la città  si trasformerà nella...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500