giovedì 27 GENNAIO 2022
blank
 
chi siamo 
contatti
Teatrochi ha paura i Virginia Woolf foto di Brunella GiolivoChi ha paura di Virginia Woolf?Torna sul palco del Bellini “Chi ha paura di Virginia Woolf?”, l'iconico testo del tre volte premio Pulitzer Edward Albee che, dopo il debutto a Broadway nel 1962 è...

2 giugno: la Repubblica è delle donne

Referendum 2 giugno scheda elettoraleMonarchia o Repubblica: era questa la scelta che gli italiani si sono trovati a fare il 2 giugno di settantacinque anni fa.

Il 54,3 % degli italiani scelse  la Repubblica e i Savoia – allora regnanti - furano mandati in esilio (dal 1 gennaio 1948, con l’entrata in vigore della Costituzione della Repubblica, fu proibito ai discendenti maschi di Umberto II di Savoia l’ingresso in Italia ma la disposizione fu abrogata nel 2002).

Più di dodici milioni di cittadini italiani nel 1946 si trovarono di fronte una scheda elettorale con due simboli.

Da una parte lo stemma sabaudo, simbolo del re.

Dall’altra il profilo di una donna come personificazione nazionale dell’Italia: per rappresentare la repubblica si scelse il simbolo dell’Italia turrita.

Quel giorno l’Italia scelse la giovane donna con il capo cinto da una corona muraria completata da torri (da cui il termine "turrita").

Da quel giorno l’Italia è una Repubblica.

Un giorno da ricordare che porta dentro non solo la fine della guerra, del fascismo.

Il due giugno si festeggia quella donna sulla scheda elettorale e anche tutte le donne.

Quel 2 giugno e quella mattina del 3 giugno 1946 in Italia a questo referendum i cittadini e le cittadine italiane votarono per la prima volta con suffragio universale.

Sì, è stata la prima volta che le donne hanno votato ad un referendum (il 10 marzo dello stesso anno ebbero luogo però le prime elezioni amministrative con partecipazione femminile).

Pensateci bene, le donne possono votare da SOLI 75 anni.

Prima no, a loro non era concesso.

E ancora: l’aborto in Italia è legale dal 1978. 

SOLO 43 anni fa l’interruzione volontaria di gravidanza era considerata un reato penale.

ED è SOLO nel 1970 che venne introdotto il divorzio.

Nascere donna oggi sembra quasi un privilegio se osserviamo le cose da questa prospettiva: in fondo sono SOLO pochi anni che nel nostro Paese esistono questi diritti, oggi dati quasi per scontati.

Un dossier pubblicato sul sito della Camera dei Deputati ha analizzato la partecipazione delle donne alla vita politica e istituzionale in Italia.

Nell’indice sull’uguaglianza di genere 2020 elaborato dall’‘Istituto europeo per l’uguaglianza di genere (EIGE) l’Italia ha ottenuto un punteggio di 63,5 su 100, punteggio inferiore alla media dell’Unione Europea anche se va detto l’Italia è tra i Paesi che hanno fatto registrare i maggiori progressi tra tutti gli Stati membri negli ultimi anni.

Nell’attuale Governo Draghi si registra la partecipazione di 8 donne (34,7%) nella compagine dei 23 ministri (Interno; Giustizia; Università e ricerca; Affari regionali e autonomie; Sud e coesione territoriale; Politiche giovanili; Pari opportunità e famiglia; Disabilità). Le cariche di viceministro e sottosegretario ricoperte da donne sono 19 (48,7%) su un totale di 39.

Ci sono poi 16 donne (e 34 uomini) negli organi della Regione Campania e nella Giunta Regionale sono tre su undici (qui report completo qui: https://documenti.camera.it/Leg18/Dossier/Pdf/AC0340.Pdf ).

Pare evidente che di strada da fare ce n’è ancora tanta in questa Italia intonsa di sessismo, di pregiudizi ma piano piano le cose sembrano migliorare.

Se il due giugno di 75 anni fa siamo riusciti a scegliere la Repubblica, la libertà, la Costituzione sono certo che possiamo costruire un Paese migliore dove nascere donna non è uno svantaggio e nemmeno un privilegio.

Costruire una nazione dove essere fieri di fare nascere un figlio.

Sia maschio, sia femmina.

Semplicemente fiero di essere cittadino italiano.

Buon 2 Giugno a tutti!

L'Autore
Giovanni Salzano
Author: Giovanni Salzano
Esperto di social media management, cura la rubrica di opinione Società.

Eventi
ArteAperiArtRipartono gli AperiArt al Museo CAMUn museo che non tutti conoscono, una risorsa per il territorio, una fonte di bellezza in provincia dove fare cultura è più difficile. Aspira a diventare un fiore all’occhiello della provincia napoletana il CAM Casoria Contemporary Art Museum (via Via Calore snc), progetto nato nel 2005 con l’obiettivo “di divenire polo culturale, laboratorio sperimentale, ma soprattutto punto di riferimento...
TeatromaradonnaMaradonna. Una storia al femminile sul campo di calcioTutti la chiamano Maradonna, ma il suo vero nome è Lucia Mallardi. Ex calciatrice professionista e artista, è diventata famosa quando in occasione delle celebrazioni in onore di Diego Armando Maradona ha dato sfoggio della sua bravura facendo acrobazie e freestyle con il pallone. Calcio e strada, recitazione on the road: l’ ultima possibilità per vedere MARADONNA –“La CalciAttrice” è mercoledì...

MusicaDario Sansone e Filippini insieme...Dario Sansone (Foja) e l'illustratore-regista Francesco Filippini...
TeatroPromise Land Foto di StefanoAl Nostos di Aversa va in scena...Al Nostos Teatro di Aversa  uno spettacolo  sull’emigrazione in un...
TeatroGiacomo e Paolina. La storia...Tra il Vesuvio e il golfo di Napoli, per respirare la stessa aria...
ArteL’anno della Tigre. Al MANN si...Grandi festeggiamenti al Museo Archeologico Nazionale di Napoli...
TeatroLe mille e una NapoliLe mille e una Napoli: la luna e il...Va in scena al Teatro Trianon Viviani il secondo dei sette...
TeatroTeatro AcaciaAl Teatro Acacia Il TrasformistaMago, trasformista, clown, attore e autore. Luca Lombardo è...
LibriMcEwanMarotta&Cafiero, esce Rose Blanche...Esce per la Marotta&Cafiero Rose Blanche dello scrittore inglese...
Musicade simoneVitalizio a Roberto de Simone:...Un appello per la concessione dei benefici della cd. legge...
napoliCittàSolidale
Primo pianopirozzi pietreLa Memoria dimenticata. Nico Pirozzi racconta l’Olocausto dei napoletaniNapoli vanta il titolo di prima città libera dal fascismo d’Italia: Su iniziativa popolare, durante le sue famose Quattro Giornate (27 -30 settembre 1943) si liberò...

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
AperiArtRipartono gli AperiArt al Museo CAMUn museo che non tutti conoscono, una risorsa per il...
Tra Beethoven e Mendelssohn, in...È il grande clavicembalista e direttore Ottavio Dantone...
memoria e shoahMemoria e Shoah. Lettere dai lager...La memoria si preserva anche fermo posta. “Memoria e...
chi ha paura i Virginia Woolf foto di Brunella GiolivoChi ha paura di Virginia Woolf?Torna sul palco del Bellini “Chi ha paura di Virginia...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
Consumo criticocarobolletteCaro Bollette: la denuncia di Confesercenti. E intanto scopriamo come risparmiareUn rincaro dell’80% con un aggravio medio in bolletta di 1300 euro annui per famiglia. Il caro bollette, di cui proprio agli inizi del 2022 si vedono i primi sintomi,...
BenesserecoverCome si sta davanti al pc? I consigli del posturologoSpesso quando ci sono problemi posturali li sottovalutiamo, eppure il dolore è il primo campanello d’allarme, può avere una causa fisica ma anche psicologica: quando...
Società‘O Zappatore e il Vomero: un legame tutto da scoprireMaurizio de Giovanni abita al Vomero, e ci tiene proprio assai. Paolo Sorrentino è nato al Vomero, anche se poi è emigrato. Al Vomero ci andavamo noi ex adolescenti...
ViaggiVicino a Berlino il campo di concentramento di Sachsenhausen, monumento alla memoria“Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le...
CucinacoverLa Locanda del Grifo: la cucina differentemente napoletanaÈ diventato il ristorante simbolo del centro storico di Napoli, affaccia sulla piazza dominata dalla basilica della Pietrasanta ed è frequentato da moltissimi...
La coccinella del cuoreCOCCINELLA I riti magici del Nuovo Anno Cover 1I riti magici del Nuovo AnnoIl nuovo anno è entrato e quando inizia un nuovo percorso ci si affida da sempre ai simboli, agli astri, a quei riti che ci permettono di guardare al futuro con...
#barsportCHN6412Per fare pace col palloneIo sono una fanatica delle olimpiadi. Ogni quattro anni trascorro un mese di beatitudine sportiva appassionandomi alle gesta di ginnaste statunitensi, sollevatori di...
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500