giovedì 25 APRILE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Vite da funamboli

funamboliLa magia un tempo era "conoscenza”, sapienza iniziatica preziosa, oggi è bollata come ignoranza, superstizione, fantasia di menti chiuse e ristrette. 

Ciò che oggi viene definito "conoscenza" viaggia su un perimetro strettissimo che non tiene conto delle complesse e variegate parti dell'uomo. Siamo ridotti a funzionare a uno scarso 10%, tagliati, negati, spezzettati e siamo finiti tutti nell'oltretomba della mente razionale, il posto più ingannevole che esista. 

Ma siamo davvero soltanto mente, scienza e teoremi verificabili?

Che fine ha fatto l’emozione che sconquassa il cuore?

Che fine ha fatto il corpo, che oggi viaggia costretto nell’imbuto stretto dell’immagine, o stringato nel chiuso di una palestra col timer che conta i passi sul tapis roulant e il cardiofrequenzimetro che conta i battiti del cuore?

Che fine ha fatto il mistero che rendeva tutto numinoso e magico e attivava il potere misterioso dell’animo umano?

Che fine ha fatto l’incognita, quella che permetteva di non far mai quadrare le cose, che dava spazio all’intuizione e che fecondava le più grandi menti creative?

Che fine ha fatto la gioia che nasce sul vertice di ciò che non ti aspetti, la felicità che raccogli quando cammini sul punto di svolta, sul ciglio poco protetto e che ti permette di creare la vita che cerchi ma che non sai di cercare?

Non c’è più spazio per tutto questo nelle nostre vite.

Tutto è stato inghiottito dal mondo degli schemi affidabili e verificabili e la vita è diventata una caccia agli scontrini, al giusto inserimento in un file già redatto dove sono già scritte le tappe, i punti di crisi e i punti di svolta, ciò che si deve fare, e ciò che è meglio evitare, tutto corredato di ricette, di consigli e di teorie per essere felici.

Oggi al posto dell’amico del cuore va di moda lo psicologo da cui ti aspetti risoluzioni e medicine contro il senso dell’inutile che assale. Al posto di una passeggiata all’aria aperta in mezzo alla natura per ritrovarsi, va di moda girare in auto a fare shopping. Al posto di fare l’amore quando si apre il cuore va di moda fare la performance erotica da brivido, quella che lascia tutti ammutoliti e permette di essere definiti il top dei Casanova. Al posto del colpo di fulmine vanno di moda le liste degli amanti quelli raccolti in chat, con tanto di segni particolari ben stilati per riconoscerli casomai nel mucchio ce ne dimenticassimo.

Al posto dell’anima va di moda il vuoto a perdere, da riempire di cose, quelle rincorse, affannate e comprate con lo sconto al centro commerciale.

Sì perché nel mondo del “tutto razionale” siamo ridotti anche noi a essere quantificabili, a finire nel circuito di un numero, del costo e dei saldi: merce di scambio, non duriamo che pochissimo, subito sostituiti dal nuovo “prodotto umano” più nuovo, più sprint e figo.

Poco importa se ci stipiamo disperate, noi donne, in un rossetto rosso fuoco, in una gonna vertiginosa, nel tacco 12 e gli uomini nella ventiquattr’ore e nel pc portatile.

E se provassimo per una volta a cambiare gioco?

Io la proposta provo a farla… Torniamo alla magia.

Prima che il circuito alla Hanger Game di punti, teoremi, riporti e corse da brivido ci distrugga dentro, proviamo a ritornare al tempo di un battito. Quando c’era il cuore. Quando la mente un po’ taceva e ce ne fregavamo di non avere il sedere levigato, tosto e parato e reti di protezione per non cadere, e gli schemi della profilassi per prevenire il male con tanto di percentuali da confrontare.

Non avevamo bisogno di tutte queste assicurazioni sul vivere. Lo facevamo quel salto in fondo al vuoto.

In fondo la domanda è sempre quella: meglio protetti e assicurati ma zombie, o vivi, intensamente vivi, ma funamboli sospesi sulla corda, intenti a esplorare una nuova magia?

A voi la risposta.

L'Autore
Chiara Tortorelli
Author: Chiara Tortorelli
Scrittrice, editor e copywriter, vive a Napoli dove inventa nuovi cultural life style: come presentare libri in maniera creativa e divergente, come scrivere i libri che ti piacciono davvero al di là del marketing, come migliorare la creatività e il benessere personale con metodologie a metà strada tra stregoneria e pensiero laterale. Perché è sempre possibile (e lei ci crede) continuare a pensare con la propria testa.

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
PREMIO DE FELICEPremio Nazionale Ezio De Felice 2019...C'è tempo fino al 26 luglio per partecipare al bando di...
MAGGIO DEI MONUMENTI 2019Maggio dei Monumenti 2019: una...Con un omaggio ad uno dei più grandi intellettuali...
La montagna ci invita escursioni sul VesuvioLa montagna ci invita, escursioni...Torna ad Ottaviano l’evento “La montagna ci invita”,...
SHAKESPEARETutti il mondo è Palcoscenico. al...“Tutta Napoli è un palcoscenico”, verrebbe da esclamare...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500