lunedì 21 OTTOBRE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

La sai a Fran?

fran-de-martinoFran De Martino è una giovane fumettista napoletana, attivissima e alla sua prima prova nel campo dei libri. La sua creatura ha un titolo molto poco politically correct:  si chiama "La sai a mammeta?”

Un’opera prima dedicata ai più piccoli, e non certo nel senso più tenero della cosa. I bambini di Fran urlano e strepitano e si meritano, per l’appunto, un chiarissimo riferimento alla loro genitrice: “La sai a mammeta?” , una di quelle esclamazioni del dialetto napoletano che prima o poi tutti abbiamo utilizzato, come a dire, in sole 4 parole che non ci si sta comportando propriamente bene. 

Cara  Fran, ma tu odi i bambini o i loro genitori?

Io odio, a giorni alterni, varie categorie di umanità. I bambini e i genitori sono un po' come l'uovo e la gallina, quindi come distinguere fra causa ed effetto? La verità è che ho un brutto carattere, e la mia personale crociata a perdere contro i ragazzini molesti è sicuramente la conseguenza di un'educazione rigida ed autoritaria: mia madre, Bloody Mary, utilizzava con ottimi risultati la tecnica dello "sguardo di ghiaccio" che preannunciava la presenza di mazzate a breve termine in caso di comportamento inadeguato. Provaci ora a guardare male un bambino scostumato, come minimo non se ne accorge perchè è troppo impegnato con lo smartphone.

La problematica dell'infanzia a Napoli è diversa da quella di altre città: lo dicono i dati. Tu sei d'accordo o pensi che i bambini siano gli stessi ovunque?

I  bambini non sono gli stessi ovunque, però riescono comunque a dare fastidio universalmente e a tutte le latitudini. Nel caso specifico di Napoli mi viene in mente una bellissima e ovviamente intraducibile parola del nostro dialetto: "tumità". Che sarebbe un misto di faccia tosta, impertinenza, comica guapparia in virtù della quale episodi di ordinaria battaglia contro l'infanzia riescono a strapparti un sorriso, oltre a farti desiderare intensamente il porto d'armi - e in questi casi rientriamo nel campo semantico di un altro famoso termine napoletano, "cazzimma", di cui i bambini sono ugualmente ben forniti, come ho dettagliatamente mostrato nel libro. Ma questa, come si suol dire, è un'altra storia...

La presentazione di “La sai a mammeta?”, edito da ‘Round Midnight Edizioni, è in programma per sabato 7 giugno alle 18.30 a Napoli, alla “Librido” di via Nilo 29.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
gennaro coppolaPunto tutto sulla qualità. Parla...Nata nel 2016 la trasmissione di attualità e...
Il mondo salvato dai ragazziniIl mondo salvato dai ragazzini: si..."Leggere è andare incontro a qualcosa che sta per essere...
venezia a NapoliCon Venezia a Napoli il cinema...Un vecchio luogo comune della crisi del cinema in Italia...
Michele IodiceIncontro con Michele Iodice nel suo...Visioni e sogni è il titolo che Iodice ha scelto per...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500