venerdì 14 DICEMBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

Tanti auguri nonno Gianni!

favole-al-telefono-rodariOggi Gianni Rodari avrebbe compiuto 94 anni. Un piccolo omaggio –molto personale- al nonno che tutti avrebbero dovuto avere.

Avevo una manciata di anni e come tutti quelli della mia generazione divoravo i libri di Gianni Rodari. Il mio preferito? Favole al telefono, una raccolta di filastrocche brevi e lunghe che l’irraggiunto Rodari scrisse per la figlia, dalla quale era lontano per lavoro: ogni sera, al telefono, una piccola fiaba. ‘A Paoletta Rodari e ai suoi amici di tutti i colori’era la dedica che apriva l’infilata di storielle. Ho consumato quel libro illustrato da Munari –e ad oggi sopravvissuto tra ditate di cioccolata e animali disegnati a pastello- e desiderato per i trenta anni successivi della mia vita di essere Paola, fonte ispiratrice di tanta bellezza e gioia. Oggi Gianni Rodari avrebbe compiuto 94 anni, e ancora resta il nonno che ciascuno bambino avrebbe il diritto di avere, una penna allegra, dalla semplicità disarmante, un dispensatore unico di sorrisi.  Molte delle sue filastrocche le ricordo ancora a memoria e cerco di trasmettere a mia figlia questo piccolo tesoro. Una per tutte:

A inventare i numeri

- Inventiamo dei numeri?

- Inventiamoli, comincio io. Quasi uno, quasi due,

quasi tre, quasi quattro, quasi cinque, quasi sei.

- E troppo poco. Senti questi: uno stramilione di

biliardoni, un ottone di millantoni, un meravigliardo e un

meraviglione.

- Io allora inventerò una tabellina:

tre per uno Trento e Belluno

tre per due bistecca di bue

tre per tre latte e caffè

tre per quattro cioccolato

tre per cinque malelingue

tre per sei patrizi e plebei

tre per sette torta a fette

tre per otto piselli e risotto

tre per nove scarpe nuove

tre per dieci pasta e ceci.

- Quanto costa questa pasta?

- Due tirate d'orecchi.

- Quanto c'è da qui a Milano?

- Mille chilometri nuovi, un chilometro usato e sette

cioccolatini.

- Quanto pesa una lacrima?

- Secondo: la lacrima di un bambino capriccioso pesa

meno del vento, quella di un bambino affamato pesa

più di tutta la terra.

L'Autore
Sarah Galmuzzi
Author: Sarah Galmuzzi
Giornalista, mamma, grafomane, gattara, storica dell'arte, non necessariamente in quest'ordine, polemica fino alle bolle, odia le sopracciglia ad ala di gabbiano e i sottaceti, ma ama praticamente tutto il resto, soprattutto gli accessori king size. A memoria d'uomo nessuno è uscito vivo da una discussione con lei.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
afragola nataleAfragola tra mercatini di Natale e...Un Natale magico ad Afragola, a pochi chilometri da...
danjloAl Nostos Teatro, un talk musicale...Secondo appuntamento della rassegna “Approdi 2018/2019”...
stella di nataleCome tenere in vita la Stella di...La pianta comunemente nota come Stella di Natale (in...
Ron e Tosca Festival di Sanremo 1996Tosca madrina del Premio per...Sarà la cantante Tosca la nuova madrina del Premio...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500