giovedì 14 NOVEMBRE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Donne che cambiano il mondo

COCCINELLA VALORE DELLE DONNE COVERHevrin Khalaf, attivista curda, trucidata a sangue freddo in Siria.

La tosse da fumo di Chiara Ferragni diventa una canzone: ecco il video virale.

Inizia la giornata. Noi donne dell’Occidente siamo pronte a metterci il rossetto, a decidere cosa mettere, se i pantaloni o la gonna attillata, a controllare sulla bilancia se siamo ingrassate, se abbiamo messo il fatidico chilo in più, a scrutare i social per verificare la popolarità del nostro profilo, se qualcuno ha messo un altro like alle nostre rappresentazioni, a scrutare il cielo per vedere se pioverà o uscirà il sole, a correre come dannate per portare i figli a scuola, a infilare impegni sugli scontrini delle cose appese, a immergerci nell’imbuto del traffico e del non sense delle nostre vite. Altre donne, in luoghi lontani dal nostro, lottano tra la vita e la morte anche per noi.

Donne comuni, donne della nostra età, con un pieno di dignità, di valori e di pregnanza femminile che noi sembriamo aver dimenticato.

Donne che costituiscono oggi il vero modello dell’Occidente in frantumi, che danno valore alla vita perché conoscono cosa significa portare in grembo i figli del domani, che conoscono gli atti veri e umili del coraggio. Quelli fatti sottovoce senza grandi strombazzate “virali”.

Loro combattono per restituire a una società morente il senso profondo del vivere, combattono per la libertà, la pace, la giustizia, con determinazione e forza per restituire speranza ai loro figli e ai nostri, per fermare la follia omicida di questo mondo strano, dominato dalla cieca e ottusa smania di potere.

E noi frattanto?

Cosa facciamo?

Per cosa viviamo?

Con quale intento?

Siamo finiti nello spot del Mulino Bianco e non riusciamo più a uscirne. Siamo in compagnia dello specchio della matrigna di Biancaneve, ad affannarci dietro la ruga, a inseguire amori impossibili anche a ottant’anni, a sognare di diventare influencer e a cercare di imitare Chiara Ferragni.

Mentre loro combattono, a noi restano le icone in fila che sembrano lapidi, messe uno a fianco all’altra su Facebook, le foto patinate e ritoccate di Instagram, le polemiche velenose su Twitter.

Loro sono vive, le donne curde. E noi siamo morte, insieme ai manichini, inebetite dalla società dei consumi, che ci vuole bambole finte buone solo a comprare oggetti inutili.

Altre donne cambieranno il mondo.

Lo stanno già cambiando…

Non noi.

Le donne curde ci chiedono aiuto.

Ma sono loro che ci salvano.

L'Autore
Chiara Tortorelli
Author: Chiara Tortorelli
Scrittrice, editor e copywriter, vive a Napoli dove inventa nuovi cultural life style: come presentare libri in maniera creativa e divergente, come scrivere i libri che ti piacciono davvero al di là del marketing, come migliorare la creatività e il benessere personale con metodologie a metà strada tra stregoneria e pensiero laterale. Perché è sempre possibile (e lei ci crede) continuare a pensare con la propria testa.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
titoloTranslucida, mostra personale di...Translucida è la prima mostra personale di Paolo Titolo...
camilreriCamilleri apre l'undicesima edizione...Al via il cinema Astra parte l’undicesima edizione di...
Centro Teatro Spazio COVERPirandello apre la stagione al...Agli esordi, Massimo Troisi e il suo gruppo si...
COCCINELLA UNA CAVERNA CHIAMATA WEBUna caverna chiamata webCi sono dei prigionieri incatenati in una caverna, dalla...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500