martedì 21 GENNAIO 2020
blank
 
chi siamo 
contatti

Architettura di quartiere formato a3

a3Guardare all’Europa con occhio critico, rubare, reinterpretare, fare proprio: è quello che fa formato a3, un piccolo studio nel cuore del Vomero che propone un nuovo modello di architettura.

Non più solo progetti spersonalizzati, realizzati per una committenza svogliata e danarosa, ma un vero e proprio esempio di progettazione partecipata che parte dal presupposto che tra l’architetto e colui che vi si rivolge, debba esserci una sintonia perfetta, uno scambio di emozioni e di energie tale da arrivare a realizzare l’unico progetto possibile, letteralmente cucito addosso ai bisogni del committente. Ed è proprio strizzando l’occhio al mondo della moda che Vincenzo Accetta, Anna Attademo e Sveva Bacale -i tre giovani architetti napoletani ideatori dell’iniziativa- hanno concepito S/M/L una formula di progettazione che va incontro a tutte le ‘taglie’ di budget, dalla più contenuta alla più abbondante, ma che lascia naturalmente inalterate la professionalità impiegata e la qualità del lavoro svolto. Per poter proporre al committente il ‘progetto perfetto’ formato a3 ingaggia un vero e proprio contraddittorio col su cliente che non di rado sconfina nella seduta psicologica volta a far venir fuori l’anima vera e con essa i suoi veri bisogni. Scendendo un gradino di quel podio di grandeur che comunemente occupa, l’architetto -così come nella concezione di formato a3- si pone su un piano di dialogo costante e quotidiano col committente di turno, a partire dal luogo dove trova collocazione: non già uno studio in qualche palazzo di rappresentanza, ma uno spazio fronte strada, una sorta di agenzia di quartiere che offre agli abitanti della zona un vero e proprio servizio di architettura pret a porter, che muove dalla progettazione degli spazi all’architettura d’interni, passando per il disbrigo di tutte quelle noiosissime pratiche burocratiche convenzionalmente affidate all’uomo di casa. Nel mettersi al servizio dei cittadini formato a3 recupera un modello di ‘fare architettura’ già ampiamente adottato nelle principali capitali europee e in esse perseguito con grande successo.

www.formatoa3.it, info@formatoa3.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
apologiaTra lacrime e risate,il Mercadante...Tra incomprensioni, antiche ruggini e dialoghi taglienti...
undergroundUndergroundPer la rassegna "In viaggio con Kusturica" il capolavoro...
copertina canarieIl carnevale alle CanarieFebbraio è uno dei mesi più freddi e tristi dell’anno,...
cover tvIl martedì dell’approfondimento:...Il martedì sera televisivo è dedicato...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500