domenica 16 DICEMBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti
scambio-di-visioni-cover

SCAMBI DI VISIONI: Ciro Iacobelli

ciro-iacobelliConosciamo meglio i protagonisti del progetto per fotografi -professionisti e non- chiamati a raccontare il tema delle arti e dei beni culturali.

D. Raccontati

R. Sono un architetto e del mio lavoro amo la relazione che può esserci fra la progettazione degli spazi e il benessere delle persone che li vivranno. Le mie passioni sono la musica, la letteratura giapponese e guardare il mondo attraverso la macchina fotografica. Ambizioni? non ne voglio avere perché limitano l'entusiasmo e la spontaneità. Non rifletto più su cosa farò della mia vita, ma aspetterò cosa la vita farà di me.

D. Cosa rappresenta per te ‘Scambio di Visioni’?

R."Scambio di visioni" rappresenta per me un'opportunità di confronto con altri fotografi su di un tema a me particolarmente in quanto architetto attento alla forma urbana e ai modi di vivere la città. Ma rappresenta anche un'occasione di incontro col pubblico che potrà, vedendo la mostra, giudicare il punto di vista dei fotografi in rapporto al proprio punto di vista di cittadini.

D. E’ la prima volta che partecipi a una mostra fotografica?

R. No ed in particolare ho già partecipato alla precedente edizione di "Scambio di visioni".

D. Descrivici la foto che hai scelto di presentare al concorso, raccontaci quando l’hai scattata.

R. Si tratta di una foto scattata in una giornata qualsiasi nel centro di Napoli. In essa ho voluto rappresentare il modo in cui a Napoli viene vissuto il patrimonio architettonico: esso non viene "tirato a lucido" per i turisti, ma vissuto e usato come viene vissuta e usata tutta la città: vi si vede un dettaglio della chiesa di S. Paolo Maggiore su cui si nota la patina del tempo, una chiesa che svolge la sua funzione originale quotidianamente e che mostra senza paura la sua età; sullo sfondo un edificio storico in mediocri condizioni perché vissuto da napoletani qualunque, da un popolo che vive e lavora da secoli nella sua città e non sente il bisogno "borghese" di mettere a nuovo la facciata della propria abitazione. Da qui la naturalezza della presenza dei panni stesi al sole, difficile da vedere in altre città storiche.

D. Perché hai scelto di presentarla al concorso?

R. Credo che essa rappresenta bene il modo in cui i Napoletani "vivono e percepiscono i monumenti e la cultura in quanto beni comuni" (cfr. bando di concorso). Non si tratta di una valorizzazione o meno del patrimonio storico, ma piuttosto del fatto che a Napoli la città viene vissuta in modo spontaneo ed utilitario, motivo per cui una città nasce e si sviluppa nei secoli, aldilà di una monumentalizzazione della stessa che porta inevitabilmente ad avere città "di plastica" e poco "vere", cosa che accade da decenni nella maggioranza delle città del mondo sviluppato.

D. Raccontaci cosa rappresenta per te la fotografia

R. E' un mezzo per isolare dalla complessità del mondo reale alcuni dettagli che mi colpiscono per la loro qualità estetica e per poter poi rivedere in futuro queste immagini reiterando la piacevolezza dell'esperienza estetica che altrimenti rimarrebbe solo un ricordo vago.

D. Un personaggio -famoso o meno- che vorresti fotografare e perché

R. L'attrice Valeria Golino per l'espressività straordinaria del suo volto e della sua mimica, espressività che va molto aldilà della mera bellezza, talora unica caratteristica di molte sue colleghe.

D. Un fotografo da cui vorresti essere ritratto

R. Annie Leibovitz

D.Il tuo fotografo preferito

R. Aleksandr Michajlovič Rodčenko

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Orioli 2018 otto turni al timone tra Melita Walley e Birsa BankNoi di qua, voi di làConfini, frontiere e identità: le barriere fra i popoli...
pino daniele 10“Mal di te”, lo spettacolo-ricordo...“Mal di te”  è il nuovo spettacolo dei Lazzari Felici,...
Gran finale Premio Napoli 2018Premio Napoli: gran finale al MercadanteIl sipario del Teatro Mercadante si alzerà martedì 18...
libro 1Il pomeriggio dei piccoli con il...Mamme e papà, con i loro bimbi, sono attesi a Napoli per...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500