lunedì 21 OTTOBRE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

A chi non tiene cuore

napoli juventus 2

Buon Lunedì a tutti! Iniziamo con un commento sulla sfida di ieri sera fra Napoli e Ternana. Buona prova del Napoli, che tiene alto il ritmo per tutti i novanta minuti contro una squadra in assetto difensivo totale. Soliti sprechi partenopei, grande gol di Hamsik e pochi pensieri per Rafael al posto di Pepe Reina infortunato.

Aspettate, mi stanno dicendo una cosa. No, non era la Ternana? Ah, era la Juve? Ma voi veramente fate? Ecco perché c’era Higuaín. Ora ho capito, ricominciamo.

All’inizio lo vedevo in tv e stavo male, proprio male fisicamente, come quando vedi un una persona che hai amato tanto e sai che non sei più nei suoi pensieri, che ama un’altra e ti gira lo stomaco, ti pulsa la testa, il cuore va a mille e ti salgono le lacrime agli occhi e fingi che sia allergia, perché ti vergogni, a far vedere agli altri che ancora stai una pezza per quello là. Ti ha mollato per una racchia con i soldi e tu ancora guardi le sue foto? E dai…

Poi è montata una rabbia cieca, un odio feroce che è durato fino a Natale, tempo di serena velutazione dei sentimenti reali della vita, quando ho smesso di lanciare oggetti contro la tv ogni volta che lo vedevo (anche perché mi è stato fatto notare è piuttosto pericoloso): ora dico solo “ommemmerd” a ogni passaggio, rischio figure di niente, ma è meno dannoso.

Da un po’ di tempo in città si è cominciato a discettare sulla degna accoglienza da riservargli: pioggia di fischi, pernacchi sontuosi da far tremare il golfo e così via. Ma io avevo in mente una sola immagine: Matrimonio all’italiana, Sophia Loren in vestaglia, discinta e selvaggia che guarda verso la stanza da letto e con tutto il disgusto possibile mormora: "A chi non tiene cuore non ci può venire l'infarto".

Ieri sera il San Paolo se ne è caduto di fischi, sono piovuti in campo soldi falsi, Hamsik lo ha ignorato appena entrato in campo: Marekiaro è stato il primo ad arrivare sul terreno di gioco, è passato a pochi metri da lui che, palleggiando, s'è fermato cercando lo sguardo dell'ex compagno, probabilmente per un saluto, ma il capitano ha continuato la sua corsa e i due non si sono incrociati. Insulti dagli spalti, indifferenza dal campo: tutte le sfumature del disgusto. Ora io non lo so se tutto questo lo ha scalfito, se ormai ha metabolizzato l’odio che riceve come io quello che nutro per lui, se ci è rimasto male, se in un angolino del suo cervello sta maturando l’idea che ha fatto una gran minchiata. Io lo spero, vorrebbe dire che un minuscolo angolino del suo minuscolo cervello sta soffrendo. Ma il cuore non so. Se non ce l’hai…

L'Autore
Serena Venditto
Author: Serena Venditto
Serena Venditto è nata a Napoli il primo agosto 1980, per festeggiare il compleanno della squadra. Ha pubblicato con la casa editrice homi scrivens la commedia rosa Le intolleranze elementari, E le commedie gialle Aria di neve e C'è una casa nel bosco, con protagonista il gatto detective Mycroft. Ama i gialli, ma sopratutto l'azzurro.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
gennaro coppolaPunto tutto sulla qualità. Parla...Nata nel 2016 la trasmissione di attualità e...
Il mondo salvato dai ragazziniIl mondo salvato dai ragazzini: si..."Leggere è andare incontro a qualcosa che sta per essere...
venezia a NapoliCon Venezia a Napoli il cinema...Un vecchio luogo comune della crisi del cinema in Italia...
Michele IodiceIncontro con Michele Iodice nel suo...Visioni e sogni è il titolo che Iodice ha scelto per...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500