mercoledì 19 GENNAIO 2022
blank
 
chi siamo 
contatti

Tachicardia azzurra

2CHN3998Ci sono partite che sono dichiarazioni. Partite in cui si scende in campo con le idee gelidamente chiare, in cui si vuole dire solo una cosa: non siamo qui per pareggiare, dobbiamo vincere. Il Milan viene da una sequenza di partite eccezionale, in campionato ma non solo, da ultima ha recuperato uno svantaggio di due gol contro la Fiorentina, che non è propriamente il Crotone. C’era di che essere preoccupati.

E invece. E invece gli undici di Sarri scendono in campo con la giusta tracotanza di chi pensa che i tre punti se li deve portare a casa e basta. Bastano i primi otto minuti per mettere in chiaro le cose. Assist di Mertens e gol di esterno sinistro di Lorenzo Insigne al 5’, dopo 3’ ancora assist di Mertens e rasoiata di Callejon da destra, un tiro talmente angolato e impossibile da essere più adatto al verde di un tavolo da biliardo che al San Siro. I primi 25 minuti sono solo Napoli: Napoli che attacca, che forza gli spazi della difesa, che segna in contropiede e segna passando fra le gambe di Donnarumma, uno dei migliori portieri delle serie A. Sono soprattutto Mertens, che non segna e si pappa almeno due gol, ma fa segnare e quindi va bene così. Poi il diavolo si sveglia, com’era giusto e prevedibile, ma incredibilmente resistiamo a tutto: alle incursioni in area di Bacca, all’arbitraggio piratesco di Rocchi, ai falli di Calabria che assomigliano più a delle e proprie molestie a sfondo sessuale. La differenza rispetto alla squadra dell’anno scorso sta proprio in questo, nella capacità di stringere i denti e soffrire, soprattutto serrando le maglie di centrocampo e difesa, dove il contributo di giocatori come Rog e Diawara è stato fondamentale, soprattuto data l’assenza di Koulibaly. Sanno soffrire, e le nostre coronarie soffrono con loro.

Ci sono partite che sono dichiarazioni: Milan – Napoli era una dichiarazione di guerra.

ForzaNapoliSempre!

L'Autore
Serena Venditto
Author: Serena Venditto
È nata a Napoli il primo agosto 1980, per festeggiare il compleanno della squadra. Archeologa e scrittrice, è autrice di una serie giallo-umoristica con protagonisti il gatto detective Mycroft e un gruppo di amici impiccioni, di cui l’ultimo è l’ebook gratuito “Malù si annoia. Quarantena in giallo per quattro coinquilini e un gatto”. Cura per Napoliclick la rubrica #Barsport

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Catacombe San Gennaro CoverUna discesa nella storia tra mistero...Hanno sfidato i siti più famosi e ricercati del globo e...
B Tragedies Ph Laura Farneti 1Trilogia shakespeariana trashLa compagnia Meridiano Zero è in scena con “B-TRAGEDIES...
Due napoletani doc al Primafestival...Sempre più vicino l'appuntamento con Sanremo, il...
Concerto NanasiTeatro San Carlo, Henrik Nánási sul...Quinto appuntamento della stagione di concerti 2021/2002...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500