mercoledì 1 APRILE 2020
blank
 
chi siamo 
contatti

Adda passa’ a nuttata

COCCINELLA Adda passa a nuttataCamus l’aveva scritto. Aveva raccontato l’angoscia che affligge gli animi al sopraggiungere di un’oscura epidemia.

Nel romanzo “La peste”, Orano è una città che a un tratto viene colpita da un terribile morbo che rende tutti isolati, in preda alle loro paure.

Da qui la riflessione sul genere umano, sulle risposte di ognuno, variegate, impossibili da arginare.

Orano è qui, adesso, tra noi.

A tu per tu con la fragilità stiamo assistendo al dolore di un’umanità che si ritrova d’un tratto e all’improvviso di fronte al “Male”, un male indefinibile che sconvolge ogni abitudine, la quotidianità e il ritmo rassicurante dei giorni.

Questo Male non ha volto, si insinua subdolo, ci priva di cose semplici e rassicuranti come un abbraccio, quello stare insieme a condividere momenti che ci rende esseri sociali, eppure è necessario ora fare a meno anche di questi gesti semplici.

Ognuno all’incertezza, alla paura e al dolore risponde dando voce ai suoi dilemmi, alle sue passioni, a quelle fratture che ci portano a camminare tra indifferenza e amore, tra panico e egoismo, tra edonismo e desiderio…

Un giorno lo racconteremo ai nostri figli e ai figli dei nostri figli.

Frattanto siamo a casa, uniti in un altro tempo vuoto, rarefatto, quasi etereo, mentre il pensiero corre a chi sta facendo di tutto per salvare una sola vita umana, ai medici che non si risparmiano, a chi sta soffrendo e lottando, a chi ha paura, a chi ha un proprio caro in ospedale…

Ed è qui che ci viene incontro la saggezza dei libri, le parole di chi ci ha preceduto, di chi ha raccontato tempi difficili, da Camus, a Manzoni, alle parole di Eduardo in quello splendido affresco umano che è “Napoli milionaria”.

Come allora in quelle pagine, anche oggi c’è chi nega il Male, chi si arrabbia, chi si sente impotente, chi fa provviste, chi cerca notizie, chi scrive su Facebook per continuare a confrontarsi, chi inventa nuovi modi per incontrarsi almeno virtualmente.

E a tratti si leggono storie che commuovono.

Come quella dei vecchietti sposati da sessant’anni e ancora innamorati, costretti a separarsi perché lui scopre di essere positivo al virus e lei non si rassegna e si fa portare dal nipote vicino alla finestra della struttura dove lui è in quarantena, per salutarlo da dietro i vetri, per sorridergli, e forse consolarlo.

O quel benefattore misterioso di pensieri positivi che al Nord ha affisso post-it dappertutto, sui negozi, sulle porte per dare a tutti un messaggio di speranza. “Andrà tutto bene”, si legge scritto a penna.

E allora diventa più dolce fermarsi mentre ti sorprendi a riflettere sul senso della vita nelle ore più impensate, dopo pranzo, alla controra, o la sera tardi quando porti a spasso il cane...

Non abbiamo verità in tasca ma solo il cuore in una mano e un giorno lo racconteremo.

“Adda passa’ a nuttata”, diceva Eduardo.

E dal fondo del tunnel una luce appare.

L'Autore
Chiara Tortorelli
Author: Chiara Tortorelli
Scrittrice, editor e copywriter, vive a Napoli dove inventa nuovi cultural life style: come presentare libri in maniera creativa e divergente, come scrivere i libri che ti piacciono davvero al di là del marketing, come migliorare la creatività e il benessere personale con metodologie a metà strada tra stregoneria e pensiero laterale. Perché è sempre possibile (e lei ci crede) continuare a pensare con la propria testa.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
alanisDa Pearl Jam a de Andrè, le novità...Alanis Morissette, Dua Lipa, Pearl Jam e un concerto...
fusilliCarciofi e funghi più salsiccia e...Siamo arrivati al giro di boa di questa difficile...
Pillole d'arteUn'opera in un minuto, le pillole...Si tratta di vere e proprie pillole d'arte quelle...
peppa pigPeppa Pig, in arrivo le nuove...Un mese con la simpatica maialina rosa più amata dai...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500