domenica 15 DICEMBRE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Storytelling e realtà aumentata: Aria Platform in Accademia

alcanoidOcchiali speciali, parabrezza che ti guidano nel traffico, specchi intelligenti, riviste interattive, quadri che prendono vita, si chiama realtà aumentata (augmented reality) ed è una tecnologia che sfrutta i display dei dispositivi mobile, dei wearable device per aggiungere informazioni a ciò che vediamo. Per scoprirla l’appuntamento è con l’artista Matilde De Feo e gli allievi del suo corso in Processi e Tecniche dello Spettacolo Multimediale dell’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Giovedì 5 dicembre, nell'Aula Magna dell'Accademia delle Belle Arti di Napoli, un evento tutto dedicato alla realtà aumentata in relazione al concetto di narrazione espansa, iniziativa promossa all'interno del corso Processi e Tecniche dello Spettacolo Multimediale dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, gli allievi saranno impegnati nello sviluppo di contenuti multimediali (film e animazioni) che si animano in AR. Sarà presentata Aria the platform, un'app di realtà aumentata totalmente gratuita di recente ospite alla @MilanoDesignWeek con Alchemica, un progetto che ha coinvolto 32 illustratori e animatori professionisti.

Aria the platform https://www.instagram.com/ariaplatform/?hl=it.

L’incontro è a cura di Matilde De Feo, artista e docente di Processi e Tecniche dello Spettacolo Multimediale, Accademia Belle Arti di Napoli.  Intervengono: Giuseppe Gaeta, direttore dell'Accademia Belle Arti di Napoli; Stefano Incerti, regista, docente e coordinatore della Scuola di Cinema dell' Accademia Belle Arti di Napoli;  Tai Yuh Kuo, direttore creativo di Alkanoids; Linda De Feo, docente di Sociologia della Narrazione, Università Federico II di Napoli;  Adolfo Fattori, sociologo e docente di Fenomenologia dei Media, Accademia Belle Arti di Napoli; Resli Tale, artista e illustratrice.

alchemica

Possiamo definire la Realtà Aumentata come l’integrazione di informazioni digitali in tempo reale con l’ambiente in cui si trova l’utente. Tale integrazione produce quindi un “arricchimento” della realtà da cui deriva il termine AR. Gene Youngblood, già nel 1970, nel testo storico Expanded Cinema, parte da una considerazione tecnologica e prova a immaginare un cinema del futuro che abbia non solo lo scopo di intrattenere o raccontare, ma esplorare nuove dimensioni di consapevolezza e di coscienza attraverso l’uso delle nuove tecnologie, del video e dell’informatica.  Prefigurando una soglia narrativa espansa a metà tra reale e virtuale, vissuta in maniera partecipata e immersiva, e che si pone come organismo in continua espansione. Con AR il contenuto multimediale è ovunque e intorno a noi, nell'ubiquitous computing, in una realtà cinematica, una "cybercezione" che non implica solo un nuovo corpo e una nuova coscienza, ma una ridefinizione di come potremmo vivere tra reale e virtuale, dov'è fondamentale il concetto di spazio e condivisione. Gli orizzonti applicativi di AR sono pressoché infiniti: dall’automotive al manufacturing allo smart packaging, viene utilizzata in ambito museale con scopi di fruizione e apprendimento, ma anche gli artisti ne scoprono nuove opportunità di utilizzo per la produzione di opere innovative. AR permette di raccontare storie rompendo il confine tra reale e virtuale, vivere esperienze creando narrazioni espanse. Lo studio Alkanoids di Milano ha sviluppato l’App Aria The AR Platform, per IOS e Android, basata sulla realtà aumentata. Una volta scaricata l’app basta inquadrare l’immagine con smartphone o tablet, e l’illustrazione si anima “aumentando” i suoni e i movimenti dell’immagine/marker di partenza. In Alchemica, un progetto che ha coinvolto 32 illustratori e animatori professionisti, l’applicazione Aria The AR Platform ha trasformato la mostra in un’esperienza unica, confondendo realtà e mondo digitale attraverso lo strumento che noi tutti abbiamo in tasca: lo smartphone.

Cosa: Storytelling e realtà aumentata: Aria Platform in Accademia.

Dove: Accademia di Belle Arti, via Bellini 36, Napoli.

Quando: giovedì 5 dicembre 2019 dalle 14 alle 18.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
gattusoBabbo Natale, la maglia nuova, e il...Constatazione amara e dolorosa: credo che sia la prima...
parteno e bastimenteField recording e legni incisi per...Un universo parallelo e senza tempo è quello ricreato...
farielloFondazione Bideri recupera Vincenzo...Un 45 giri che rilancia un capolavoro dimenticato di...
bonomoReality: online il videoclip del...E’ online il videoclip di ‘Reality’, il nuovo singolo...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500