giovedì 26 NOVEMBRE 2020
blank
 
chi siamo 
contatti

Allauin e non più Allauin

alluinAnche la festa di Halloween è finita immolata dal grande fratello-moralizzatore De Luca che annuncia misure da coprifuoco a fine ottobre. Come mai questo trattamento speciale? Dietro “Allauin” le idiozie di un sistema che va a avanti a tentoni e una finta festa di Halloween in circumvesuviana che lo smaschera.

L’ha definita un’americanata, un’idiozia attirando le critiche mondiali. Sarebbe bastato dire che qualsiasi festa e sagra è stata bandita, cosa ben chiara nell’ordinanza regionale e anche nell’ultimo dpcm (“Saranno tutte vietate le manifestazioni livello locale, restano possibili gli eventi nazionali e internazionali”), ma il Governatore della Campania ama stupire con effetti speciali e ha voluto ulteriormente mortificare i giovani e i bambini. Come se “Allauin” fosse una medicina scaduta.

La festa di Halloween è entrata di fatto e di diritto nella cultura nostrana dagli anni ’80 in poi soprattutto in quelle città dove è presente la comunità americana. Eppure è un’antichissima festa celtica. Chissà se è un caso che De Luca abbia associato la festa agli americani che hanno avuto il ruolo storico di liberarci dal fascismo, un periodo storico dove ogni iniziativa che non fosse nazionale ed imposta dall’alto era punita. La similitudine con l’emergenza non è casuale.

Il fatto che siano necessarie delle misure di contenimento dei contagi per il bene della salute pubblica, evidentemente considerato il primo, ma anche, a torto, l’unico bene dell’umanità, non toglie che sia di cattivo gusto e offensivo accanirsi sui gusti e le preferenze private nonché scagliarsi contro gli usi di altre culture che l’Italia ha adottato ormai da decenni come accade ormai per tanti altri usi e costumi che l’Italia ha invece esportato all’estero, un fatto normale in una società globalizzata come la nostra.

Ma un motivo c’è.

Come la festa dei morti in Messico e la festa dei morti nostrana e ogni festa dei morti Halloween è rito catartico necessario ad esorcizzare la fine e superare la morte dei propri cari.

Inoltre indossare una maschera da sempre è considerato un elemento liberatorio. Non a caso anche il carnevale è un momento sospeso dove poter sfuggire a sé stessi per qualche momento, a quelle regole etero o auto imposte. Un insegnante del liceo classico mi ha detto: “I ragazzi mi hanno chiesto se sono sfortunati. Io gli ho detto di no. Ma in verità lo sono. Nessuno gli darà indietro la festa mancata dei 18 anni, la possibilità di conoscere i compagni di scuola il primo anno del liceo, gli assembramenti allegri e quella socialità fondamentale per bambini e adolescenti. Chiudendo la scuola si colpisce la parte più fragile e silenziosa ma anche più bisognosa di esperienze reali e non virtuali”.

Sarà un caso che sono decine solo a Napoli gli eventi di Halloween proprio quest’anno?

Dietro il più evidente bisogno di liberarsi dalla chiusura forzata, c’è anche il bisogno di celebrare quella paura della morte e quelle morti che in realtà tante ordinanze e decreti stanno comprendo, mascherando, riducendo a soli numeri? Delle persone positive troppo spesso additate come untori e colpevolizzate, della loro sofferenza, delle cure mancate e delle inutili reclusioni forzate in attesa di un tampone che non arriva si parla senza trovare soluzioni.

Così come è necessario velare l’inefficienza del sistema sanitario di far fronte ai bisogni di persone malate di Covid e di altre patologie e impossibilitate a curarsi.

Inoltre si stanno moltiplicando gli effetti psicologici drammatici causati dalla pandemia e dalla reclusione forzata, tuttavia la salute mentale viene considerata secondaria a quella fisica quando in alcuni casi il malessere mentale conduce alla morte come quello fisico. L’Associazione EMDR Italia è in allerta e sta studiando questo problema.

Si parla delle feste e delle sagre soppresse, così come dei teatri e dei cinema chiusi durante il lock down con superficialità come se nutrire l’anima fosse un bisogno edonistico superfluo e il lavoro di chi opera nei settori dell’arte e della cultura eliminabile insieme alle vite e a i sogni che queste persone portano sulle gambe. Ed è per questo che si stanno sviluppando azioni di protesta silenziosa come Litura. Perché la morte dell’arte è la morte dell’anima.

circumvesuviana

Intanto mentre i teatri, i cinema e le feste sono contingentate i mezzi di trasposto campani sono pieni come un uovo, il simpatico gruppo facebook: CircumvesuvianaMon Amour (Guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti) ha lanciato una provocatoria Festa di Halloween in circumvesuviana per denunciare in modo divertente un sistema amministrativo confuso che dalla festa di Alluin alla scelta di delegare le decisioni di chiudere le strade ai sindaci non sa più con chi fare a scarica barile.

N.B. Questo articolo vuole semplicemente evidenziare le modalità confusionarie e dittatoriali di gestione dell’emergenza, ma non è finalizzato né a minimizzare i rischi del covid né ad incentivare a trasgredire alle leggi. Dpcm ed ordinanze vanno rispettate quindi i vari eventi di Halloween che segnaliamo qui sotto probabilmente saranno cancellati o si adegueranno alle ultime ordinanze e dpcm.

Tour di Halloween dalle 18.30 alle 21 https://www.facebook.com/events/352143596210289/.

Tour alla Tomba di Dracula https://www.facebook.com/events/987125521751866?acontext=%7B%22event_action_history%22%3A[%7B%22mechanism%22%3A%22search_results%22%2C%22surface%22%3A%22search%22%7D]%7D

Tour per bambini https://www.facebook.com/events/416369679333563/?acontext=%7B%22event_action_history%22%3A[%7B%22mechanism%22%3A%22search_results%22%2C%22surface%22%3A%22search%22%7D]%7Dù

Cena con delitto https://www.facebook.com/events/685127815760345/?acontext=%7B%22event_action_history%22%3A[%7B%22mechanism%22%3A%22search_results%22%2C%22surface%22%3A%22search%22%7D]%7D

Halloween con lanterne al Lago d’Averno https://www.facebook.com/events/329232091477786/?acontext=%7B%22event_action_history%22%3A[%7B%22mechanism%22%3A%22search_results%22%2C%22surface%22%3A%22search%22%7D]%7D

Gioco teatrale https://www.facebook.com/events/3180388285393903/?acontext=%7B%22event_action_history%22%3A[%7B%22mechanism%22%3A%22search_results%22%2C%22surface%22%3A%22search%22%7D]%7D

Horror House all’Ecoparco  https://www.facebook.com/events/683491205603638/?acontext=%7B%22event_action_history%22%3A[%7B%22mechanism%22%3A%22search_results%22%2C%22surface%22%3A%22search%22%7D]%7D

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Alessandra del Giudice
Author: Alessandra del Giudice
Sociologa, giornalista pubblicista e appassionata di fotografia, è specializzata nel giornalismo sociale e di viaggio.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
san carlo copiaAl San Carlo in streaming con...Il Teatro di San Carlo si adegua alle necessità dello...
testCovidTest per il Coronavirus: facciamo...Test rapido, Tampone, test sierologico: chi fra i non...
copertina san paoloLutto cittadino, lo Stadio...Di lui restano 13 infiniti secondi: quelli dei quarti di...
MilotKey of montevergine di Milot. L'arte...Un'opera dal forte valore simbolico e tra le più grandi...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500