venerdì 14 AGOSTO 2020
blank
 
chi siamo 
contatti

In ricordo di Antonio Berté

Leopardi Canto notturno di un pastore errante dell AsiaÈ stato un grande pittore contemporaneo, uomo d’arte e di cultura stimato e apprezzato anche a livello internazionale.

A sei anni dalla scomparsa, sarà ricordato oggi in una cerimonia pubblicata organizzata dalla famiglia presso l’abitazione dell’artista in via Gian Lorenzo Bernini 45 a Napoli, nel quartiere Vomero.

La moglie Livia Langella Berté e tutta la famiglia saranno lieti di accogliere nella propria casa circondati dalle opere del maestro coloro che vorranno prendere parte all’evento commemorativo, che prevede una Cerimonia Eucaristica seguita dal concerto per pianoforte di Maria e Antonio Sensale e da una performance di Livia Berté, attrice e cantante, nipoti del maestro.

La celebrazione Eucaristica comincerà intorno alle 18, officiata da padre Fabiano Licciardi, a lungo responsabile del PIME. Amico del maestro e della famiglia Langella (quella della moglie dell’artista), padre Licciardi fondò con  Antonio Berté agli inizi degli anni ‘70 il MATM, Movimento Artistico Terzo Mondo, di cui Berté fu presidente. Il Movimento con il ricavato delle mostre finanziava l’attività missionaria; Berté, dipinse anche il Manifesto della Giornata Mondiale Missionaria del 1972.

Antonio Berté (1936 - 2009), giornalista pubblicista, sin da bambino ha sempre sentito un amore per l’arte ed una "vocazione" per la pittura. Dopo essersi affermato negli anni ‘60, dagli inizi degli anni ‘70, già amato dal pubblico e ben accetto alla critica, comincia a diffondere la sua arte approfondendo e portando avanti un suo discorso originale, e la sua pittura diviene sempre più descrizione ed interpretazione di alti momenti di letteratura, musica e teatro. È autore di grandi cicli tematici dedicati a Federico García Lorca (1970 e 1990), Alessandro Manzoni (1973), Kafka (1974), Eduardo e Pirandello (1980), La Morte di Pietra (1981, ciclo dedicato al terremoto dell’Irpinia nel 1980), La Sabbia del Tempo (1984, ciclo dedicato a Salvatore di Giacomo), Leopardi (2006). Alla base della sua pittura vi è la disamina del disagio esistenziale dell’uomo. Protagonista l’omonimo "Omino" Kafkiano, o il cosiddetto ormai "Omino di Bertè".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Ida Palisi
Author: Ida Palisi
Giornalista professionista, esperta di comunicazione sociale, dirige l’Ufficio Comunicazione Gesco. Collabora con il quotidiano Il Mattino per le pagine della Cultura.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
FollieriSei personaggi a Segreti d'autoreI “Segreti d’Autore” nell’ultima giornata al Palazzo...
MARIA PIA DE VITO copiaDreamers/All Stars con Maria Pia De VitoIl Ferragosto di Campania by Night è tutto jazz. Il...
IMG 20200813 060341Torna Venezia a NapoliDieci anni di storie di cinema, con film, anteprime e...
Atlante Farnese luigispina 05Ferragosto al MANNUn tuffo simbolico tra le meraviglie sommerse del...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500