mercoledì 18 SETTEMBRE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Dieci candeline per il Museo della Plastica di Napoli

museo plasticaLa Fondazione Plart, presieduta da Maria Pia Incutti, compie dieci anni di attività culturale e festeggia il compleanno con la prima tappa del progetto artistico “Ex novo” dedicato alla sedia. Giovedì 25 gennaio, alle 18 nella sede della Fondazione in via Martucci 48, si festeggia il compleanno del primo Museo europeo della plastica.

Il Plart, nel suo primo decennio, ha ospitato quaranta mostre, quindici convegni, trenta corsi di formazione e workshop sul restauro dei materiali polimerici e sul design tenuti da artisti e designer contemporanei provenienti da tutto il mondo. Oltre duemila gli oggetti in plastica acquistati e collezionati negli anni da Maria Pia Incutti, tra pezzi di design anonimo e d’uso quotidiano e opere di designer e artisti contemporanei. Un’ampia e curiosa selezione di borse, gioielli, lampade, utensili, vasi, giocattoli, radio, apparecchiature elettriche, risalenti a partire dalla metà dell’Ottocento fino agli anni Sessanta del Novecento, in bois durci, celluloide, acrilico e resina fenolica (la vecchia bachelite) fino ad arrivare ai più moderni polietilene, polistirene, pvc e abs. Nella collezione sono presenti anche oggetti che appartengono ormai alla storia del design.

Durante la festa sarà inaugurata la mostra “Ex Novo”, a cura di Pian Di Pasqua, progetto che vuole restituire una seconda vita a oggetti di uso quotidiano. Il manufatto che è stato ri-pensato e a cui è stata conferita nuova linfa vitale è la sedia. I designer hanno partecipato con la loro specificità creativa, la tecnica, la poetica e il gusto è stato invitato ad andare oltre l’oggetto, oltre il suo significato, oltre la sua finitezza, oltre il suo limite, congelandolo in una nuova forma e lasciando così la traccia di qualcosa che altrimenti scomparirebbe inevitabilmente nel vuoto.  “Ex Novo” è stato pensato come un progetto in divenire: infatti, la rivisitazione di vecchie sedute rappresenta solo la prima tappa di una programmazione più ampia che coinvolgerà non solo altri artisti ma anche altri oggetti d’uso della quotidianità destinati all’abbandono.

museo plastica 1

Le attività della Fondazione Plart – spiega Maria Pia Incutti - restituiscono nuova e vibrante vita agli oggetti. Alla dimensione museale, uniamo quella di centro di ricerca per il recupero, la conservazione e il restauro delle opere d'arte e di design in plastica per la quale abbiamo allestito un apposito laboratorio per la caratterizzazione dei materiali polimerici, dotato di una strumentazione ad alta tecnologia che vede impegnati nella ricerca ingegneri chimici e conservatori”.

La fondazione Plart è inoltre specializzata nel campo della didattica e diffonde la conoscenza scientifica e artistica legata ai materiali polimerici. Di qui il grande evento del 25 gennaio che offre alla città di Napoli nuovi spunti artistici e culturali. Ad accompagnare la festa il pianista Mariano Bellopede.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Angkor Wat Alessandra del Giudice Angkor What?Vado ad Angkor Wat! Non so in quanti abbiano scosso la...
RalphPRalph P, il rapper al Cinema...Il giovane rapper Ralph P sarà presente all’anteprima al...
un figlio è pocoUn figlio è poco, due sono troppiAngelica Massera, l’attrice e web creator romana,...
obsObsolete&Discontinued ai Magazzini...Un affascinante progetto che esalta a tutto tondo il...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500