sabato 25 MAGGIO 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Torna per la nona edizione Un’Altra Galassia, una festa di libri

UagPer la nona edizione a Napoli la fiera del libro più innovativa al mondo: Un’Altra Galassia. L’evento letterario nasce dall’associazione creata da tre scrittori napoletani, Valeria Parrella, Pier Luigi Razzano e Massimiliano Virgilio quasi come un continuum della Galassia Gutenberg, la storica fiera del libro napoletana scomparsa nel 2009.

Dal 24 al 26 maggio scrittori, libri e parole invadono Napoli tenendo come epicentro il Museo Madre, che diventa partner della rassegna letteraria insieme con il gruppo di imprese sociali Gesco. “Siamo molto felici di continuare ad organizzare Un’Altra Galassia, - racconta Massimiliano Virgilio, co fondatore ed organizzatore della rassegna -Riteniamo che sia molto importante creare eventi gratuiti che ruotino intorno alla letteratura, quest’anno poi abbiamo ribadito la valenza sociale di questa rassegna letteraria scegliendo come partner il Madre e Gesco, casa di moltissime cooperative sociali in Campania”.  L’ingresso è gratuito, l’appuntamento è per il 24, 25 e 26 maggio dalle ore 18h30 alle 23 (ultimi ingressi consentiti venerdì 24 e sabato 25 alle ore 21 e domenica 26 maggio alle ore 22, occorre ritirare la card del Madre alla biglietteria).

Una galassia un po' fuori dal comune

Un’Altra Galassia non è la rassegna letteraria alla quale siamo abituati, nasce come voglia di continuare il lavoro di Galassia Gutenberg ed assicurare a Napoli una fiera del libro.

 “Non è che a Napoli non ci sia una fiera del libro, ma non ce n’è come la nostra. – continua Massimiliano Virgilio- Un’Altra Galassia vuole promuovere l’apertura al mondo, importantissima soprattutto in letteratura. Purtroppo qui in città si tende molto a parlare solo di Napoli e delle sue tradizioni, il che è importante ma non basta”.

La rassegna vuole proporre uno sguardo nuovo e fresco sulla letteratura, sia da un punto di vista di creazione artistica che di percezione della letteratura in generale. Questo nuovo rapporto che immaginano tra il lettore, lo scrittore e il libro si palesa in format a dir poco ludici. I due format inventati dall’organizzazione, oltre alla classica presentazione, sono l’Indianata e l’evocazione d’autore (un tempo conosciuta come la Seduta Spiritica). “Noi riteniamo che le presentazioni classiche siano un momento molto importante nella vita di un libro, -continua Massimiliano Virgilio- ma abbiamo voglia di proporre qualcosa di nuovo, di divertente”. 

Come l’omonimo drinking game, l’indianata organizzata dalla rassegna include l’alcol. Si tratta di una lettura, fatta dallo scrittore, dove lo scrittore ad intervalli regolari interrompe la lettura e qualora il pubblico desideri continuare la lettura deve bere un calice di vino, che viene distribuito ad ogni interruzione.  L’evocazione d’autore invece, un tempo conosciuta come Seduta Spiritica, è un modo diverso di affrontare una riflessione su di uno scrittore, quest’anno saranno “evocati” Bertold Brecht e David Bowie

Gli ideatori e organizzatori, dediti alla manifestazione in modo totalmente gratuito, intendono con questa nona edizione, stringere il patto con i lettori e i cittadini in un luogo dove si fa comunità come un museo, “luogo dell'identità, della conservazione e delle sperimentazioni”.

“è per questo anche che ci piace l’idea di organizzare questo tipo di eventi in un museo – continua Massimiliano Virgilio- l’anno scorso siamo stati ospiti del MANN ed abbiamo trovato che la sinergia tra arte e scrittura renda l’esperienza più ricca. Lo scrittore non sta parlando in una sala qualunque, ma in un museo”. 

Il programma

Venerdì 24 maggio. L’apertura, alle 18,30, prevede un reading speciale per J.D. Salinger, un omaggio per celebrarne i cento anni dalla nascita. Venti scrittori, sul ponticello del MADRE, si alterneranno nella lettura di Franny, racconto che rappresenta un momento di perfezione della short story di tutti i tempi.  A seguire, alle 20, nel cortile sotto la statua di Jan Fabre, il regista, attore e scrittore Ascanio Celestini condurrà la platea nel mondo delle storie più antiche del mondo, le barzellette, a partire dal suo ultimo libro edito da Einaudi. La prima giornata si conclude con uno dei momenti molto attesi di Un’Altra Galassia fin dalla prima edizione: la seduta spiritica, ovvero una evocazione d’autore in Sala Beuys, sotto la celebre opera “La rivoluzione siamo noi”. Quest’anno a essere evocata è la figura di Bertolt Brecht, affidata a Paolo Coletta. Un momento arricchito anche dalle letture di Claudio Di Palma. L’incontro è in collaborazione con l’Istituto di Cultura Goethe-Neapel.

Sabato 25 maggio . La seconda giornata di Un’Altra Galassia si apre alle 18,30 in Sala Long, dove Alessandra Sarchi condurrà i lettori e visitatori nel mondo delle immagini prodotte da alcuni scrittori, tra i più importanti del canone novecentesco: Pasolini, Calvino, Volponi e molti altri. A seguire, alle 20, nella Sala Clemente, lo scrittore spagnolo del momento, Manuel Vilas, dialoga con Patrizia Rinaldi attorno a “In tutto c’è stata bellezza”, edito da Guanda. Un evento in collaborazione con l’Istituto di Cultura Cervantes di Napoli. La seconda giornata di Un’Altra Galassia termina con una seduta spiritica dedicata a Marguerite Yourcenar. Un’evocazione d’autore fatta sotto il pergolato del Back Patio da Annalena Benini, scrittrice che ha da poco curato “I racconti delle donne”, edito da Einaudi.

Domenica 26 maggio. La terza giornata si apre nella Sala delle Colonne, dove alle 18,30 Irene Di Caccamo condurrà il pubblico nel mondo di Anne Sexton, la sensuale e rivoluzionaria poetessa statunitense. Subito dopo alle 20 è il momento dell’indianata con il Premio Strega 2018 Helena Janeczek che leggerà, nello spazio Perino e Vele, pagine da “Cibo”. Il pubblico ascolterà la scrittrice, ma la storia continuerà solo a patto che qualcuno del pubblico beva un bicchiere di vino.  Alle 22 nel Back Patio momento dedicato ai mille volti e trasformazioni di David Bowie, un’evocazione d’autore a cura del massimo esperto italiano, Francesco Donadio. A seguire, in conclusione della nona edizione di Un’Altra Galassia il dj set “Let’s Dance with Bowie”, con Chemical Mamo che farà ballare nel Cortile Monumentale con solo canzoni del Duca Bianco.

Cosa: Un’Altra Galassia

Dove: Museo Madre Via Luigi Settembrini, 79,Napoli

Quando: 24-25-26 maggio 2019 ore 18

Costi: Ingresso Libero

Info: http://www.unaltragalassia.com/

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
primoArticoloCoverUn'Altra Galassia: diario di bordo -...Al via la nona edizione di Un'Altra Galassia, la festa...
danzaLa Danza dei Delfini, un giallo...L’ex ispettore Tonino Santonastaso, ormai in pensione,...
ORIANA LIPPAÈ napoletana la cover di Calcutta:...Un cielo azzurro in mezzo ai palazzi, percussioni e poi...
Storia di un alberoStoria di un albero e di un bambino...Nell’ambito della 23° edizione di Fiabe di Primavera,...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500