mercoledì 17 LUGLIO 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Il QR - CODE per verificare la qualità dei prodotti campani

Qr-CODEIn barba a chi vede veleni nei prodotti della Campania Felix, la Regione Campania di concerto con l’Istituto Zooprofilattico e Confindustria Campania lancia il “QR – CODE”. 

Il progetto è nato su una idea delTavolo tecnico permanente, attivato dalla Regione Campania nell’ambito delle iniziative assunte per “Terra dei Fuochi”, il progetto “QR CODE – CAMPANIA SICURA”, fornisce uno strumento pratico al cittadino che, al momento dell’acquisto di un prodotto, potrà ricevere in maniera chiara ed immediata tutte le informazioni sulla salubrità e la tracciabilità del prodotto.
Al momento le aziende interessate al progetto sono circa 300; 240 hanno già sottoscritto la convenzione mentre per altre 68 è in corso l’iter procedurale. Si segnalano, tra gli altri, Rago Ortofrutta, Basso olio e vino, Cis di Nola, molti allevamenti e caseifici del casertano e del salernitano.

Un codice QR (in inglese Qr code, abbreviazione di quick response, risposta rapida) è un codice a barre bidimensionale composto da moduli neri disposti all’interno di uno schema di forma quadrata. Viene impiegato per memorizzare informazioni destinate ad essere lette tramite un telefono cellulare o uno smartphone. Per leggere un codice QR è sufficiente inquadrarlo con la fotocamera del cellulare dopo aver aperto l’applicazione di lettura.
Al momento dell’acquisto di un prodotto, ad esempio una confezione di mozzarella di bufala campana, una busta di insalata, formaggi, pomodori, etc. basterà puntare il cellulare sul Qr – Code impresso sulla confezione del prodotto e sullo schermo compariranno tutte le informazioni sulla sicurezza e sulla tracciabilità del prodotto stesso.
La schermata invierà ad un link sul sito dell’Istituto Zooprofilattico dove compariranno le seguenti informazioni: risultati delle analisi più recenti; archivio risultati precedenti analisi; geolocalizzazione dell’azienda produttrice.
L’azienda interessata all’applicazione del codice sul proprio prodotto prende contatti con l’Istituto Zooprofilattico che provvede ad eseguire analisi specifiche sul prodotto. A seconda del tipo merceologico del prodotto l’Istituto si avvale della collaborazione del Dipartimento di Agraria o del Dipartimento di Medicina Veterinaria.

AdG

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
estate valenziEstate a Napoli, la mostra che...“Qualsiasi discussione sulla cultura a Napoli, sulla sua...
Premio Napoli 2019Premio Napoli c’è, la premiazioneEdizione straordinaria per il Premio Napoli c’è 2019,...
fontanelleCovMusica alle Fontanelle, un viaggio...L’associazione Mousike e Nomea Srl presentano ‘Musica...
IlPopolodel bosco fotoPinoMiragliaI luoghi delle fiabeFino al 27 luglio, tutti i giorni, escluso sabato e...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500