lunedì 16 SETTEMBRE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

I libri di Guida nelle carceri italiane

guida carceriSaranno oltre 200 le carceri italiane in cui, il 12 giugno arriveranno 32.000 libri di narrativa contemporanea donati da Guida editori.

L’intento è quello di contribuire al percorso spesso lungo e faticoso di recupero sociale dei detenuti. L’iniziativa è stata siglata tra la casa editrice napoletana e la Direzione nazionale delle carceri, al fine di coniugare cultura e vita sociale, e naturalmente di offrire agli ospiti degli istituti di detenzione anche dei momenti di riflessione, migliorarne la qualità della vita di tutti i giorni, nell’idea che il tutto possa tradursi in un arricchimento interiore, in uno stimolo per nuovi progetti di vita. I libri scelti, infatti, trattano esperienze di vita di personaggi celebri, alcuni dei quali, pur vivendo inizialmente in condizioni di difficoltà, sono poi riusciti a tirarsi fuori e dovrebbero oggi servire da "gancio" per gli altri che attraversano momenti non facili: tra i tanti, Sophia Loren, Enzo Gragnaniello, napoletani cresciuti in ambienti difficili ma che hanno avuto la capacità di farcela e trovare la via della felicità. “Per me è un onore –dichiara Diego Guida, oggi al timone della storica casa editrice con sede in via Bisignano- aver avuto la possibilità di donare i miei libri al carcere. I libri, di per sé, sono porte aperte verso la libertà, e dunque è proprio a Poggioreale come a Rebibbia, che possono svolgere con maggiore incisione il loro compito. D’altra parte il nostro impegno nel sociale è sempre stato massimo, perché l’unico modo per rendere migliore una comunità e arricchire un territorio è la crescita culturale. L’augurio è che questi piccoli ma significativi testi aprano la mente dei lettori e li invitino a credere di più in loro stessi, nella vita di fuori che li aspetta, e nei risultati positivi che possono raggiungere lavorando sodo e con umiltà". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Sarah Galmuzzi
Author: Sarah Galmuzzi
Giornalista, mamma, grafomane, gattara, storica dell'arte, non necessariamente in quest'ordine, polemica fino alle bolle, odia le sopracciglia ad ala di gabbiano e i sottaceti, ma ama praticamente tutto il resto, soprattutto gli accessori king size. A memoria d'uomo nessuno è uscito vivo da una discussione con lei.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
bagaria orkestraBAGARIJA ORKESTAR all’AperiSepeQuale giorno migliore del calendario napoletano se non...
lunchboxA ognuno il suo Lunchbox. Il cestino...L’attenzione per l’ambiente e quella per la sana...
BOA SORTEBREATHLESSVenerdì 27 settembre alle 19.00 Spazio NEA inaugura la...
cover MannAl Museo Archeologico Nazionale:...Un museo sempre più aperto al territorio e alle...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500