giovedì 25 APRILE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

I duri hanno due cuori

milan napoli gen 2019C’è Pepe Reina che sta in tribuna e si mangia le mani. Intabarrato in un giaccone di montone e in una coppola che sarebbe ridicola su chiunque meno che su di lui (posso dire che è sexy anche se non è più dei nostri? Sì, dai, posso dirlo) si mangia le mani, teso e nervoso peggio che se fosse l’allenatore.

Non posso saperlo, ma posso immaginarlo: io scommetto che è perché sta tifando una maglia che non è quella che veste da settembre. Sta tifando Napoli, ma zitti, shhh, non lo deve sapere nessuno. Lui è un professionista, e cosa passa nella sua mente, beh, sono fatti suoi.

Non posso sapere, e neanche posso immaginare, cosa passa per la mente di Carlo Ancelotti ogni volta che mette piede a San Siro. Per uno come lui deve essere come avere due patrie, il doppio passaporto, una doppia cittadinanza che nel pallone sembra quasi impossibile. Sembra, perché lui la fa sembrare possibile. Essere un professionista significa questo, in fondo: poter cambiare maglia senza tradire quella che ti ha visto nascere. Essere un professionista, ma soprattutto essere un uomo. E sa di disegno superiore il fatto che nel ritorno a San Siro di Ancelotti, che al Milan certo non hanno dimenticato, non ci sia il traditore, il nostro. Avevo promesso che non ne avrei parlato più, però, vabbé, dai, mi è scappato.

Che detto fra di noi, già San Siro fa impressione. Io ci sono stata la prima e unica volta quest’anno, mi trovavo a passare, è il caso di dire, ero lì per Book city e c’era la Italia-Portogallo e ci siamo detti “e se?”. Il Meazza è un gigantesco omaggio al pallone, uno stadio bellissimo, quella sera animato da bambini, famiglie, bandiere, gente normale che mangiava le patatine e ogni tanto cantava. È strano pensare che sia lo stesso stadio dove due settimane fa, solo quindici giorni fa, è successo quello scatafascio, dentro e fuori: fuori, di incidenti, guerriglia urbana, agguati ai tifosi del Napoli, morti e feriti; dentro, di cori razzisti, espulsioni a cazzo, nervosismo.

milan napoli gen 2019 1

Quindici giorni dopo, altri cori, ancora, ma in campo tornano Koulibaly e Insigne, squalificati, ma non tornano Allan e Hamsik. Il secondo, il capitano sempre sia lodato, sta ancora acciaccato.

L’altro, Allan, è stato colto da un misterioso morbo. In pratica, equilibrando i vari articoli più o meno sensazionalistici di questi giorni, la notizia è grosso modo questa: il Paris Saint Germain ha offerto un bel gruzzolo per Allan, ma bello davvero, e il Presidente De Laurentiis ha rilanciato, chiedendo una somma per cui ti puoi comprare un Ronaldo e mezzo. E, incredibile, quelli veramente ci stanno pensando! Non hanno detto “Preside’, Mais tu es tombé la tête sur le sol?”. Stanno valutando la richiesta di Aurelio!

Il mister in conferenza stampa ha detto che Allan si è allenato poco in questa settimana, ed è per questo che non l’ha convocato. Mah, io non ci credo. Io dico che Allan non si è allenato proprio. Sta su una sedia in stato di shock che ripete “Il Paris Saint Germain” e i compagni lo sventolano a turno dicendo: “Non è niente, non è niente, mo passa”.

Com’è passata questa partita che sa sempre un po’ di anni Ottanta, finita in pareggio, senza gol e con poche emozioni. Questa trasferta milanese senza Allan e Hamsik: che sia una prova generale di ciò che si prospetta l’anno prossimo?  

L'Autore
Serena Venditto
Author: Serena Venditto
Serena Venditto è nata a Napoli il primo agosto 1980, per festeggiare il compleanno della squadra. Ha pubblicato con la casa editrice homi scrivens la commedia rosa Le intolleranze elementari, E le commedie gialle Aria di neve e C'è una casa nel bosco, con protagonista il gatto detective Mycroft. Ama i gialli, ma sopratutto l'azzurro.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
PREMIO DE FELICEPremio Nazionale Ezio De Felice 2019...C'è tempo fino al 26 luglio per partecipare al bando di...
MAGGIO DEI MONUMENTI 2019Maggio dei Monumenti 2019: una...Con un omaggio ad uno dei più grandi intellettuali...
La montagna ci invita escursioni sul VesuvioLa montagna ci invita, escursioni...Torna ad Ottaviano l’evento “La montagna ci invita”,...
SHAKESPEARETutti il mondo è Palcoscenico. al...“Tutta Napoli è un palcoscenico”, verrebbe da esclamare...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500