lunedì 10 AGOSTO 2020
blank
 
chi siamo 
contatti

Due Chef per Pasqua

il poggio chefZuppa di cozze, casatiello, tortano, pastiera, colomba artigianale: prepararli tutti a casa è pressoché impossibile (a meno che non abbiate molto tempo libero). Ma non temete, vi prestiamo i nostri chef e i loro segreti!

Magari siete delle provette massaie, magari vi piace preparare tutto nella vostra cucina, magari siete eccezionali ai fornelli e cucinare non è solo un compito ma un orgoglio: benissimo. Il fatto è che si lavora, si fanno altre trecento cose, si vive, ci si occupa della famiglia e magari uno il tempo per preparare tutto secondo la tradizione e la qualità non ce l’ha.

E allora, come si fa? Di chi ci si può fidare al punto di affidargli uno dei piatti topici della Pasqua napoletana o tutti quanti? Ma di Michele Pelliccia e Salvatore D’Angelo, rispettivamente executive chef e chef (con una specializzazione nella pasticceria) de “Il Poggio”!

Se non sapete cos’è “Il Poggio” è un serio problema, quindi recuperiamo subito: si tratta di un laboratorio di cucina, ma soprattutto di una fabbrica di idee in cui si incrociano competenze ed esperienze a partire da due comuni passioni: il “mangiar bene” e il “fare del bene”, infatti è un progetto di Gesco, gruppo di imprese sociali. Si trova a Poggioreale, limite di una periferia da rivitalizzare, conosciuta solo per il Carcere,  e offre a pranzo e cena piatti tipici della tradizione napoletana disponibili anche per l’asporto, assieme a pietanze della cucina vegetariana e vegana. Ma la cucina al Poggio significa anche formazione e investimento sui giovani: al suo interno c’è una Scuola dedicata completamente alle professioni del settore cucina ed enogastronomia; a lavorare qui sono oltre 60 persone, di cui circa 50 adolescenti e giovani, alcuni provenienti da situazioni di disagio, immigrati e ragazzi con sindrome di Down, molti diplomati in istituti alberghieri napoletani.

Bene, ora che sapete quasi tutto, possiamo tornare alla questione di base: affidare la preparazione di Zuppa di cozze, casatiello, tortano, pastiera e colomba proprio al Poggio!

Il primo motivo è economico: prenotando una di queste squisitezze magari vi togliete la gioia di prepararle con le vostre manine ma sostenete un progetto e risparmiate anche un po’.

Non ci credete?  Eccovi il listino. Se lo confrontate con la lista della spesa e con i costi vari di gas ed elettricità il risparmio sarà lampante!  Vi ricordiamo che per prenotare una di queste leccornie o tutte, il numero da fare è 081/19360896 e che il Poggio è anche su Facebook.

Zuppa di Cozze: 10 € (da asporto o da mangiare in loco)
Pastiera: 14 € al kg
Casatiello: 12 € al kg
Colomba artigianale: 12 € al kg

In seconda battuta, eccovi i segreti degli chef Michele Pelliccia e Salvatore D’Angelo per tutte le varie preparazioni. Ve li sveliamo come botta di fiducia: fatene buon uso e preparatevi per una Pasqua davvero Poggiosa!

 

La zuppa di cozze:

 

Una vera prelibatezza questo delizioso piatto! Non è facile trovarlo al ristorante, sono veramente pochi a farlo, ma noi siamo fortunati. I nostri chef lo preparano con prodotti di prima qualità e le cozze vengono irrorate all’ultimo momento con brodo di polpo, anzi, diciamolo alla napoletana “broro ‘e purp” e di cozze!

Il Casatiello e il Tortano:

Per prima cosa, un po’ di cultura: la parola "casatiello" deriva dal latino caseus che significa formaggio, infatti questa specialità pasquale è ripiena di formaggio, salumi e uova. I nostri chef poi, rispondono anche all’antico arcano: qual è la differenza tra casatiello e tortano? “Semplice – spiegano – il casatiello ha al suo interno formaggio, salame, prosciutto; il tortano, invece, vede l’aggiunta di uova sode utilizzate come ripieno e come decorazione, i ciccioli e il pecorino!

La Pastiera:

Le scuole di pensiero in merito sono tante, ma al Poggio la si fa frullando una parte del grano perché il ripieno abbia una consistenza davvero corposa e omogenea e il sapore sia a prova di tutti i gusti!

La Colomba:

Magari non rientra propriamente nella tradizione partenopea, ma a tavola bisogna portarla, eccome. Gli chef Michele e Salvatore la preparano in maniera artigianale, come si faceva un tempo, con buccia di arancia candita e aromatizzata e glassa di mandorla.

Chiudiamo con un’altra buona notizia, nel vero senso del termine: il Poggio è aperto anche a Pasqua e Pasquetta. E se di cucinare, in queste feste, non vi va proprio perché è festa anche per voi e i piatti non si lavano da soli, sappiate che ci sono due menù superghiotti ad aspettarvi!

Casatiello, fave e pancetta, minestra maritata, ravioloni ripieni di ricotta e funghi porcini su passatina di pomodorini del Vesuvio, agnello al forno con patate e piselli, tortino di zucca gialla con cuore di provola agerolese, risotto con asparagi e provolone del monaco, mafaldine al ragù partenopeo e ricotta di bufala, millefoglie di maialino nero casertano agli ortaggi di stagione, patate e funghi champignon: eccovi i piatti da acquolina in bocca che potrete gustarvi a 35 euro a persona. Per i piccoli, un menù apposito a 10 €.

E poi: siccome il Poggio sposa a cultura antispreco tanto in voga Oltreoceano, a disposizione di tutti i clienti senza che la si debba espressamente richiedere, c’è la “doggy bag”, ovvero il sacchetto contenente ciò che è avanzato dal pranzo o dalla cena e che si potrà utilizzare a piacimento l’indomani: insomma, Pasqua passerà, noi speriamo di avervi dato delle dritte preziose e anche il pranzo per il martedì!

L'Autore
Raffaella R. Ferrè
Author: Raffaella R. Ferrè
Giornalista, scrittrice, le piacciono un botto di cose tra cui la Storia del '900, gli Smiths e Napoli. Ha pubblicato romanzi e racconti, fa parte della redazione di Napoli Città Sociale e collabora con Il Mattino. Pensa che il codice Html sia poesia pura. Le dicono spesso che assomiglia a Scarlett Johansson e la cosa le fa piacere anche perché, per la maggior parte del tempo, è convinta di assomigliare ad una piccola nerd.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
PreziosiAlessandro Preziosi porta in scena...Alessandro Preziosi rivela l’Antonio De Curtis privato,...
William Kentridge all'Arsenale di AmalfiUn grande protagonista del Contemporaneo per inaugurare...
baia di ieranto 46398 1Sere FAI, l'estate del Fondo AmbientaleUn ricco calendario di eventi e visite speciali per...
teschioSanta Luciella: storia d’arte e...4 amici al bar: vi ricordate dalle canzone di Gino Paoli?
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500