sabato 8 AGOSTO 2020
blank
 
chi siamo 
contatti

#World kissing day: baciarsi fa bene alla salute!

passion 4296544 960 720Baciarsi fa bene al cuore ma anche alla salute. Ebbene sì, lo dicono gli esperti: il bacio (non solo quello tra partner, ma tra amici, familiari…) aiuta a vivere meglio, non solo perché ci aiuta ad esternare i nostri sentimenti e ad avere un contatto umano con gli altri, migliorando le nostre relazioni e la nostra autostima.

La scienza parla anche di benefici a livello fisico: oltre alle belle sensazioni che solo un vero bacio d’amore riesce a dare, baciarsi è un toccasana naturale, riduce il dolore e lo stress grazie alla produzione dell’ormone dell’ossitocina, aumenta le difese immunitarie, protegge i denti dalla carie e previene perfino le malattie cardiache. Se credete che tutto questo sia davvero esagerato, sentite cosa dice in merito il professor Colin Hendrie, che insegna Comportamento umano e animale presso la facoltà di Medicina dell’Università di Leeds, in Gran Bretagna: “Con un calcolo non troppo azzardato, riteniamo che un bacio al giorno possa allungare la vita di ben cinque anni”. 

La Giornata mondiale del bacio

Certo, anche i baci desiderati hanno il loro perché, quelli non dati perché siamo impossibilitati a stare accanto alla persona amata, quelli cioè che hanno sperimentato molte coppie durante la quarantena da Covid o quelli che ci ancorano a un piano ideale non meno importante di quello reale. Ma cosa c’è di meglio che dare libero sfogo alla nostra libertà di baciare proprio oggi, 6 luglio, ovvero nella Giornata mondiale del bacio (eh sì, c’è una giornata mondiale proprio per tutto)? Istituito nel 1990 in Gran Bretagna, l’International Kissing Day è diventato una piacevole moda, anche social (hashtag #worldkissingday), ma anche un’occasione per scoprire come le abitudini legate al bacio possano cambiare da un posto all’altro. Se, ad esempio, in Italia, così come in Spagna, è abitudine salutarsi quando ci si incontra con due baci sulle guance, in Germania, Polonia, Canada e Stati Uniti, si usa salutarsi con un abbraccio. Paese che vai, usanza che trovi. 

Il bacio ai tempi del Coronavirus: più difficile ma più prezioso

La cooperativa sociale onlus Eco, in tempi di coronavirus, ha provato a declinare il nuovo senso del bacio guardando alle conseguenze che il Covid 19 ha avuto sulle relazioni umane e affettive. Ciò attraverso un video che declina il bacio in tutte le sue accezioni, l’affetto tra due innamorati, l’affetto filiale, quello tra amici, e così via.

“Quest’anno – sostiene Anna Maria Silvestri, psicologa psicoterapeuta - la giornata mondiale del bacio inevitabilmente porta con sé una riflessione su quello che è il nuovo concetto di amore ai tempi del Coronavirus. Bisogna fare i conti con l’esigenza, seppur temporanea, di vivere un sentimento senza baci, abbracci o gesti di affetto e di mantenere le distanze. Durante la pandemia, le coppie non conviventi hanno affrontato molti cambiamenti, che riguardano la possibilità di continuare a sentirsi in una relazione esclusiva, interessando in particolare la sfera della sessualità, l’intimità e la progettualità. Il contatto “intimo” è garantito solo dalle videochiamate o dalla messaggeria istantanea, modalità di comunicazione tipicamente ritenute social e, quindi, in antitesi con il sano concetto di intimità e di confine tra il sé e l’altro o tra la coppia e l’ambiente esterno. Questa nuova condizione porterà i partner a sviluppare una nuova comunicazione di sentimenti, accentuando ad esempio l’importanza e la vicinanza che possono essere espresse dallo sguardo, il cui potere evocativo può ugualmente esprimere un profondo amore”.

“Nella sua semplicità - sostiene la presidentessa della cooperativa, Sofia Flauto - il bacio non solo ha un effetto benefico sulla salute, ma ha un valore intrinseco pedagogico, si pensi al bacio sulla bua che acquieta ogni dolore. Nelle grandi fiabe il bacio viene usato spesso per rompere un incantesimo, sottolineando la potenza e l’importanza di questo gesto. E infatti, il bacio che abbiamo potuto ridare ai nostri familiari ci ha fatto rompere l’incantesimo in cui ci avevano rinchiusi. Tutti abbiamo ricordi associati al bacio. Il primo bacio della mamma, il primo bacio al proprio partner, i tanti baci quando incontriamo un amico. Il bacio è il primo contatto con cui formiamo e manteniamo i legami sociali e affettivi, è quel tocco che conosciamo fin dai primi istanti di vita che modella il nostro cervello sociale. La sua assenza porta a soffermarci, ancora una volta, su quanto sia cambiata la socialità di ognuno di noi. L’amore deve farsi consapevole, resiliente, prima di poter tornare a baciarci meglio di prima”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Maria Nocerino
Author: Maria Nocerino
Sociologa e giornalista pubblicista, è specializzata nel giornalismo sociale. Collabora con l’agenzia di stampa Redattore Sociale e con il quotidiano Roma per le pagine della Cronaca.

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
teschioSanta Luciella: storia d’arte e...4 amici al bar: vi ricordate dalle canzone di Gino Paoli?
Giovanni Allevi 12Paestum, Giovanni Allevi apre...#Giffoni50 riparte dal mondo classico e dalle radici del...
amore oltreL’amore oltre il tempo, i premi e le...“L’amore oltre il tempo” diretto da Emanuele Pellecchia...
Al Premio Charlot si ride con Peppe...Continua all’Arena del Mare di Salerno  la XXXII...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500