martedì 25 GENNAIO 2022
blank
 
chi siamo 
contatti

Noi speriamo che ce la caviamo

noi-speriamo-che-ce-la-caviamo100 modi per arrangiarsi nell’Italia della crisi e a suggerirceli Dario Assisi,  Sergio Assisi eMarcello D’Orta.

Siamo a Napoli, nell’aprile 1947, quando Giuseppe Marotta avvicina una donna ai Quartieri Spagnoli e con fare serio le domanda: «Potrebbe procurarmi una portaerei?». E la donna, all’insolita richiesta, senza scomporsi, risponde allo scrittore: «Passate domani mattina, ora è troppo tardi».  Sempre a Napoli, ma nel novembre 2014 e Marcello D’Orta  - maestro elementare nelle scuole della provincia partenopea e autore, proprio traendo ispirazione dalla sua esperienza scolastica, del best seller “Io speriamo che me la cavo – riprende l’esempio marottiano per celebrare la capacità di inventarsi giorno per giorno un mestiere. Stiamo parlando dell’arte di arrangiarsi napoletana che è fantasia, ironia, psicologia, teatralità del gesto (che in qualche caso diventa sceneggiata), eloquio sciolto e filosofia di un popolo intero.  

Assieme a Dario e Sergio Assisi, fratelli, il primo fotografo, artista digitale, grafico, pittore   e il secondo attore, regista, autore e scrittore, D’Orta riflette sull’atteggiamento napoletano verso la vita, atteggiamento fatto di pazienza (quella che Marotta considerava l’Oro di Napoli), limite nel desiderio di cose materiali, fiducia nel soccorso dei santi, rinuncia al superfluo, sopportazione delle avversità, capacità di adattarsi alle situazioni. Ecco dunque una raccolta di mestieri curiosi, strampalati, impossibili che accanto a quelli più tradizionali, come lo iettatore di professione, la stiratrice di giornali, il pazzariello, il correntista, il lustrascarpe, il ritrattista da strada, compongono un caleidoscopio di lotta alla precarietà lavorativa ed esistenziale: dall’assistente gommista all’accompagnatore ritiro pensione, dal prenota pizza all’ingelositore per mariti disattenti fino al venditore di giornali per coppiette in auto. In “Noi speriamo che ce la caviamo”, Cairo Editore, c’è il ritrattista di animali, il noleggiatore di colombe per matrimoni, l’affittacani antifurto, ci sono, insomma, le professioni vere o inventate dove è possibile trovare tutta l’originalità e la simpatia simbolo dei napoletani nel mondo.

L'Autore
Raffaella R. Ferrè
Author: Raffaella R. Ferrè
Giornalista, scrittrice, le piacciono un botto di cose tra cui la Storia del '900, gli Smiths e Napoli. Ha pubblicato romanzi e racconti, fa parte della redazione di Napoli Città Sociale e collabora con Il Mattino. Pensa che il codice Html sia poesia pura. Le dicono spesso che assomiglia a Scarlett Johansson e la cosa le fa piacere anche perché, per la maggior parte del tempo, è convinta di assomigliare ad una piccola nerd.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
TeatroSerraRiparte il Teatro Serra: la nuova...La cultura non si ferma, meno che mai il teatro e pur in...
HER 2Per dirsi mai, il nuovo singolo di HerEsce per Joseba Publishing il nuovo singolo di H.E.R.,...
Ero in guerra ma non lo sapevoArriva in sala “Ero in guerra ma non...Arriva nelle sale cinematografiche, anche in Campania,...
I soliti ignotiAl Teatro Diana debutta “I soliti...“I soliti ignoti” debutta al Teatro Diana mercoledì 26...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500