martedì 17 LUGLIO 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

Napoli è gialla fino al 1°aprile!

matilde de feo giallaAncora solo fino al 1 aprile sarà possibile ammirare le opere di The Show Must Go_On & Per Un Archivio Dell'arte In Campania del Museo Madre e fare un viaggio nella Napoli “Gialla” di Matilde De Feo.

Napoli è “giallificata” nell’opera Naples three of three di Matilde De Feo commissionata dal Museo Madre di Napoli (in via Settembrini, 79) per far parte di Per_Formare una Collezione The Show Must Go_On & Per Un Archivio Dell'arte In Campania, progetto avviato nel 2013 dal direttore Andrea Viliani e dedicato alla formazione progressiva della collezione permanente. Il percorso integrato che, pur nell’autonomia delle singole pratiche artistiche, approfondisce e rilegge da nuovi punti di vista opere e documenti, allestito ad aprile 2017, sarà visibile ancora fino al 1° aprile 2018.

La sezione della collezione “Per un archivio dell’arte in Campania” riserva particolare attenzione alla produzione video-filmica attraverso le molteplici connessioni fra arte, design, architettura, urbanistica e cambiamenti socio-economici e di matrice antropologica in corso sul territorio campano. In questo contenitore va segnalata la complessa e originale trilogia cross mediale di Matilde De Feo #Naplesthreeofthree ospitata nella sala in fondo del mezzanino (scala sinistra) del MADRE dove l’artista allestisce, in un’unica stanza, il primo capitolo della trilogia dal titolo DesertFlower e una traccia progettuale del secondo capitolo, Ramondino’s Apologue (il terzo capitolo è ancora da realizzare). Nella sala buia spicca una ginestra che spacca il pavimento del Madre con tutta la sua forza pervasiva, determinata a trasformare la città, partendo idealmente dal Vesuvio e dalla periferia verso il centro, passando attraverso la muraglia cinese.

Attraverso uno sguardo originale e intenso Matilde De Feo attua una ricognizione poetica e visiva del concetto di comunità ed ecosistema, di trasformazione e di resistenza. Il lavoro si compone di tre racconti, pensati come tre finestre sulla città realizzati in seguito ad una approfondita ricerca e grazie all’incontro e alla relazione con l’altro, soggetto protagonista delle storie. Ogni racconto ha un suo linguaggio autonomo benché entri in relazione con l’altro grazie ad un filo narrativo comune, si va dal video all’audio intervista passando per il disegno. Gli strumenti utilizzati per riprendere la realtà sono semplici e non intrusivi: De Feo utilizza per le riprese due Canon 5D e un iphone SE. Il primo racconto e parte del secondo sono stati realizzati grazie alla collaborazione con Marina Dammacco, Renato Esposito, Resli Tale, Raffaele Mariniello, Simona Infante, Giuseppe Beneduce.

matilde de feo gialla 1

La video installazione DesertFlower racconta di un’improvvisa trasformazione del paesaggio che diventa giallo, e prende spunto dalla storia della ginestra etnea, una specie di ginestra arborea importata dall’Etna dopo l‘ultima eruzione del 1906 per arginare la lava, particolarmente invasiva e che, nell’estate del 2016 è stata protagonista in forma di notizia su tutti i giornali col titolo: “La ginestra etnea sta cancellando il Vesuvio.  La pianta stava soppiantando la ginestra autoctona minacciando di modificare il colore e la forma del vulcano. Vulcano Vesuvio che tragicamente appena 3 giorni dopo le riprese è stato brutalmente incendiato e dunque perennemente modificato la sua fauna e la sua flora.

E, cosa nell’ultimo secolo, con lo stesso valore ambivalente della ginestra etnea ha modificato il nostro paesaggio? La casa. Dunque la “giallificazione” del Vesuvio è metafora del processo di urbanizzazione e cementificazione che negli ultimi 50 anni ha parzialmente modificato il profilo della città. A riportare questo mutamento antropologico oltre che architettonico sono cinque napoletani più e meno noti, ritratti alle prime ore del mattino nello svelamento della propria casa: una studentessa, il fotografo Luciano Ferrara e un bambino raccontano le dinamiche abitative del centro storico; un uomo che ha trasformato la sua casa di via Tasso in un b&b rappresenta “la città di mezzo”, e infine Mirella Pignataro, moglie di Felice Pignataro, racconta la periferia, Scampia prima della cementificazione. Le quattro interviste degli abitanti pubblicate on line completano la comprensione della videoinstallazione sul web, rafforzando il valore crossmediale del progetto. Alle immagini intime e private delle case fanno da contraltare quelle pubbliche: sono ritratte in video le opere architettoniche di Aldo Loris Rossi, Davide Pacanowski, Franz di Salvo, Luigi Cosenza, Stefania Filo Speziale, Franco Purini.

Sempre nella sala dedicata dal Museo Madre a Naples Three of Three troverete anche Ramondino’s Apologue, la traccia progettuale di un futuro film animato dedicato alla scrittrice Fabrizia Ramondino co-sceneggiato con Marina Dammacco. Lo story board con disegni di Resli Tale costruito a partire, dalla lettura delle opere di Ramondino, in particolare de Il libro dei sogni, è accompagnato l’audio fruibile in sala di un’intervista inedita di Matilde de Feo al regista Mario Martone sul suo incontro con la Ramondino e il lavoro introspettivo della scrittrice. L’intervista fornisce un’anteprima del lavoro che sarà sviluppato in forma completa nel 2018.

matilde de feo

Per_Formare una Collezione è il progetto avviato nel 2013 a cura del direttore Andrea Viliani e sviluppatosi in differenti capitoli intermedi – dedicato dal MADRE (via Settembrini, 79) alla formazione progressiva della collezione permanente. Un percorso integrato che, pur nell’autonomia delle singole pratiche artistiche, approfondisce e rilegge da nuovi punti di vista opere e documenti. In questo nuovo capitolo sono presenti e saranno esposte fino ad aprile 2018 nella sezione The Show Must Go_On le opere di più di 50 fuoriclasse: Lucas Ajemian, Kai Althoff, Francesco Arena, John Armleder, Darren Bader, Eli Begen, Nina Beier, Monica Bonvicini, Gregorio Botta, Paolo Bresciani, Sol Calero, Antoine Catala, Maurizio Cattelan, Matthew Cerletty, Maria Adele Del Vecchio, Eugenio della Croce, Amelia Diacono, J.W. Dibbi, Alberto Di Fabio, Gerardo Di Fiore, Roe Ethridge, Pierpaolo Falone, Sergio Fermariello, Ilaria Fincantieri, Urs Fischer, Anselm Fuchs, Ganzbrot Kollektiv, Jef Geys, Eugenio Giliberti, Judith Goudsmit, Leila Heidari, Corin Hewitt, KAYA (Kerstin Brätsch-Debo Eilers-Kaya Serene), Barbara Kasten, Mark Kokopeli, Runo Lagomarsino, Greta Lauber, Mark Leckey, Sherrie Levine, Pietro Lista, Emilio Mazzerano, John McCracken, Alessandro Mendini, Aurelie Messerin, Jonathan Monk, Alvise Monserrato, Anca Munteanu Rimnic, Marcella Musacchi, Katharina Sieverding, Michael E Smith, Heji Shin, Martine Syms, Rosemarie Trockel, Elio Washimps, John Wesley, Christopher Williams, Micheal Zahn sistemati al secondo piano del museo in un percorso favorito anche da importanti collaborazioni inter-istituzionali.

La sala Show_Yourself@MADRE (piano terra) e le tre sale del mezzanino (scala sinistra) ospitano “Per un archivio dell’arte in Campania”: le opere selezionate in questo capitolo “articolano e approfondiscono la natura performativa della collezione del museo d’arte contemporanea”, con gli artisti Matilde De Feo, Afterall, Paolo Bini, , Raffaele Luongo, Moio e Sivelli e Annamaria Pugliese.

L'Autore
Alessandra del Giudice
Author: Alessandra del Giudice
Giornalista, fotografa, sociologa, attrice, cuoca, artigiana. Fa parte della redazione di Napoli Città Solidale e collabora con il Corriere del Mezzogiorno. Ama le storie e le inchieste: proverbiali i suoi scritti XL. L'eclettica Alessandra talvolta dimentica in quale iperspazio ha lasciato la testa, incorrendo in tragicomiche gaffe. Alice, per gli amici, appena può parte per qualche paese lontano, ma torna sempre nella sua città preferita: Napoli.

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
eclissiL'eclisse di Luna più lunga del...A Capodimonte una serata ricca di emozioni senza...
Ellis Island"NIÑO": una storia vera su una...Terzo appuntamento con "Teatri in Blu", la seconda...
books“I Quattro elementi” al Caffè...Reading erotici, incontri speciali con gli autori,...
jazz in vigna“Jazz in Vigna” ai Campi FlegreiPenultimo appuntamento della rassegna “Jazz in Vigna”,...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500