sabato 20 LUGLIO 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Il Divino Inciampare, la storia del Santo Volante

miguelMiguel Angel Valdivia, disegnatore giramondo, presenterà il suo primo libro di Graphic Novel, 192 pagine di tavole in bianco e nero accompagnate dai testi di Cyop&Kaf:  IL DIVINO INCIAMPARE, Vita e miracoli di San Giuseppe da Copertino (Coconino Press, 192p, 20 euro). Il libro tratta della vita del frate di Copertino, in provincia di Lecce, che la leggenda narra fosse capace di volare sollevandosi in un’estasi mistica guardando una riproduzione della Vergine.

La presentazione si terrà presso il centro per l’arte Contemporanea nella Chiesa di Santa Maria delle Misericordie ai Vergini il 15 giugno alle ore 19.  A presentare il libro saranno presenti l’autore, Miguel Angel Valdivia, e ad introdurre l’evento Marcello Anselmi, Stefano de Matteis e Antonio Biasiucci. Il tutto sarà accompagnato dall’intervento sonoro di Antonio Raia. La serata è a ingresso libero.

Il santo che vola

Questo personaggio è realmente esistito, San Giuseppe da Copertino al secolo Giuseppe Maria Desa nasce nel 1603 in una stalla, per le sue semplici origini sarà denominato il frate asino, ma la sua vita ed interpretazione della religione gli valsero un grande seguito tra il popolo.

«In ogni tuo affare, temporale o spirituale che sia, tu fa la tua parte e poi lascia a Dio la parte sua» (s. Giuseppe da Copertino).

San Giuseppe da Copertino è un personaggio scomodo per la Chiesa, attira molte persone intorno a lui e crea scompiglio in quello che è un ordine prestabilito e che si vuole immutabile -racconta Miguel -per questo l’Inquisizione vuole zittirlo”. Il frate ha dovuto realmente affrontare la Santa Inquisizione, subì due processi per abuso di credulità popolare, prima ad Assisi (1639-1653), poi a Pietrarubbia e, infine, a Fossombrone (Pesaro 1653-1657), al termine dei quali poi fu restituito ai suoi confratelli e destinato ad Osimo dove morì. “L’interesse per questa storia è nato per caso - continua l’autore - quindici anni fa un amico mi regalò il libro A boccaperta di Carmelo Bene, un libro che racconta la vita del santo. L’idea di farne un fumetto è nata quasi per una coincidenza, però è stato un lavoro lungo e difficile. Il tutto si è finalmente sbloccato quando ho trovato un editore pronto a scommettere sul progetto. Da subito ho cominciato a lavorare su questa storia ma in maniera molto particolare, discontinua, ogni tanto consacravo un momento per mettermi a disegnare, ma ho avuto molta difficoltà a capire la strada giusta. La prima idea fu quella di riadattare al fumetto il libro di Carmelo Bene, ma una volta provato non ero contento del risultato… insomma la storia è stata come un rumore di sottofondo che accompagnava tutto. Continuava a tornare, e tornare, è diventata quasi una sfida. E questa ricerca, nel trascinarsi nel tempo, nel suo protrarsi, ha influenzato anche tutto il resto del mio lavoro.”

Miguel1

Il fumetto

La storia del frate volante non è una ricostruzione storica “volevo sentirmi libero, non attanagliato da dettagli o necessita di coerenza storica” racconta Miguel. La vita del Santo è ambientata quindi in una società distopica, un presente che ha somiglianze con un passato futuristico o un futuro obsoleto. Le Istituzioni sono dipinte come grandi macchine cieche e bieche “Dietro c’è una storia di potere, si parla dell’istituzione Chiesa così vogliosa di dimostrare la falsità del miracolo del frate ma allo stesso tempo così incuriosita e quasi ingelosita dalle sue reali capacità.”.  Un fumetto molto particolare quello di Valdivia, affascinante per la semplicità complessa, per il messaggio così forte trasmesso attraverso tavole mute, bicromatiche e accompagnate da testi a fronte scritti dal collettivo di artisti partenopei Cyop&Kaf  “Io non amo le vignette, già dal principio sapevo che non le avrei utilizzate nel fumetto – continua l’artista – di solito per me sono più il mezzo per rappresentare il linguaggio in quanto concetto piuttosto che reale mezzo di trasmissione di informazioni. Nel libro tutto, anche la scelta del bianco e nero, simboleggiano la ricerca dell’essenziale dell’artista. “Mi interessa vedere quanto delle informazioni che utilizziamo per far passare un messaggio sia realmente necessario e quanto invece superfluo” racconta Miguel.

Del fumetto ne ha scritto Goffredo Fofi:  “Si può parlare di una sorta di nuovo espressionismo, un esempio di un’ arte esigente e, di fatto, provocatoria di Valdivia, che mette a confronto... le due parti di un eterno conflitto: tra il potere e chi, per scelta ‘politica’, per necessità ‘materiale’ o per naturale e irreprimibile sentimento di libertà, non accetta per istinto i limiti della umana condizione... e non può che rispondere e obbedire alla sola esigenza di verità, di verticalità”.

Miguel2

Cosa: Presentazione del Libro Il Divino Inciampare di Miguel Angel Valdivia

Dove: Centro per l’arte contemporanea nella Chiesa di Santa Maria delle Misericordie ai Vergini

Quando: 15 giugno 2019 ore 19h

Costi: Ingresso libero

L'Autore
Eva de Prosperis
Author: Eva de Prosperis
giornalista e scrittrice, ha lavorato come reporter dai Balcani e da Parigi

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
forioleggeForioLegge, il festival letterario...L'isola verde si prepara ad ospitare tre giorni di...
Maglia Napoli 2019 2Fermenti in casa NapoliIl calciomercato è entrato nel vivo in casa Napoli: il...
bellavistaIl Mistero di Bellavista e...Apprendendo della triste notizia della scomparsa di...
scarlatti in jazzScarlattinJazz al Maschio AngioinoLa Nuova Orchestra Scarlatti diretta da Bruno Persico,...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500