giovedì 27 GENNAIO 2022
blank
 
chi siamo 
contatti
scambio-di-visioni-cover

SCAMBIO DI VISIONI: Daniele D’Ari

Daniele-D-ariConosciamo meglio i protagonisti del progetto per fotografi -professionisti e non- chiamati a raccontare il tema delle arti e dei beni culturali.

D. Raccontati

R. Studi: Laurea specialistica in storia contemporanea con 110/110 e lode alla Federico II; Master in fotografia allo IED Milano; Corsi di post-produzione digitale all'ILAS Napoli; studio del castillano al Cervantes Napoli.

Passioni: Da sempre amante dei gatti, della fotografia, dell'America Latina, di Napoli e del Napoli.

L'ambizione è una sola: vivere felice.

Progetti per il futuro? Vivere felice.

D. Cosa rappresenta per te ‘scambio di visioni’

R. Un'opportunità ed un'esperienza.

D. E’la prima volta che partecipi a una mostra fotografica

R. No, ho già esposto in due collettive, una "Famiglia" curata da Lucia Patalano, l'altra a Milano al termine del master.

D. Descrivici la foto che hai scelto di presentare al concorso, raccontaci quando l’hai scattata

R. La 1° è uno scatto realizzato durante i corsi di fotografia "Le Parole della Fotografia" e risale al 2010. E' stata una suggestione. Ho visto in quel frangente le due anime di Napoli: la solarità e l'occulto.

La foto è stata apprezzata anche in una rassegna on line realizzata dal quotidiano francese Liberaciòn, che l'ha pubblicata in una gallery intitolata "A l'italienne: Capri c'est finì".

La 2° invece è stata realizzata a margine di un lavoro fatto per la Sovraintendenza di Castel dell'Ovo. Anche in questo caso una suggestione molto forte: Napoli, città ricca di storia, sembra essere una città senza tempo futuro. 

D.Perché hai scelto di presentarla al concorso

R. Perché ritengo possano essere interessanti visioni sulla realtà napoletana.

D. Raccontaci cosa rappresenta per te la fotografia

R. La fotografia è, a mio giudizio, un formidabile strumento di narrazione, nonché un potentissimo mezzo analitico: fotografare consapevolmente è un modo per riflettere su quello che ci circonda.

D. Un personaggio -famoso o meno- che vorresti fotografare e perché.

R. Nessun personaggio in particolare, sono molto felice di poter fotografare gli interessantissimi esseri umani che trovo sul mio cammino. 

D. Un fotografo da cui vorresti essere ritratto

R. Alberto Korda, senza dubbio.

D. il tuo fotografo preferito

R. Dichiarerei il falso qualsiasi nome pronunciassi: posso dire che tanti sono i riferimenti culturali, da Berengo Gardin a Ferdinando Scianna, ma come non citare Cartier-Bresson, Salgado, Korda, etc. etc...

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
AperiArtRipartono gli AperiArt al Museo CAMUn museo che non tutti conoscono, una risorsa per il...
Tra Beethoven e Mendelssohn, in...È il grande clavicembalista e direttore Ottavio Dantone...
memoria e shoahMemoria e Shoah. Lettere dai lager...La memoria si preserva anche fermo posta. “Memoria e...
chi ha paura i Virginia Woolf foto di Brunella GiolivoChi ha paura di Virginia Woolf?Torna sul palco del Bellini “Chi ha paura di Virginia...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500