sabato 4 DICEMBRE 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

Leo Lionni, l’artista che insegnò l’accoglienza ai bambini

lionniA 20 anni dalla morte e per i 60 anni dall’uscita di Piccolo blu e piccolo giallo, la casa editrice Babalibri rende omaggio a Leo Lionni con una mostra a lui dedicata. Un percorso alla scoperta di un artista che è stato anticipatore e visionario, capace di esprimere con ironia e leggerezza valori incredibilmente attuali. Alla Feltrinelli, dal 6 maggio al 28 maggio una mostra sull’universo innovativo e pedagogico dell’artista Leo Lionni e sul suo capolavoro Piccolo Blu e Piccolo Giallo.

L’artista Leo Lionni

Nel 1959 Leo Lionni, un artista a tutto tondo, dà vita a quello che il tempo gli riconoscerà come suo più grande successo: Piccolo blu e piccolo giallo. Un libro sulla libertà, sull’accoglienza verso chi è diverso. Ha parlato dell’arte come pilastro per la sopravvivenza di una comunità, del dialogo come unico terreno per risolvere i conflitti, dell’unione composta, pacifica, consapevole come strada per rivendicare i diritti per chi diritti non ne ha. Il libro mette al centro le immagini, semplificate, che servono al piccolo più di quanto spieghino le parole. Va riconosciuto all’artista di aver scelto un tipo di narrazione grafica molto semplice ed immediata, a misura di bambino. Questo libro sarà premiato il dal Premio Andersen nel 2001, nella categoria miglio libro mai premiato.

La trama

Piccolo blu e piccolo giallo è la storia semplice e commovente di un’amicizia che supera le differenze e abbatte i pregiudizi adulti. Piccolo blu vive con mamma blu e papà blu. Il suo migliore amico è piccolo giallo, che abita nella casa di fronte con i suoi genitori. Insieme giocano a nascondino, al girotondo, corrono e saltano. In classe devono stare fermi e composti, ma fuori possono muoversi in libertà e spensieratezza. Un giorno mamma blu deve uscire e si raccomanda con piccolo blu di rimanere in casa. Ma piccolo blu si sente solo e va dal suo amico piccolo giallo. Purtroppo non lo trova e comincia a cercarlo preoccupato dappertutto. Dopo alcuni tentativi andati a male, girato l’angolo finalmente lo vede e la felicità di ritrovarsi è talmente grande che i due si abbracciano con entusiasmo, e si riabbracciano così forte che diventano verdi. A questo punto sono diventati un tutt’uno e, in questa nuova “pelle”, quando ritornano a casa, non vengono riconosciuti. Le persone che più li amano non riescono ad andare oltre il loro colore e a capire che sono sempre gli stessi: «Tu non sei il nostro piccolo blu. Tu sei verde», dicono mamma e papà blu. «Tu non sei il nostro piccolo giallo. Tu sei verde», dicono mamma e papà giallo. La disperazione dei due amici è talmente cocente, che scoppiano in lacrime senza riuscire a fermarsi. Piangono e piangono, finché non si sfaldano, diventando loro stessi tante piccole lacrime gialle e blu. Infine si ricompongono, ritornando ognuno sé stesso nel proprio corpo. «Ci crederanno ora?», si chiedono tristi. I genitori stavolta li riconoscono e capiscono cosa era successo… Le ultime pagine raccontano gli abbracci tra grandi e piccoli e le “fusioni” che si vengono a creare entrando in contatto.

lionni 1

Cosa: TU SEI UN POETA! L'universo di Leo Lionni

Dove: La Feltinelli Libri e Musica, via santa caterina 23, napoli

Quando: AL 06 MAGGIO AL 28 MAGGIO 2019

Costi: Ingresso Libero

L'Autore
Eva de Prosperis
Author: Eva de Prosperis
giornalista e scrittrice, ha lavorato come reporter dai Balcani e da Parigi

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Persecuzione valdesi coverStorie dimenticate: la strage dei...Worms, 18 aprile 1521: dinanzi al Reichstag riunito dal...
bisbigliata creaturaBisbigliata Creatura. Da Chandra...Una poetica riflessione sull’interazione fra corpo e...
BarlumiMercatino Solidale di progetto...Con l’approssimarsi delle festività natalizie è...
Nuova Orchestra Scarlatti: concerti...“Promenade Performance” è il Concerto conclusivo...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500