domenica 16 DICEMBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti
scambio-di-visioni-cover

SCAMBIO DI VISIONI: Marco Sorrentino

Marco-SorrentinoConosciamo meglio i protagonisti del progetto per fotografi –professionisti e non- chiamati a raccontare il tema delle arti e dei beni culturali.

D. Raccontati

R. Sono un amante della bellezza fin dall'infanzia, avendo intrapreso studi umanistici ho imparato a riconoscerla nelle forme più varie.
L'arte fotografica mi ha contagiato circa otto anni or sono, essa ha fatto leva sul mio spirito nostalgico e su una sempre crescente necessità di dare ordine al caos che vedo intorno a me: credo nella capacità pacificatrice della bellezza, la quale annulla il disordine durante il tempo della sua fruizione.

D. Cosa rappresenta per te ‘scambio di visioni'?

R. Trovo che sia un modo intelligente per confrontare punti di vista su una realtà, quella dei beni culturali, che non deve mai essere trascurata.Ben vengano occasioni che ne sottolineano implicitamente l'importanza.

D. E’ la prima volta che partecipi a una mostra fotografica?

R. No, essendo un socio ordinario della Società Fotografica Casertana sono abituato a questa tipologia di iniziative.

D. Descrivici ci la foto che hai scelto di presentare al concorso, raccontaci quando l’hai scattata.

R. Entrambi i miei scatti hanno come soggetti dei beni culturali: in uno di essi è ritratta la sconcertante clausura della piccola chiesetta di San Rufo Martire sita a Piedimonte di Casolla in Caserta. Opera di straordinaria bellezza, nonostante le ridotte dimensioni. Durante i secoli questo luogo sacro è stato vittima di saccheggi e incuria generale. La foto è stata scattata nell'ambito di una manifestazione culturale che aveva appunto lo scopo di valorizzare opere del territorio di cui la cittadinanza stessa non sa nulla. 
L'altro scatto rappresenta l'interno di un tempietto neoclassico che si trova in un luogo recondito del giardino all'inglese della Reggia di Caserta. La foto è parte di un progetto fotografico sull'esoterismo del giardino all'inglese promosso dalla Società Fotografica Casertana.

D. Perché hai scelto di presentarla al concorso?

R. Le due foto vogliono rappresentare due atteggiamenti opposti rispetto ai beni culturali, l'incuria e la valorizzazione: se nel primo scatto ho messo in evidenza la clausura assurda di un luogo storico, nell'altro, la controsoffittatura brillante del tempietto richiama l'oro, sembra quasi una grossa moneta. Il bene culturale quindi diventa risorsa economica, ricchezza per una comunità.

D. Raccontaci cosa rappresenta per te la fotografia.

R. La fotografia è un mezzo espressivo e in quanto tale necessita di due cose: idee da parte di chi la pratica e curiosità da parte di chi ne è fruitore. Per me la fotografia nasce proprio dall'unione di questi due ingredienti.

D. Un personaggio -famoso o meno- che vorresti fotografare e perché.

R. Non ci sono personaggi famosi che stimolano la mia attenzione fotografica. Sarebbe interessante invece fotografare i volti delle vittime della globalizzazione, ad esempio il lavoro minorile del medioriente e del sud-est asiatico; quelli sarebbero sguardi da documentare.

D. Un fotografo da cui vorresti essere ritratto.

R. Helmut Newton, chissà in quale posa e in quale dimensione surreale mi avrebbe inserito. Era un matto!

D. Il tuo fotografo preferito.

R. Steve McCurry, adoro gli sguardi sei suoi soggetti.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Orioli 2018 otto turni al timone tra Melita Walley e Birsa BankNoi di qua, voi di làConfini, frontiere e identità: le barriere fra i popoli...
pino daniele 10“Mal di te”, lo spettacolo-ricordo...“Mal di te”  è il nuovo spettacolo dei Lazzari Felici,...
Gran finale Premio Napoli 2018Premio Napoli: gran finale al MercadanteIl sipario del Teatro Mercadante si alzerà martedì 18...
libro 1Il pomeriggio dei piccoli con il...Mamme e papà, con i loro bimbi, sono attesi a Napoli per...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500