martedì 11 DICEMBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

A Natale prova il Pandoro Salato

Pandoro salatoScenografico e allegro, il pandoro salato è un’alternativa originale alle classiche tartine, allestito a forma di albero stellato riscalda la tavola delle Feste.

 Avete presente il pan canasta? Diciamocelo, con i suoi strati multi gusto, è il punto focale di attrazione delle feste di grandi e piccoli ed è solitamente una delle pietanze che in pochi minuti va a ruba. La versione natalizia è il Pandoro Salato che con la forma a stella renderà, montato come un albero di Natale, il vostro pranzo o la vostra cena speciali.

Partiamo dalla base, diverse aziende propongono il “panettone gastronomico” un panettone salato, da farcire a piacere. Questa può essere una valida possibilità se avete poco tempo o non siete portati per fare i dolci: se adottate questa soluzione vi consiglio di passare direttamente al punto 2, ovvero alle farciture. Se invece preferite mettere in tavola un’opera realizzata interamente con le vostre mani seguite il procedimento fin dall’inizio e prima di tutto acquistate uno stampo per pandoro che abbia le classiche “punte” e che tagliato in orizzontale e montando i vari strati sfalsati crea una piramide a stella ovvero un abete con un effetto natalizio assicurato.

1) Pandoro Salato

Ingredienti:

  • Panetto di lievito realizzato con: 60 g Farina 0, 13 g Lievito Di Birra, 80 ml Latte, 5 g di  Zucchero.
  • 300 g Farina Manitoba
  • 100 g Farina 0
  • 10 g Sale Fino
  • 180 ml Latte
  • 30 ml Olio Di Semi o di Oliva
  • q.b. Farina (per la spianatoia)

Procedimento:

Innanzitutto preparate il panetto di lievito: sciogliere il lievito di birra nel latte tiepido, aggiungete lo zucchero e poi la farina. Create un panetto morbido, coprite con la pellicola e mettete a lievitare per 1 ora in un luogo caldo.

Prendete il panetto aggiungetelo alla farina (mix delle due farine) disposta a fontana, unite l’olio, il latte e infine il sale. Prendete lo stampo imburrato e inserite lo stampo all’interno facendolo aderire in tutte le punte. Coprite con la pellicola e mettete in luogo caldo a lievitare (per 2-4 ore) fin quando il composto raddoppia il suo volume ovvero quando supera lo stampo in altezza. A questo punto Infornate in forno preriscaldato a 200° per i primi 10-12 minuti e poi riducete la temperatura a 180° per i successivi 20 minuti fino a che la superficie risulta dorata. Prima di togliere dallo stampo lasciate raffreddare per non romperlo. Quando è perfettamente freddo potrete anche tagliarlo in orizzontale con un coltello senza lama largo e lungo creando fette di circa un centimetro e mezzo.

2) Farciture

Rispetto alle farciture potete sbizzarrirvi con la fantasia, a parte i classici salumi e formaggi a fette posti su uno strato di maionese, potete preparare delle creme più raffinate e originali, scegliendo una farcia per strato:

  1. Filadelfia (o un altro formaggio spalmabile), salmone, erba cipollina e zenzero: amalgamate 200 grammi di Filadelfia con 100 grammi di salmone tagliato a pezzettini e un mazzetto di erba cipollina fresca con la buccia grattugiata di un pezzetto di zenzero. 
  2. Ricotta, pomodori secchi, olive nere e capperi: scegliete la ricotta morbida del cestino (circa 200 grammi) e mischiatela con un cucchiaio di olio di oliva e 50 grammi di pomodori secchi e 20 grammi di capperi messi a bagno e “dissalati” e triturati e 30 grammi di olive nere snocciolate e triturate. Potete aggiungere anche del basilico fresco triturato e un pizzico di origano.
  3. Mousse di Tonno: Amalgamate con la frusta 150 grammi di tonno in olio di oliva scolato, 200 grammi di ricotta morbida del cestino (oppure 100 grammi di ricotta e 100 di maionese per una crema più ricca), la buccia di mezzo limone non trattato. Potete inserirlo nello strato unendo delle foglie di insalata.
  4. Gamberi e avocado: 300 grammi di gamberetti (meglio freschi), 1 avocado maturo, 1 lime, 1 cipollina fresca, sale e pepe. Sbollentate per un paio di minuti i gamberetti, sgusciateli, conditeli con due cucchiai di olio evo e un pizzico di pepe bianco e un paio di foglie di prezzemolo triturato. Lasciate raffreddare in frigo per un’ora. Pulite l’avocado, tagliate la polpa a pezzetti e condite con l’altro mezzo lime e la cipollina taglia a pezzi, passate nel mixer ottenendo una crema. Aggiungete ad essa i gamberetti scolati. Anche questa salsa può essere accompagnata a foglie di insalata o di spinacino.
  5. Caviale di melanzane: ideale per i vegani, la ricetta la trovate QUI.
  6. Crema di peperoni: ideale per i vegetariani e i vegani in versione “cocco”. Due peperoni rossi arrostiti spellati (o saltati in padella con la cipollina) e poi tagliati a pezzetti, 1 cipollina fresca, un pizzico di paprica, tre cucchiai di olio evo, 150 grammi di Filadelfia o tre-quattro cucchiai di latte di cocco (per i vegani), sale. Passate tutti gli ingredienti al frullatore facendo attenzione che la consistenza sia cremosa ma non liquida, aggiungete la buccia grattugiata di mezza arancia.
  7. Radicchio e speck: Un ceppo di radicchio rosso arrostito sulla piastra tagliato a pezzetti insaporito con uno spicchio di aglio, olio evo e sale. Tagliate il radicchio a pezzetti e mischiatelo con 100 grammi di speck in un’unica fetta tagliato a pezzetti e 150 grammi di ricotta romana.
  8. Funghi o Carciofi e Caprino: Un barattolo di funghetti arrostiti sott’olio o di carciofini o 200 grammi di champignon saltati in padella con olio evo e uno spicchio di aglio (che toglierete), 200 grammi di formaggio caprino e 100 grammi di provola fresca tagliata a pezzettini piccoli e qualche foglia di prezzemolo triturato. Amalgamate i funghi con gli altri ingredienti.

Montate i diversi strati ad albero partendo dal primo strato che farcirete e su cui porrete il secondo strato girato di modo che le punte siano alternate che farcirete ancora fino all’ultimo strato. Ecco il vostro gustosissimo albero di Natale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Alessandra del Giudice
Author: Alessandra del Giudice
Sociologa, giornalista pubblicista e appassionata di fotografia, è specializzata nel giornalismo sociale e di viaggio.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
musicantiNuove date per MusicantiStanding ovation per il debutto nazionale...
Maria Luisa Acquaviva. Xilografie 19602018Arriva a Napoli Maria Luisa...Arriva al Pan “Maria Luisa Acquaviva. Xilografie...
veleno del teatro“Il veleno del teatro”, sul palco le...Manuele Morgese e Salvatore Della Villa. Uno rappresenta...
napoli panoramaA Natale, ritorna “Mercato Meraviglia”Ritorna l’immancabile appuntamento natalizio nella...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500