domenica 24 GENNAIO 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

Little Black Dress. Quel pezzo di stoffa che ha rivoluzionato il mondo della moda

little black dressDritto al ginocchio, scollo discreto. E, ovviamente, nero.

L’outfit passepartout che, con gli accessori giusti, dona a tutte e si adatta ad ogni occasione , dalla riunione in ufficio alla serata a teatro, è per antonomasia il “little black dress”.

Nell’immaginario collettivo contemporaneo, profondamente legato all’universo cinematografico, il “tubino nero” è legato a doppio filo a Audrey Hepburn -  oggi simbolo indiscusso dello “chic” -  nel modello firmato Givenchy in “Colazione da Tiffany”. Forse non tutti sanno che, in realtà, il “piccolo abitino nero” è ben più “anziano”, risalendo ad oltre cento anni fa.

Il primo a sdoganarlo, slegandolo dal ruolo di “abito da lutto” che aveva nel diciannovesimo secolo, fu il pittore John Singer Sargent, che nel suo celebre dipinto “Ritratto di Madame X” vestì la sua modella Virginie Amélie Avegno con un semplice vestito nero. L’opera destò scalpore siccome, sia nel colore che nel modello, la mise della protagonista era considerata inadatta alla morale del tempo. Eppure Sargent fu capace di individuare la potenzialità del binomio “nero + tubino” nella costruzione di un modello femminile anticonvenzionale fascinoso, elegante e misterioso.

Nel 1926 la rivista di moda “Vogue” pubblicò la foto di un abito nero lungo al polpaccio, di taglio dritto, decorato unicamente da impunture trasversali tono su tono. La stilista era Gabrielle “Coco” Chanel che venne consacrata proprio con quel vestito la vera madre del “little black dress”. L’ingresso del modello (e del colore) nel panorama “fashion” segnò la definitiva dissociazione del nero dal concetto di “lutto”, divenendo l’uniforme ufficiale della donna di gusto.

Il jet set glamour di Hollywood favorì la popolarità del little black dress e la creazione di sue varianti. Un importante contributo fu dato da Christian Dior che sul finire degli anni ’40 trasformò l’abito nero in tendenza pop. Da quel momento in poi ogni donna avrebbe avuto la possibilità di trovare l’abito nero che faceva per lei: tal taglio sobrio e formale per le signore di una certa età, più corto e adorno di spacchi per le giovani che amavano osare, minimal e pratico per le donne in carriera.

foto 2 chanel

Nel Ventunesimo secolo Il tubino nero è diventato l’unità di misura attraverso cui osservare l’evoluzione dei fenomeni di costume. Sempre attuale acquista la personalità di chi lo indossa. Come diceva Chanel “Le mode passano, lo stile resta”. Ed è per questo che il “little black dress” è oggi, come cento anni fa, un alleato di stile che merita un posto fisso nell’armadio di ogni donna.

Foto 3 hepburn

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Chiara Reale
Author: Chiara Reale
Si occupa di promozione, strategia di comunicazione e management nel settore arte e cultura. Cura mostre di arte contemporanea ed eventi culturali.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Il FAI riapre la Baia di IerantoA seguito delle nuove disposizioni dell’ultimo Dpcm, il...
Orchestra Scarlatti Junior allo Stadio MaradonaNuova Orchestra Scarlatti: aperte le...La Nuova Orchestra Scarlatti di Napoli indice audizioni...
2020 Game: un videogioco per...E fattela ‘na risata: sembra partire da questo...
Museo Monumento al Deportato CARPII Musei della Memoria. Architetture...In occasione della Giornata Internazionale della Memoria...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500