venerdì 22 NOVEMBRE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Gli ultimi giorni del comandante Plinio, la presentazione alla Biblioteca Universitaria

Gli ultimi giorni del comandante PlinioSarà presentato a Napoli il romanzo storico “Gli ultimi giorni del comandante Plinio”, firmato da Alessandro Luciano, pubblicato dalla Marlin, la casa editrice di Tommaso e Sante Avagliano.
Giovedì 24 ottobre, alle ore 16.45,  a Napoli presso la Biblioteca Universitaria, in via Giovanni Paladino 39, a fare gli onori di casa e coordinare l’incontro sarà il Direttore delle Bun, Raffaele De Magistris.
Ne discutono con l'autore Alessia Fuscone e Lavinia De Rosa del MIBACT. Le letture saranno a cura di Maria Di Prisco del Gruppo Teatro della Scodella.
A precedere la presentazione sarà, alle ore 16.00,  una visita guidata all’Esposizione bibliografica “Plinio e l’eruzione del 79 d.C. nei libri pregiati della Biblioteca Universitaria di Napoli”.
Il libro, che  già dopo poche settimane è alla sua seconda edizione, ha il piglio e il lucore dei grandi classici della letteratura latina, l’espediente narrativo è infatti quello di un diario narrato in prima persona da Plinio il Vecchio, comandante della flotta militare romana e autore della “Naturalis historia”, che racconta gli ultimi quattro giorni prima dell’eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei ed Ercolano. In maniera appassionata ed appassionante, rivive, sotto gli occhi incantati di un lettore che si trova un testo coinvolgente e prezioso tra le mani, un’epoca che intrecciava insieme fasti e decadimento, civiltà e violenza, cultura, arte, tradizione e la bellezza di luoghi mozzafiato, arricchiti da geniali opere architettoniche.
Costumi, taverne, usanze, abitudini, personaggi storici realmente esistiti, sfilano, limpidi, in quello che è un quadro in movimento di una “Campania baciata dal sole e dal mare, resa fertile da qualche oscura forza della natura”. Le conoscenze profonde sono quelle di quel tempo, il linguaggio è sorprendentemente vicino a quello di allora. Ma siamo in un momento molto prossimo alla catastrofe, e se ne avvertono indistintamente segnali e presagi. “Non preparare le navi, mettiti in salvo”, vaticina la celebre Sibilla Cumana, inascoltata da Plinio, che sfiderà le maree, l’odore di zolfo, terremoti e innalzamenti del territorio, acqua che si fa bollente, fino alla pioggia di pietre pomice e lapilli, fino alla colonna di cenere, alta sul vulcano distruttore, che tutto sommergerà. Plinio andrà, mosso dall’amore per una donna e per un libro, spinto dalla curiosità di scienziato che prova a capire un fenomeno magnifico e devastante. E il finale è vibrante e procede in un crescendo al cardiopalma, che emoziona, che agita, che commuove, come pochi libri e la grande cultura sanno fare.

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Libri finalisti al Premio Napoli 2019 copia copiaPremio Napoli: i riflettori puntati...Con Nanni Cagnone, Francesco Nappo e Tiziano Scarpa,...
accoaccordi@DISACCORDI Festival...In her shoes della regista Maria Iovine si è aggiudicato...
arte in caffetteriaL’arte in caffetteriaUnire l’arte al piacere di sorseggiare in compagnia un...
World Television Day la TV celebrata in tutto il mondoWorld Television Day: la TV...In pochi sanno che il 21 Novembre si celebra in tutto il...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500