domenica 15 DICEMBRE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Coltivatori di gentilezza unitevi

gentielzzaParte la prima edizione del Festival della Gentilezza che vuole diffondere la cultura delle emozioni e dell'empatia.

Una sociologia pedagogica positiva per contrastare la violenza in tutte le sue forme, e per portare le persone a non dire più io sono contro ma piuttosto io sono per.

 Da lunedì 11 a domenica 17 novembre 2019 la gentilezza sarà quindi il  centro  di un'azione diffusa, totalmente gratuita a cui partecipano realtà da tutta Italia e che anche Napoli avrà tanti appuntamenti.

Il Festival della Gentilezza  nasce dal progetto di innovazione sociale Coltiviamo Gentilezza che coinvolge direttamente cittadini di ogni età in progetti, eventi e laboratori con continuità e per diffondere una cultura della gentilezza a partire dall'infanzia.

Il progetto ha come obiettivo quello di riportare le emozioni al loro equilibrio naturale, organizzando, con persone di tutte le età, laboratori, eventi, incontri di formazione e con spunti didattici nei Comuni, nelle scuole, in enti pubblici e privati, attraverso diverse attività e differenti metodologie.

La rivoluzione “gentile” nasce da un’idea di Viviana Hutter di Tante Storie autrice del Labirinto della Gentilezza e del Quaderno della gentilezza in collaborazione con Margherita Rizzuto che da anni si occupa di progetti di rete, diffusione di buone pratiche e progetti di sviluppo locale. La comunicaizone e il settore food del progetto è affidata ad Antonio Puzzi.

Il festival parte da Palazzo Matteotti (Piazza Matteotti, 1) a Napoli l’undici novembre alle ore 15:30 con la presentazione del progetto e la descrizione dei singoli eventi e delle iniziative previste per tutta la settimana.

Martedì 12 novembre la giornata sarà poi dedicata alle scuole, il 13 alle librerie e agli Istituti di cultura, il 14 ai ristoranti, il 15 e il 16 alle azioni gentili verso i beni comuni o le fasce deboli, il 17 agli orti urbani e alle aziende agricole.

In tante città in Italia sono inoltri previsti diversi “angoli di felicità” attivi poi tutto l’anno: si tratta di contenitori che fungeranno da cassetta postale per diffondere gentilezza ovunque.

In un angolo della gentilezza si prendono e si lasciano messaggi gentili.
Possono essere messaggi di incoraggiamento, ringraziamento, di scuse, o anche piccole storie di gentilezza raccontate in poche righe.

Dalle libreria alle scuole, A Napoli sono tanti gli angoli di felicità (per ospitare un angola della gentilezza mail a: coltiviamogentilezza@gmail.com)

Clicca qui per più informazioni e il programma del Festival

festival gentilezza locandina generale quadrata 2 orig

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
gattusoBabbo Natale, la maglia nuova, e il...Constatazione amara e dolorosa: credo che sia la prima...
parteno e bastimenteField recording e legni incisi per...Un universo parallelo e senza tempo è quello ricreato...
farielloFondazione Bideri recupera Vincenzo...Un 45 giri che rilancia un capolavoro dimenticato di...
bonomoReality: online il videoclip del...E’ online il videoclip di ‘Reality’, il nuovo singolo...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500