lunedì 19 APRILE 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

Pillola Anticoncezionale, 50 anni di donne libere

Il 10 marzo del 1971 è una data importante, uno di quei giorni che vanno ricordati: 50 anni fa finalmente fu data alle donne la possibilità di utilizzare la pillola contraccettiva, di poter quindi maturare in autonomia  la scelta di diventare madri.

Sì, avete capito bene sono solo cinquant'anni da quando l'AIED, Associazione Italiana per l'Educazione Demografica,  grazie ad un’azione politica con esplicita valenza di disobbedienza civile ha ottenuto l’abrogazione dell’art. 553 del Codice Penale che vietava la contraccezione in Italia.

Una tappa importante che sancisce quindi la libera commercializzazione della pillola anticoncezionale come mezzo contraccettivo in Italia.

Legalizzare la pillola anticoncezionale significo rendere le donne per la prima volta nella storia dell’umanità padrone del proprio corpo e della propria sessualità, indipendenti dalla volontà dei loro compagni, fidanzati, mariti.

Per rendere accessibile l’informazione contraccettiva anche ai settori della popolazione femminile tradizionalmente tagliati fuori dai canali d’informazione, AIED promossse nel 1973 -74 un’originale campagna di sensibilizzazione su “Grand Hotel” attraverso una serie di fotoromanzi «di servizio».

È il primo materiale italiano di pedagogia civile, studiato per un pubblico poco acculturato e con l'obiettivo di diffondere al massimo la nuova legislazione.

Siamo negli anni Settata: anni di battaglie, di contestazione.

Anni di costruzione, di libertà.

Un decennio di riforme e di affermazione del diritto che hanno cambiato l’Italia rendendola più moderna e più civile.

Il sito ufficiale dell' AIED ha pubblicato alcune delle conquiste di quegli anni che danno davvero il senso delle lotte dell'epoca: 

  • 1971 – Abrogazione dell’articolo 553 C.P. (pillola anconvezionale)
  • 1972 – Legge sull’obiezione di coscienza al servizio militare
  • 1974 – Referendum per l’abrogazione della legge sul divorzio (divorzio confermato)
  • 1975 – Riforma del diritto di famiglia passaggio: passaggio dalla patria potestà alla potestà genitoriale (pari doveri e dignità tra padre e madre)
  • 1975 – Legge istitutiva dei consultori familiari pubblici
  • 1975 – Voto ai diciottenni
  • 1978 – Legge “Basaglia” abolizione dei manicomi
  • 1978 – Legge 194 legalizzazione dell’aborto
  • 1980 – Referendum abrogativo sull’aborto (conferma della legge)

Fonte: http://www.aied.it

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
1CHN1669Calcio e magiaLo dico subito: a me la maglia nuova piace moltissimo. A...
coverLa vita scapricciata di Marisa...Non c’è una cosa che non abbia fatto nella sua lunga ed...
MelandriDialoghi sul Futuro. Come cambia la...“Come cambia la cultura: i musei e le sfide della...
stagione lirica san carloCarmen, Il Trovatore e un omaggio a...Riparte da Piazza del Plebiscito con un omaggio alla...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500