venerdì 14 DICEMBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

Cinecittà? No, Napoli!

filmPresto a Napoli un distretto del cinema, un microcosmo tutto pizze e bobine e creatività all’interno del quale nasce, cresce e si sviluppa un cinema indipendente.

Finanziato con 300.000 euro il progetto ha lo scopo principale di rilanciare l’intera filiera della produzione cinematografica, in modo da non disperdere quella scienza artigiana da decenni al servizio dell’industria del grande schermo. “Obiettivo della legge – spiega Angela Cortese promotrice del progetto– è la creazione a Napoli e in Campania del primo distretto europeo creativo-produttivo del cinema indipendente. A tale scopo, per l’esercizio finanziario 2013, sono istituiti un fondo per le start up delle micro e piccole imprese di produzione cinematografica di 140mila euro e un fondo per il cinema indipendente di 160mila euro“. 

Un’operazione non dissimile è stata condotta lo scorso anno a Cinecittà, un tentativo estremo per salvare lo storico centro di produzione romano e farlo così tornare a vivere. Roma ma non solo:anche Napoli, all’inizio del secolo scorso, occupava un posto importante nello scacchiere della produzione cinematografica: sulla collina del Vomero, tra un campo di broccoli e l’altro, sorgevano infatti ben due stabilimenti di produzioneLa Partenope film (nata nel 1906 col nome di Fratelli Troncone & C.) aveva sede in una villetta di via Solimena e al suo interno vi si trovavano diversi  teatri di posa che negli anni hanno consentirono produzioni di discreto successo, legate prevalentemente alla scena e agli attori napoletani (nel 1909 venne scritturato addirittura Vincenzo Scarpetta). La Partenope film chiuse tristemente i battenti alla vigila degli anni ’30, dopo aver collezionato un paio di clamorosi insuccessi. Non distante, in via Cimarosa 186, civico oggi occupato da un consultorio familiare, nasceva nel 1919 per iniziativa di Gustavo Lombardo  -vero pioniere del settore- la Lombardo film. Rilevando gli stabilimenti della Polifilms, Lombardo scritturò attori e registi di calibro internazionale, a lui il merito di aver lanciato l’immenso Totò che debuttò in ‘Fermo con le mani’, un film del 1937. Vicende personali condussero Lombardo lontano da Napoli, verso la capitale dove, nel 1928 fondò la Titanus che tutti oggi conosciamo. Anche se ebbe vita breve, la stagione di questa Hollywood napoletana consentì comunque la creazione di un indotto notevole, di una serie di stabilimenti di produzione legati al mondo del cinema, uno tra tutti l’Eliocinegrafica in via Tito Angelini, un centro di lavorazione delle pellicole, oggi trasformato in un elegante condominio nel cuore di San Martino. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Sarah Galmuzzi
Author: Sarah Galmuzzi
Giornalista, mamma, grafomane, gattara, storica dell'arte, non necessariamente in quest'ordine, polemica fino alle bolle, odia le sopracciglia ad ala di gabbiano e i sottaceti, ma ama praticamente tutto il resto, soprattutto gli accessori king size. A memoria d'uomo nessuno è uscito vivo da una discussione con lei.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Gran finale Premio Napoli 2018Premio Napoli: gran finale al MercadanteIl sipario del Teatro Mercadante si alzerà martedì 18...
libro 1Il pomeriggio dei piccoli con il...Mamme e papà, con i loro bimbi, sono attesi a Napoli per...
pilatesTornare in forma dopo le feste senza...Non sono ancora passate le feste che già state cercando...
PutipuPutipù, l'amore al tempo degli SquallorPutipù è uno spettacolo teatrale sulla poetica degli...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500