giovedì 21 FEBBRAIO 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Se niente è scritto

napoli afroNon tutti sanno che esiste un Napoli del 1906, vent’anni prima di quel Napoli che conosciamo e tifiamo. Un Napoli prima del Napoli che si chiama Naples Football and Cricket Club (modellato sul nome dell’allora non ancora gemellato Genoa, poi il cricket ce lo siamo persi per strada, non credo di sentirne la mancanza) fondato da Hector Bayon, un funzionario di una società marittima inglese che lavorava al porto di Napoli.

In questo prototipo del Napoli giocavano cinque inglesi, due spagnoli, tre francesi, due tedeschi e naturalmente diversi napoletani. Venivano dai quattro angoli d’Europa, ma parlavano la lingua universale del pallone. È lo stesso spirito di Afronapoli, la squadra che sabato battendo il Neapolis per 3-0 è salita in Eccellenza vincendo il campionato con un numero di giornate d’anticipo piuttosto imbarazzante, ben quattro. Una squadra coloratissima e fortissima, che ci racconta cos’è davvero lo sport e cosa dovrebbe essere ancora: un momento di aggregazione, conoscenza, superamento dei propri limiti. Felicità. Chissà se prima o poi ci sarà un derby partenopeo, in questa città che a differenza di tante altre metropoli ha il cuore di un unico colore. Come tutto ciò che ci riguarda, sarebbe un derby unico al mondo.

E non è l’unico evento di sabato: la nostra domenica inizia infatti 24 ore prima, con il seducente pareggio della Juventus con la Spal, intonato al commovente sottofondo dei ferraresi che cantavano «Mio fratello è napoletano». È importante, non solo per la classifica: serve a scrollarsi di dosso questo senso di ineluttabilità del Fato per cui noi siamo condannati a essere perennemente l’antiJuve, come se avessimo addosso una cappa, un miasma da tragedia greca per cui chissà quali colpe arcaiche dobbiamo scontare, come contaminati da un antico peccato di hybris, la tracotanza di chi offende gli dei.

Dopo il commosso ricordo al maestro Luigi Necco, il primo tempo col gemellato Genoa ha l’aria di una sequenza di occasioni sprecate, come se il fatto di giocare una volta alla settimana, invece di caricarli li avesse rilassati. Troppo. Come se fossero stanchissimi, senza quei guizzi geniali, quel tocco di magia, di eterea bellezza a cui siamo abituati. Come se fossero tornati normali,  e normali non siamo. E lo stop di Hamsik certo non aiuta.

Il secondo tempo comincia con un palo interno di Mertens, che è quasi un controsenso della fisica. In teoria dovrebbe entrare, invece no.

E tutto quello che in teoria non succede mai, poi invece accade. Segna chi non segnava da due anni, è Albiol a sbloccare la partita, in una occasione in cui non facciamo gol praticamente mai, su calcio d’angolo. Incredibile. Non pensavo neanche si potesse segnare più, su calcio d’angolo, credevo lo avessero cancellato dal regolamento, tanto… Per capirci, un gol del Napoli su calcio d’angolo è l’equivalente calcistico della zeppola di San Giuseppe, si vede una volta all’anno, ma dà grandi soddisfazioni.

Come volevasi dimostrare, quindi, non c’è nulla di scritto, nulla di preordinato dalle divinità del destino, ma solo altre partite da giocare fino al 20 maggio, altre partite da vincere. Senza arrendersi mai.

L'Autore
Serena Venditto
Author: Serena Venditto
Serena Venditto è nata a Napoli il primo agosto 1980, per festeggiare il compleanno della squadra. Ha pubblicato con la casa editrice homi scrivens la commedia rosa Le intolleranze elementari, E le commedie gialle Aria di neve e C'è una casa nel bosco, con protagonista il gatto detective Mycroft. Ama i gialli, ma sopratutto l'azzurro.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Comunico Ergo SonoComunico, Ergo Sono!In occasione della Giornata Mondiale della Lingua Madre,...
 Carnevale degli ScugnizziIl Carnevale degli ScugnizziLa comunità dello Scugnizzo Liberato e La...
Archivio Canzone NapoletanoPassioNa: quattro Serate di musica...La Canzone Napoletana è tra le musiche POPolari più...
strane coppie 3Alle “Strane Coppie” di Antonella...Le relazioni fra donne, nelle loro molteplici dinamiche,...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500