mercoledì 20 FEBBRAIO 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Bestia a chi?

bestie clickC’è differenza tra la detenzione umana e quella animale? In cosa differiscono le sbarre di una cella da quelle di una gabbia? La violenza è una risposta?

È l’isola più piccola dell’arcipelago toscano, abitata da poco meno di 150 anime. Si chiama Gorgona  -un nome ostile ma affascinante- ed è un carcere verde, ‘un’isola dei diritti, dello Stato, dei detenuti e anche degli animali’. Un luogo che, come recita il cartello che accoglie i visitatori ‘restituisce persone migliori’. E la sua storia, bellissima, è tutta raccontata in un libro ( L’isola delle Bestie prenotabile sulla piattaforma di crowdfunding Produzioni dal Basso) dal napoletano Marco Verdone, medico veterinario omeopata che da 25 anni lavora nel carcere dell'isola. Attraverso 10 racconti Verdone si interroga, e soprattutto interroga il lettore, su un’idea ‘filosofica’ di detenzione, accomunando animali e uomini privati della loro libertà, potenzialmente all’apice della loro produttività, eppure reclusi o comunque destinati ad essere ‘sacrificati’ per produrre qualcosa di non necessario. Sfatando luoghi comuni e convenzioni insidiose, Verdone racconta una vita possibile oltre le sbarre, oltre la violenza, oltre il binomio forza/debolezza, demolendo definitivamente l’idea di superiorità della specie. I 70 detenuti di Gorgona lavorano la terra, producono formaggi e miele, vino che non bevono, perché sull’isola sono vietati gli alcolici. Imparano un mestiere, sono uomini felici, restituiti alla vita, sani, pronti per essere reinseriti nella società (la recidiva dei detenuti di Gorgona è del 20% contro una media nazionale dell’80%) e soprattutto imparano a prendersi cura degli animali  (ce ne sono di appartenenti a tutte le specie domestiche: mucche, pecore, capre, maiali, galline, api, cani e gatti) che per Verdone “devono avere una vita e una fine degna”. Ed è in questa direzione, ad esempio, che è stata eliminata la macellazione (operazione che ha visto graziare, tra gli altri, la mucca Valentina e Bruna la scrofa) per riportare l’attenzione sulla condizione della dignità della vita, sia essa umana o animale, e su tutte le laceranti contraddizioni che questo cammino di riflessione comporta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Sarah Galmuzzi
Author: Sarah Galmuzzi
Giornalista, mamma, grafomane, gattara, storica dell'arte, non necessariamente in quest'ordine, polemica fino alle bolle, odia le sopracciglia ad ala di gabbiano e i sottaceti, ma ama praticamente tutto il resto, soprattutto gli accessori king size. A memoria d'uomo nessuno è uscito vivo da una discussione con lei.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
allenamento napoliVoglia di “segnare” saltami addossoChiudere la pratica Zurigo al San Paolo il prima...
frontieraFrontiera, il corto premiato ai...Frontiera, regia di Alessandro di Gregorio, è il...
Ogni bellissima cosaOgni Bellissima Cosa: Al Teatro Nest...Chiunque può riconoscere parti più o meno nutrite della...
scartoLo Scarto, il libro-diario de ò...È finalmente nelle migliori librerie Lo scarto, il libro...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500