domenica 16 DICEMBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

Tristezza, per favore va’ via

koulibaly napoli chievoLa bomboniera di Capodimonte sbeccata. La carbonara senza guanciale. I collant sfilati. La maglia della salute ingiallita. Due calzini spaiati. Una bambola con un braccio rotto.

Nel catalogo delle tristezze ieri si è aggiunta Napoli - Chievo 0-0. Che solo a dirlo mi sento di venir meno, e ho voglia di buttarmi sotto un piumone e non uscirne mai più, allungando solo la mano fuori per pescare dei pan di stelle dal pacco, che quando è finito il pacco non so proprio come potrò fare: gli azzurri hanno racimolato solo un punto con una partita in casa con il Chievo a reti inviolate.

In casa.

Con il Chievo.

Con il Chievo, che da poco ha esonerato l’allenatore più malinconico della seria A.

E piove, e fa freddo. Inarco le spalle a contenere il mio povero il cuore che si restringe fino a diventare una pallina. Penso che il fegato di Ancelotti non sarà niente di diverso.

La partita di ieri pomeriggio al San Paolo non era cominciata neanche male, in  termini di clima, con la consegna di una speciale maglia incorniciata da parte di Insigne ad Hamsik per onorare il record di partite giocate con il Napoli. Peccato poi che Marek non scenda in campo, e si avverta.

Nessuno pensava che sarebbe stato uno scontro facile, considerato che i cambi di allenatore hanno sempre un effetto positivo, storicamente soprattutto sul Chievo, ma tra “non facile” e impossibile” c’è una bella distanza. Per colmare questa distanza ieri è mancato un po’ di tutto.

È mancata aggressività, contro una squadra che aveva una sana voglia di conquistare il suo primo punto in campionato e giustamente si è schierata solidamente in difesa, ma non senza osare qualcosa in attacco. È mancata lucidità nelle conclusioni, nonostante alla metà del secondo tempo abbiamo giocato con quattro attaccanti, manco stessimo assediando le mura di Troia. È mancato anche un pizzico di fortuna, sui tiri di Insigne e Koulibaly, ad esempio, e per lo stesso Diawara, che l’anno scorso ci aveva salvato sempre contro i gialloblu all’ultimo minuto. Ma soprattutto è mancato lo spirito: fra tutti  Mertens e Milik erano spenti, quasi afflitti, ma in generale è una squadra che non ha brillato. Succede spesso, purtroppo, dopo la pausa del campionato, come se perdessero il ritmo e la concentrazione, quasi che intervenisse una forma di distrazione. Come quando manchi una settimana da scuola e sì, sarai anche riposato, ma non ti ricordi niente di quello che stavi studiando, e impieghi un’altra settimana per recuperare.

Ma qui recuperare non sarà per niente facile: la Juventus è otto punti avanti a noi e si percepisce chiaramente il caldo fiato dell’Inter sul collo. E mercoledì abbiamo la Champions. E io non mi sento troppo bene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Serena Venditto
Author: Serena Venditto
Serena Venditto è nata a Napoli il primo agosto 1980, per festeggiare il compleanno della squadra. Ha pubblicato con la casa editrice homi scrivens la commedia rosa Le intolleranze elementari, E le commedie gialle Aria di neve e C'è una casa nel bosco, con protagonista il gatto detective Mycroft. Ama i gialli, ma sopratutto l'azzurro.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Orioli 2018 otto turni al timone tra Melita Walley e Birsa BankNoi di qua, voi di làConfini, frontiere e identità: le barriere fra i popoli...
pino daniele 10“Mal di te”, lo spettacolo-ricordo...“Mal di te”  è il nuovo spettacolo dei Lazzari Felici,...
Gran finale Premio Napoli 2018Premio Napoli: gran finale al MercadanteIl sipario del Teatro Mercadante si alzerà martedì 18...
libro 1Il pomeriggio dei piccoli con il...Mamme e papà, con i loro bimbi, sono attesi a Napoli per...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500