lunedì 30 NOVEMBRE 2020
blank
 
chi siamo 
contatti

Gravidance: perché dopo il buio viene la luce

GravidanceGravidance: perché dopo il buio viene la luce

E’ un gioioso inno alla vita e un invito alla rinascita la colonna sonora della quarantena: Gravidance. Il singolo appena pubblicato di Laye Ba con Daniele Sepe e voce di Fecerica Palo prodotto dal collettivo “Gli ultimi saranno” è dedicato ad Alessia Cardinale e supporta il programma di adozioni a distanza in Zimbawe dell'UCEBI.

Guardare alla quarantena con occhi diversi, interpretandola come un periodo di gestazione di possibilità di essere e percepire nuove. Gravidance è il dono del collettivo di artisti per il sociale "Gli Ultimi Saranno" di Laye Ba con Daniele Sepe per questi giorni e soprattutto per i giorni nuovi che verranno. “La canzone celebra la natura nel suo atto miracoloso più bello e luminoso: la nascita di nuova vita. Gravidance è attesa fiduciosa di qualcosa di nuovo e meraviglioso che verrà. Gravidance è buio prima della luce. Gravidance è preludio di nascita e speranza di ri nascita. Questo è il nostro dono per tutte e tutti noi. Per questi giorni. E per i giorni nuovi. Che ci aspettano. Sta a noi Renderli Giorni di una vita migliore Da Ri-costruire Assieme” spiega Raffaele Bruno del collettivo “Gli ultimi saranno” un collettivo composto da artisti, musicisti e attori, e ha il proposito di creare e intensificare legami tra società civile e persone o gruppi di persone appartenenti a realtà socialmente periferiche.

Il singolo è dedicato ad Alessia Cardinale, amica del gruppo prematuramente scomparsa, ostetrica di Villa Betania e pittrice dal segno potente che aveva ascoltato il brano Gravidance e aveva realizzato il dipinto della copertina.

 

 

Il brano supporta l’UCEBI in particolare per progetto di Adozione a distanza per Orfani dello Zimbabwe: si tratta di minori che hanno bisogno di tutto, e offrir loro il necessario per vivere e per andare a scuola li toglie dalla strada e dai pericoli di una vita sbandata. In alcuni casi gli orfani inseriti nel programma non sono molto piccoli d’età. Info: https://www.ucebi.it/component/content/article/68-zimbabwe-e-oltre/356-una-vita-un-dono.html

Io respiro al ritmo del tuo cuore

Ti sento forte

Nu cor' dint' a' panz'

Mani e pier' ca me camminano arint'

Mi abiti

Ti nutro

Figlio mio

tu potrai essere

Tutto quello che vorrai

Un calciatore, una rockstar, un panettiere

I sassi lungo il cammino

Li toglieremo assieme

uno ad uno

E tutti quelli che diranno

"Questo non si può fare"

Li faremo sparire

Come ad un certo punto

Spariranno gli spasmi

E apparirai

Tu

Gravidance gli ultimi saranno

Gli ultimi saranno ( https://gliultimisaranno.it/ ) è un collettivo di artisti nato per supportare il sociale capitanato dall’attore, scrittore e direttore artistico e parlamentare con Federica Palo, Massimo De Vita, Alessandro Freschi alias Frè, Francesco Cacciapuoti, Maurizio Capone, Enzo Colursi è ispirata alla decennale esperienza del Delirio Creativo, un rito teatrale di creazione e improvvisazione collettiva di cui Raffaele è ideatore. “Gli ultimi saranno” ha il proposito di creare e intensificare legami tra società civile e persone o gruppi di persone considerate “ultime” dalla società attraverso l’espressione artistica. Si è scelto il carcere come primo luogo di interesse per l’attività del collettivo, così, a partire dal dicembre 2018, il progetto ha previsto una serie di incontri negli istituti di detenzione, dando vita a un rito di improvvisazione artistica che ha visto i detenuti non solo come spettatori, ma come parte integrante dell’evento. Più di 20 eventi realizzati finora, in 15 strutture diverse, e altri 9 in programma. Nel tempo, agli eventi si è aggiunta l’iniziativa “Dona un Libro”, una campagna di raccolta e distribuzione di libri con dedica destinati alle biblioteche carcerarie. La raccolta è stata proposta dal Presidente della Camera Roberto Fico anche presso Montecitorio, dove sono stati raccolti più di 200 volumi. Il 10 febbraio scorso ha realizzato un concerto a Montecitorio per sostenere il progetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Alessandra del Giudice
Author: Alessandra del Giudice
Sociologa, giornalista pubblicista e appassionata di fotografia, è specializzata nel giornalismo sociale e di viaggio.

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
pena di morteSalviamo Caino. È la Giornata...Chi è senza peccato scagli la prima pietra, recita la...
notebook 614213 960 720Napoli, ecco tutto quello che si può...Nel weekend dal 27 al 19 novembre, speriamo l’ultimo in...
InferenzeINFERENZE SHORT FILM FESTIVAL 2020....È partita ieri la seconda edizione dell'Inferenze Short...
archeocineMANNArcheocineMANN: il festival in...Un appuntamento che si rinnova online, per non perdere...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500