lunedì 17 DICEMBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

Strade di amore e strade di libertà

Alexandros-PanagulisAppena qualche settimana fa in pieno centro nasceva ‘Largo Enrico Berlinguer’, oggi è la volta di via Nelson Mandela e via Alexandros Panagulis.

Le due strade, rispettivamente collocate a Pianura (nei pressi della Montagna spaccata) e a Ponticelli (tra Via Eugenio Montale e Via Christian Hans Andersen) ricordano due personaggi diversissimi eppure entrambi testimoni della lotta in favore della libertà e dei diritti umani. Madiba, questo il nome che Mandela aveva scelto di darsi, lo stesso assunto all’interno del suo clan di appartenenza dell'etnia Xhosa è stato uno dei protagonisti della lotta contro l’apartheid riuscendo, nella sua abolizione, agli inizi degli anni ’90. Ha trascorso in carcere gran parte della sua vita fino a diventare, nel 1994 presidente del Sudafrica nelle prime elezioni multirazziali. Il suo partito, l’ANC è tutt’ora in carica al governo del Sudafrica, anche dopo il temine del suo mandato e la morte del leader avvenuta nel 2013. Ad Alekos è invece dedicata una strada nel quartiere di Ponticelli. Ad un uomo, a quell’UOMO già protagonista del romanzo struggente di Oriana Fallaci: politico, rivoluzionario e poeta greco, attivista dei diritti umani , simbolo della resistenza ai regimi autoritari,  Panagulis, tra i protagonisti dell’attentato a Papadopulos , visse gran parte della sua esistenza perseguitato, torturato fino alla sua liberazione. Una vita di dolore che tuttavia, per ricordarlo con le parole della stessa Fallaci, sua compagna fino alla morte avvenuta nel 1976, era una vita che valeva sempre la pena di essere vissuta: “Capivi subito -scrive la giornalista in Da Intervista con la storia nel 1974- che non si pentiva d’essere nato: non se n’era mai pentito e non se ne sarebbe mai pentito. Capivi subito che era uno di quegli uomini per cui anche morire diventa una maniera di vivere, tanto spendono bene la vita.” 

Leggi anche Scusi, mi indica via Jahon Lennon?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Sarah Galmuzzi
Author: Sarah Galmuzzi
Giornalista, mamma, grafomane, gattara, storica dell'arte, non necessariamente in quest'ordine, polemica fino alle bolle, odia le sopracciglia ad ala di gabbiano e i sottaceti, ma ama praticamente tutto il resto, soprattutto gli accessori king size. A memoria d'uomo nessuno è uscito vivo da una discussione con lei.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Orioli 2018 otto turni al timone tra Melita Walley e Birsa BankNoi di qua, voi di làConfini, frontiere e identità: le barriere fra i popoli...
pino daniele 10“Mal di te”, lo spettacolo-ricordo...“Mal di te”  è il nuovo spettacolo dei Lazzari Felici,...
Gran finale Premio Napoli 2018Premio Napoli: gran finale al MercadanteIl sipario del Teatro Mercadante si alzerà martedì 18...
libro 1Il pomeriggio dei piccoli con il...Mamme e papà, con i loro bimbi, sono attesi a Napoli per...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500