lunedì 25 MARZO 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Il Fair Trade napoletano, il Pappice e la giustizia economica

fairTradeIl commercio equo e solidale è una forma di commercio che dovrebbe garantire due caratteristiche fondamentali allo scambio commerciale: un prezzo giusto al produttore e la tutela del territorio. Nelle dinamiche della grande distribuzione dettate dal consumo per le masse generalmente il produttore è spesso danneggiato dalle leggi di mercato del nostro sistema economico, che punta a massimizzare i profitti dimenticando spesso che dietro ai prodotti ci sono le vite di chi li produce. Senza contare poi dell’impatto ambientale, argomento spesso taciuto dai grandi marchi, ma per fortuna sempre meno.

“Noi ci battiamo per far passare il messaggio che il commercio può essere equo, che cambiare il mondo sia possibile anche se un poco alla volta. Per molti anni abbiamo conosciuto un grande interesse da parte della città, purtroppo adesso però stiamo vivendo un periodo di grande crisi. Questa presa di coscienza sull’alimentazione è purtroppo legata alle mode. Questo rende il nostro andamento  un poco lunatico, delle volte va benissimo altre un po’ peggio. Ma non è questo che ci scoraggia. Abbiamo scelto il Pappice come simbolo rifacendoci al detto napoletano dicette ‘o pappece vicino ‘a noce, damme ‘o  tiempo ca te spertose, noi crediamo profondamente di poter cambiare il mondo, anche se piano piano”.

Uno dei punti qualificanti del commercio equo e solidale è quello di promuovere cooperative di produttori sufficientemente grandi da potersi confrontare con successo ai grossisti. “Noi parliamo di commercio equo e solidale da più di vent’anni – racconta Giovanna Franzese della cooperativa ì pappici- prima come gruppo informale e poi come associazione ed ora come cooperativa. Adesso il discorso della salute e dell’alimentazione comincia a fare capolino fra le preoccupazioni principali delle persone ma c’è ancora grande confusione. Per esempio sulla questione del BIO, che non è altro che una certificazione, un label, che non garantisce tutti i controlli.”

La cooperativa I Pappici si trova a Napoli, la loro sede storica era a Piazza del Gesù ma ultimamente hanno traslocato ed hanno aperto altre due botteghe, come ama definirle Francesca Franzese “Noi siamo un poco allergici alla definizione negozio, ci piace più definirle botteghe, intendendole come posti non riservati allo scambio economico ma allo scambio ed all’educazione al consumo”.

Le loro botteghe si trovano a Via Orsi 72 al Vomero ed a via Mezzocannone 103 al centro storico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Eva de Prosperis
Author: Eva de Prosperis
giornalista e scrittrice, ha lavorato come reporter dai Balcani e da Parigi

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
White rabbit“White Rabbit Red Rabbit” di Nassim...Ci sarà una sola occasione per vedere “White Rabbit Red...
A ambienteA come AMBIENTE, il primo libro de...Ormai la parola Ambiente sta perdendo la sua potenza, è...
Re Artu a NolaUn gita a Nola sulle tracce di Re ArtùSiete amanti delle storie cavalleresche di dame e...
Mbarka Ben TalebMbarka Ben Taleb dà voce a Charles...L’artista italo tunisina Mbarka Ben Taleb si esibirà...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500