mercoledì 20 OTTOBRE 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

Winckelmann: reading on facebook

tony servilloIn occasione della mostra su Winckelmann del MANN, in collaborazione con il Goethe-Institut si lancia un innovativo progetto di reading digitali su face book complici Peppe Servillo e Marco Mario De Notaris.

“A Portici… sulla riva del golfo di Napoli… abitavo presso un religioso, dal quale ho mangiato molto bene e ancor meglio, bevuto, proprio la Lagrima della migliore qualità. Nella mia stanza potevo udire dal letto il gioco delle onde sulla riva…” Così annota Johann Joachim Winckelmann nel maggio del 1758 in una lettera a Hieronymus Dietrich Berendis, ciambellano presso la corte della Duchessa Anna Amalia di Weimar. In occasione dell’esposizione Winckelmann e le raccolte del MANN. Monumenti antichi inediti, 1767 (24/06 – 25/09/2017) che il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ha in programma per celebrare i trecento anni della nascita del famoso archeologo tedesco, gli attori Marco Mario de Notaris e Peppe Servillo leggono brani scelti da “Monumenti Antichi Inediti” (1767) e dalle lettere. La voce degli attori italiani farà rivivere Winckelmann mentre descrive le opere dell’antichità da lui studiate e ora conservate nelle collezioni del MANN.

Winckelmann

Il progetto è in digitale infatti i reading sono stati ripresi in otto cortometraggi (Regia: Lidia Cangiano / Andrea Valentino. Realizzazione: Andrea Valentino, Labirinto visivo. Produzione: Goethe-Institut Neapel, Museo Archeologico Nazionale di Napoli) che saranno pubblicati a puntate tra il 23 giugno e il 25 settembre 2017 sulla pagina Facebook del Goethe-Institut Neapel. Tra gli estratti selezionati vi sono la descrizione dell’Atlante Farnese che regge “l’antico globo celeste”, la statua del Nilo con “sopra la fronte due radici” come pure un testo che all’epoca fece scalpore per l’aspra critica che il padre dell’archeologia moderna rivolse ai napoletani per come “furono trattati quei preziosi avanzi” di una celebre Quadriga di bronzo dorato rinvenuta nel teatro di Ercolano.

Johann Joachim Winckelmann (Stendal 9 dicembre 1717 – Trieste, 8 giugno 1768) è stato un bibliotecario, storico dell'arte e archeologo tedesco. Studiò nelle Università di Halle e di Jena. Attratto dagli studi classici, ebbe agio di approfondirli mentre era bibliotecario del conte Enrico di Bünau (dal 1748). Perfezionatosi poi nel disegno accademico a Dresda, con l'aiuto del nunzio in Polonia,  mons. A. Archinto, che lo aveva indotto a convertirsi al cattolicesimo, fece il primo viaggio a Roma (1755). Entrato subito in amicizia con alte personalità della Chiesa e delle scienze, tra cui il card. A. Albani, poté avere a disposizione le maggiori collezioni artistiche e dedicarsi allo studio dell'arte classica greca attraverso le copie romane. Viaggiò poi nell'Italia centrale e meridionale, mentre conduceva a termine la sua maggiore opera, Geschichte der Kunst des Altertums; qualche anno prima (1760) aveva pubblicato la Description des pierres gravées du feu Baron de Stosch. Soprintendente alle antichità di Roma (1764), pochi anni dopo uscirono (1767) i suoi Monumenti antichi inediti di collezioni romane, preceduti da un Trattato preliminare del disegno e delle bellezze (riassunto della parte teorica della Geschichte). Nel 1766 fu ricevuto con grandi onori da Maria Teresa a Vienna; in una sosta a Trieste, sulla via del ritorno a Roma fu assassinato. L'influenza di W. sull'arte e sul gusto del tempo fu grandissima; il senso dell'armonia, del "composto", della passione dominata che costituiscono, secondo W., i motivi fondamentali dell'arte greca si ritrovano, pienamente attuati, nella lirica settecentesca; in Italia (oltre che nei poeti dell'Arcadia) in Parini, il quale, tra l'altro, nei suoi programmi di pitture tenne largamente presenti i motivi ercolanensi e gli ideali estetici di W. e, più tardi, anche nel Foscolo delle Grazie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Alessandra del Giudice
Author: Alessandra del Giudice
Sociologa, giornalista pubblicista e appassionata di fotografia, è specializzata nel giornalismo sociale e di viaggio.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Non precipitare amore, Nazareno...Il libro di Nazareno Barone è un terremoto, ha il passo...
Un Posto Al Sole compie 25 anni25 anni di Un Posto al Sole, 25 cose...Nozze d'argento tra i tanti telespettatori e Un Posto Al...
Tennis: ecco perché fa bene (anche)...Guardato con sospetto, quando non considerato...
Teatro Bolivar, a Napoli arriva il...Tra le novità di questa stagione teatrale che brinda al...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500