mercoledì 20 OTTOBRE 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

Tu che shopper usi?

shopperArriva a Napoli “Io sono legale” la campagna d’informazione per una spesa consapevole contro l’uso di shopper illegali promossa da Legambientee RE.MA.Plast.

La metà dei sacchetti per la spesa in circolazione è illegale. I sacchetti non biodegradabili rappresentano 40 mila tonnellate di plastica, con una perdita per la filiera legale di shopper bio 160 milioni di euro, 30 milioni solo per evasione fiscale e 50 milioni di euro di aggravio dei costi di smaltimento. Secondo un’indagine realizzata da Legambiente nel dicembre 2014, su 37 sacchetti per la spesa prelevati presso punti vendita della Grande distribuzione organizzata ben 20, pari al 54% del totale, sono risultati non conformi alla legge che ha messo al bando gli shopper non compostabili. A guidare la classifica del dossier realizzato dall’associazione c’era proprio la Campania (con 7 sacchetti illegali), seguita da Basilicata (6), Puglia (3) e Calabria (3).

Ciò avviene nonostante dal 13 agosto 2017, con il recepimento della Direttiva EU 2015/720, è entrata in vigore la legge 123/2017. In aggiunta, gli art. 226 bis e 226 ter del D.Lgs. 152/2006 definiscono come devono essere fatti i sacchetti e le borse di plastica commerciabili e legali. Sono, inoltre, previste le sanzioni per chi commercializza, anche a titolo gratuito, sacchetti di plastica non compostabili o comunque non conformi alla legge, con multe da 2.500 fino a 25.000 euro.

shopper 1

Per informare correttamente i cittadini e denunciare il racket degli shopper illegali è nata la campagna “Io sono Legale”, promossa da Legambiente e RE.MA.Plast e realizzata grazie alla collaborazione con Novamont.Dopo le tappe di Salerno, Avellino e Benevento, l’iniziativa ha fatto tappa questa mattina al mercatino di Antignano al Vomero a Napoli, con la distribuzione di materiale informativo e sacchetti biodegradabili e compostabili a cittadini e commercianti.

“L’Italia è stato il primo paese dell'Unione Europea a mettere al bando i sacchetti di plastica con una legge innovativa e straordinaria approvata nel 2006 ed entrata in vigore cinque anni dopo. Una legge che ha consentito di ridurre il numero degli shopper usa e getta del 55% - spiega Francesca Ferro, direttore Legambiente Campania – ma purtroppo ancora è in parte disapplicata e il settore è diventato terreno d’azione anche delle ecomafie, che inquinano il mercato legale e impongono i loro prodotti in plastica tradizionale soprattutto negli esercizi commerciali al dettaglio o nei mercati rionali, con una nuova forma di pizzo. Un mercato nero che danneggia chi produce correttamente bioplastiche compostabili e disincentiva gli investimenti nel settore. Il tutto senza considerare i gravi danni all’ambiente e al mare, oltre all’aggravio dei costi di smaltimento dei rifiuti quantificato in 50 milioni di euro”.

“Dal 2005 abbiamo concentrato una notevole parte della produzione nel settore ecosostenibile per la campionatura dei sacchetti biodegradabili-compostabili- racconta Alfonso Campitelli di Re.Ma.Plast, azienda campana che produce imballaggi a scopo industriale e commerciale -. Visto il nostro interesse per l’ambiente e lavorando nel campo degli imballaggi, abbiamo deciso di collaborare con Legambiente e promuovere la campagna “Io sono legale”, che ci avvicina ai consumatori e ci consente di sottolineare gli effetti che provocano gli shopper illegali”.

“Siamo orgogliosi di questa nuova iniziativa di educazione ambientale e alla legalità, due pilastri della sostenibilità a livello territoriale – sostiene Andrea Di Stefano, Responsabile Progetti Speciali di Novamont – l’utilizzo di prodotti certificati compostabili è una chiave per il buon successo della raccolta differenziata”.

In queste settimane i volontari di Legambiente sono stati impegnati nelle principali piazze della Campania dove sono stati collocati dei punti informativi per approfondire la tematica con i consumatori che frequentano i più grossi mercati rionali. Un ulteriore apprendimento sta avvenendo con dei percorsi didattici nelle scuole, con il coinvolgimento di oltre 500 studenti solo nelle scuole campane. Alcune classi degli istituti superiori saranno coinvolti nelle visite degli stabilimenti più innovativi che producono la bioplastica: in Campania gli studenti si recheranno presso lo stabilimento di RE.MA.Plast a Sarno (Sa) per toccare con mano i processi innovativi di sviluppo della chimica verde grazie alla quale sarà possibile contrastare in maniera decisa il problema dell’abbandono delle plastiche nell’ambiente e ridurre fortemente l’uso fonti fossili (la plastica tradizionale è, infatti, un prodotto della filiera petrolifera) che sono la prima causa dei cambiamenti climatici.

Come devono essere i sacchetti BIO:

shopper 2

Tutte le altre scritte e indicazioni non accompagnate da uno di questi simboli e inserite sui sacchetti inferiori ai 100 micron di spessore (quelli comunemente utilizzati nei supermercati, mercati o per la spesa di prodotti alimentari) sono illegali.

Ognuno può fare la sua parte: per fare la spesa preferisci le sporte riutilizzabili; se non hai la sporta riutilizzabile richiedi sacchetti compostabili legali e denuncia l’illegalità ai vigili urbani; riusa i sacchetti biodegradabili e compostabili per la raccolta differenziata dell’umido organico.

Puoi inoltre denunciare la distribuzione di sacchetti illegali da parte dei commercianti scrivendo a Legambiente: unsaccogiusto@legambiente.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Alessandra del Giudice
Author: Alessandra del Giudice
Sociologa, giornalista pubblicista e appassionata di fotografia, è specializzata nel giornalismo sociale e di viaggio.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Francesco Ivan CiampaIl Tempo Decadente dell’Orchestra...Si conclude il programma di Tempo, la XII Stagione...
Non precipitare amore, Nazareno...Il libro di Nazareno Barone è un terremoto, ha il passo...
Un Posto Al Sole compie 25 anni25 anni di Un Posto al Sole, 25 cose...Nozze d'argento tra i tanti telespettatori e Un Posto Al...
Tennis: ecco perché fa bene (anche)...Guardato con sospetto, quando non considerato...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500