mercoledì 19 GENNAIO 2022
blank
 
chi siamo 
contatti

Il corpo umano

insigne 3In natura, qualsiasi sistema tende a raggiungere e conservare un equilibrio: se un elemento esterno interviene a turbarlo, il sistema, farà di tutto per ristabilire le condizioni iniziali o almeno una nuova stabilità.

Anche per il corpo umano, per fare un esempio di cui tutti possiamo avere un riscontro immediato, funziona così: se non possiamo vedere svilupperemo al meglio gli altri quattro sensi (o quattro e mezzo, se siete Dylan Dog) per sopperire a questa carenza (Daredevil docet), se non possiamo camminare le nostre braccia diventeranno certamente più forti, se dobbiamo raggiungere un punto molto alto ci inventeremo qualcosa, secondo il vecchio adagio per cui chi non ha forza adopera ingegno.

Seguitemi, non ho sbagliato a inviare il pezzo, non dovevo mandarlo a Focus: sto, come ogni settimana, parlando proprio del Napoli.

Come tutti sapete, sabato 8 ottobre dell’anno sfigato 2016, Arek Milik si sfascia il crociato sinistro, e il Napoli resta, di fatto, senza centravanti, e tra infortuni minori, squalifiche e altri problemi ci sono partite, come quella con l’Empoli, in cui per poco non abbiamo messo in campo un passante perché non c’era nessuno che si trovasse a giocare non dico nel ruolo, ma almeno in zona attacco. Ma abbiamo dalla nostra parte la natura, ovvero un grandissimo allenatore, che le ha provate tutte, Mertens falso nueve, Gabbiadini, Callejon, a seconda della partita sperimentava schemi e possibilità alternative per sopperire alla rottura dell’equilibrio (e del crociato).

E così, dopo tre mesi e mezzo e con il rientro del polacco ormai imminente, un Napoli senza centravanti di ruolo ha trovato una sua dimensione nuova, non solo con Hamsik e Callejon, ma soprattutto con la compresenza ormai più che rodata fra Mertens e Insigne, col primo che segna come quellochestaatorino e il secondo che sta dando il massimo proprio perché ormai proprio perché non ha più ansie da prestazione e tema di essere sostituito da un momento all’altro. Lo stesso non si può dire per Gabbiadini, determinante in molte occasioni finché è stato all’ombra di un titolare e poi troppo in ansia per poter reggere in un ruolo che non era il suo. Se ne andrà presto, pare certo ormai. Come reagisce il corpo-Napoli a questo nuovo equilibrio con l’arrivo di Pavoletti? Ieri poteva essere la serata ideale per rispondere a questa domanda, ma purtroppo Napoli-Palermo non dice nulla: 100 minuti di assedio, senza fortuna e qualche disattenzione, a una porta difesa da undici vestiti di rosa che hanno fatto un unico tiro in porta. Uno! Aspettiamo una partita diversa, con un avversario che giochi e non si arrocchi in pochi metri quadrati per valutare l’impatto di forze nuove.

E pensare che la giornata sportiva era iniziata con la vittoria di Federer agli Open in Australia… insomma, poteva andare decisamente meglio che pareggiare con la penultima in classifica, no?

L'Autore
Serena Venditto
Author: Serena Venditto
È nata a Napoli il primo agosto 1980, per festeggiare il compleanno della squadra. Archeologa e scrittrice, è autrice di una serie giallo-umoristica con protagonisti il gatto detective Mycroft e un gruppo di amici impiccioni, di cui l’ultimo è l’ebook gratuito “Malù si annoia. Quarantena in giallo per quattro coinquilini e un gatto”. Cura per Napoliclick la rubrica #Barsport

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Catacombe San Gennaro CoverUna discesa nella storia tra mistero...Hanno sfidato i siti più famosi e ricercati del globo e...
B Tragedies Ph Laura Farneti 1Trilogia shakespeariana trashLa compagnia Meridiano Zero è in scena con “B-TRAGEDIES...
Due napoletani doc al Primafestival...Sempre più vicino l'appuntamento con Sanremo, il...
Concerto NanasiTeatro San Carlo, Henrik Nánási sul...Quinto appuntamento della stagione di concerti 2021/2002...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500