martedì 11 DICEMBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

Euforia Napoli

Euforia NapoliUna mentalità europea che lascia intendere come il Napoli non si accontenti delle briciole e voglia perseguire la strada del successo fino in fondo. Una squadra che non ha paura di nessuno, che segue alla lettera i dettami del suo allenatore, e si diverte in campo giocando come solo i grandi club sanno fare.

Una tifoseria, quella partenopea, che appena sente l’inno della Champions League in casa propria si trasforma lasciandosi trasportare dalle infinite emozioni in modo del tutto naturale e diventa una cosa sola con gli undici leoni azzurri. Eh sì, perché Hamsik e compagni, nella quinta partita del gruppo C, hanno assunto le veci dei padroni della savana dal momento che hanno divorato la Stella Rossa per 3-1 con un gol di “Marekiaro” e una doppietta di “Ciro” Mertens estromettendo di fatto proprio i serbi dalla bagarre per la qualificazione agli ottavi. Per il capitano del Napoli, che è il miglior goleador di tutti i tempi degli azzurri, si tratta del 121esimo sigillo con la maglia del club di De Laurentiis mentre il folletto belga ha raggiunto il traguardo di 100 marcature all’ombra del Vesuvio e si trova ora in sesta posizione in questa speciale graduatoria. Da applausi comunque la seconda rete del numero 14 azzurro: una prodezza che si è infilata perfettamente all’incrocio dei pali e ha fatto in modo pure che Mertens potesse superare Cavani in Europa (20 gol del belga contro i 19 dell’uruguaiano).

La qualificazione agli ottavi di Champions League è ancora un obiettivo concreto ed è a portata di mano degli uomini di Ancelotti che si trovano al comando della classifica nel girone C con 9 punti davanti a Paris Saint Germain (8), Liverpool (6) e Stella Rossa (4). Nell’ultimo atto, nel teatro dei sogni, ad Anfield contro la banda di Klopp si decideranno il cuore e i pensieri di questo Napoli, desideroso di spiccare il volo con due risultati su tre (vittoria o pareggio) nel tragitto dell’Europa che conta. Tutti gli altri conti specifici per il pass agli ottavi seppur giusti sono sempre subordinati ai primi due calcoli sopracitati.

«Questa squadra mi dà molte emozioni. Sono napoletano dentro. Era da due anni che non provavo queste emozioni». Con una dedica così piena di pathos di Ancelotti al termine della gara nei confronti della sua compagine e della città partenopea, non si possono non amare sia lui che i napoletani. Chapeau Carlo, con te tutto è possibile. 

 

 

 

L'Autore
Alessio Bocchetti
Author: Alessio Bocchetti
Giornalista pubblicista, scrive di cronaca e di sport. Collabora con il quotidiano Roma e con lo staff comunicazione della squadra multietnica Afro-Napoli United.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
musicantiNuove date per MusicantiStanding ovation per il debutto nazionale...
Maria Luisa Acquaviva. Xilografie 19602018Arriva a Napoli Maria Luisa...Arriva al Pan “Maria Luisa Acquaviva. Xilografie...
veleno del teatro“Il veleno del teatro”, sul palco le...Manuele Morgese e Salvatore Della Villa. Uno rappresenta...
napoli panoramaA Natale, ritorna “Mercato Meraviglia”Ritorna l’immancabile appuntamento natalizio nella...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500