martedì 30 NOVEMBRE 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

Premio Bianca D’Aponte: ecco l’unico contest italiano per cantautrici

peppino di capriChiara Civello, Peppino di Capri, Mannarino, Cristina Donà: sono solo alcuni tra gli ospiti della 17a edizione del Premio Bianca d’Aponte, il concorso riservato a cantautrici, che vede come sempre un importante parterre di ospiti ad alternarsi con le concorrenti. Il festival è in programma venerdì 22 e sabato 23 ottobre al Teatro Cimarosa di Aversa e vedrà come media partner ufficiale Rai Radio 1.

In veste di madrina Chiara Civello, mentre il premio alla carriera della città di Aversa sarà assegnato a una figura storica della canzone italiana: Peppino di Capri.

Le finaliste saranno: Anna e l’appartamento di Verona, Roberta De Gaetano di Messina, Miriana Faieta di Chieti, Giove di Torino, Isotta di Siena, Olivia XX di Civita Castellana (Viterbo), Alessandra Pirrone di Catania, Valentina Polinori di Roma, Claudia Salvini di Montevarchi (Arezzo), Vitto di Vinci (Firenze).

La due giorni, che vede la direzione artistica di Ferruccio Spinetti, vedrà salire sul palco anche altri personaggi di primo piano della musica del nostro Paese come Mannarino, Cristina Donà, Giovanni Truppi, il trio ‘Cantautrici’ (Rossana Casale, Grazia Di Michele e Mariella Nava), Tricarico & Jennà Romano, Carlo Marrale, Tony Canto. A loro si aggiungono il giovane Marco Martinelli, il duo Still Life, a cui andrà il Premio Bianca d’Aponte International, e Monica Sannino, vincitrice dell’ultima edizione del concorso.

La conduzione delle serate è affidata a Carlotta Scarlatto e Ottavio Nieddu.

Tutti gli appuntamenti su prenotazione (con obbligo di green pass e mascherina). 

mannarinio

Il programma

Si comincerà con una sorta di anteprima giovedì 21 ottobre, quando dalle ore 10 alle 17 all’Auditorium Bianca d’Aponte (in Via Nobel) ci sarà un seminario sulla scrittura delle canzoni tenuto da Giuseppe Anastasi, noto cantautore e autore per altri artisti, da Arisa a Noemi.

Venerdì alle 20 al Teatro Cimarosa prenderà il via la prima serata, che sarà aperta da Monica Sannino, vincitrice della passata edizione. A seguire l’esibizione delle dieci finaliste che eseguiranno, ciascuna, un proprio brano non in concorso. La seconda parte della serata vedrà alternarsi Peppino Di Capri, Giovanni Truppi, il trio Cantautrici (Rossana Casale/Grazia Di Michele/Mariella Nava), Marco Martinelli e Still Life. Inoltre, un gruppo di alunni del liceo classico e musicale Cirillo di Aversa omaggeranno Bianca d'Aponte (la cantautrice a cui la manifestazione è dedicata) eseguendo un suo brano, “Ninna nanna in re”.

Il programma di sabato 23 inizierà già dal mattino quando, dalle ore 10, sempre al Teatro Cimarosa, è in programma la presentazione del libro “Cantami Godiva” (Crac Edizioni) di Michele Monina e, a seguire, un incontro con le finaliste. A condurre i due appuntamenti sarà Daniela Esposito. Alle 12 sarà la volta di un incontro sui “Diritti connessi al diritto d’autore” con Andrea Marco Ricci di NuovoImaie.

Alle 20 toccherà alla serata finale, aperta ancora da Monica Sannino. Le finaliste eseguiranno il brano in gara, alcune accompagnate dalla band residente diretta da Alessandro Crescenzo. A seguire, il palco andrà agli ospiti, ovvero Alessandro Mannarino, Cristina Donà, Tony Canto, Carlo Marrale, Francesco Tricarico & Jennà Romano. Alla madrina di questa edizione, Chiara Civello, spetterà come sempre il compito di interpretare un brano di Bianca d'Aponte, oltre ad alcuni suoi brani.

La serata si concluderà con la proclamazione della vincitrice e l’assegnazione dei vari premi.

Molti i riconoscimenti in palio. Alla vincitrice assoluta andrà il Premio Bianca d’Aponte, con borsa di studio di € 1.000, la partecipazione come ospite alla prossima edizione del Premio, tre concerti di presentazione prodotti da Doc Live e la possibilità di partecipare al Premio dei Premi del Mei di Faenza. Per chi si aggiudicherà il Premio della Critica “Fausto Mesolella” (storico direttore artistico della manifestazione) è prevista una borsa di studio di € 800. Verranno inoltre assegnate menzioni per miglior testo, migliore musica e migliore interpretazione.

A questi si aggiungono vari premi assegnati direttamente da realtà esterne all’organizzazione o da singoli giurati ad alcune finaliste. Novità di quest’anno sarà una borsa di studio al Cet di Mogol da parte della ‘Fondazione Jacqueline e Totò Savio’. Ad assegnarla sarà la stessa Jacqueline, protagonista di diverse iniziative a sostegno dei giovani artisti.

Inoltre sono previsti: una proposta per un anno di assistenza legale e manageriale per l'artista vincitrice o altra finalista da parte di Siedas, un premio di Soundinside Basement Records, consistente nella realizzazione di un video live in studio; il “Premio ’Na stella” (titolo di una canzone di Mesolella) del Virus Studio, con l’incisione di un brano con la produzione artistica di Ferruccio Spinetti e quello dell’etichetta Suoni dall’Italia di Mariella Nava, con la proposta di una possibile collaborazione artistica.

In veste di giurati, come ogni anno, ci saranno cantautrici, cantautori, autori, compositori, giornalisti del settore, organizzatori di festival, addetti ai lavori e operatori culturali, suddivisi in due diverse giurie: quella per il premio assoluto e quella per il premio della critica.

Nel primo caso la giuria, presieduta da Chiara Civello, sarà composta da Giuseppe Anastasi (cantautore), Tony Bungaro (cantautore), Tony Canto (cantautore), Rossana Casale (cantautrice), Mimì Ciaramella (musicista e compositore), Sergio Delle Cese (Antenna Music Factory), Cristina Donà (cantautrice), Piero Fabrizi (produttore), Angelo Franchi (AF47 Music), Kaballà (cantautore), Saverio Lanza (musicista e compositore), Elena Ledda (cantautrice), Alessandro Mannarino (cantautore), Carlo Marrale (cantautore), Alfredo Rapetti Mogol (paroliere), Mariella Nava (cantautrice), Luca Nottola (Arealive), Brunella Selo (cantautrice), Tricarico (cantautore), Roberto Trinci (Sony edizioni).

La giuria del Premio della Critica “Fausto Mesolella”, presieduta da Enrico De Angelis (critico musicale e storico della canzone), vedrà presenti Carmine Aymone (Corriere del mezzogiorno), Roberta Balzotti (Tgr Rai), Fabrizio Basso (Skytg24), Salvo Battaglia (ImusicFun), Angiola Codacci Pisanelli (L’Espresso), Giorgiana Cristalli (Ansa), Mauro De Cillis (Rai Isoradio), Giuliano Delli Paoli (Ondarock), Cecilia Donadio (Tg Rai), Angela Garofalo (Cronache di Caserta e Napoli), Nicola Iuppariello (DiscoDays), Annino La Posta (L’Arena), Elisabetta Malantrucco (Rai Radio Techete’), Michele Monina (critico musicale), Duccio Pasqua (Rai Radio1), Leonardo Pascucci (L’isola che non c’era), Timisoara Pinto (Gr Rai), Alessia Pistolini (critico musicale); Ivan Rufo (Festival Botteghe d’Autore), Marcella Sullo (Gr Rai), Paolo Ventriglia (Il Mattino), John Vignola (Rai Radio1).

Nel corso delle serate sarà disponibile la compilation della 17a edizione del Premio, che il pubblico potrà ricevere in cambio di un’offerta presso il banco di Emergency, cui sarà devoluto l’intero ricavato.

Il Premio Bianca d’Aponte è promosso dall’Associazione Musicale Onlus Bianca d’Aponte, con partner privilegiato il Comune di Aversa. Media partner: Rai Radio1.

Partner: Emergency, M.A.U., NuovoImaie, Doclive, Premio Andrea Parodi, Suoni dall’Italia, Pem! Parole e musica in Monferrato, L’isola che non c’era, Fondazione “Jacqueline e Totò Savio”, Blogfoolk, Maieutica Dischi, Siedas, Virus Studio, Soundinside, Associazione Virginia Vita, Ristorante Nez. Riprese video: Time4Stream.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni:

336 694666 – 3355383937; info@biancadaponte.it - info@premiobiancadaponte.it

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Ho 14 anni e non sono una stronza,...Ho 14 anni e non sono una stronza: è questo il titolo...
Al via Tutta colpa di Freud - La serieDopo il grande successo di pubblico e i tanti...
La scelta giusta 6 scaledLa scelta giusta al Coffee BrechtLuca è un giovane imprenditore, direttore dell'azienda...
Eventi e apertura serali, dicembre...Sarà un dicembre molto ricco quello la Reggia di Caserta.
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500