domenica 29 MARZO 2020
blank
 
chi siamo 
contatti

Il Dito di Doruntina Basha al Ridotto del Mercadante

Il Dito di Doruntina Basha al Ridotto del Mercadante coverIl testo teatrale della drammaturga kosovara Doruntina Basha Il Dito, vincitore del Premio della Fondazione Heartefact, sarà in scena in prima nazionale al Ridotto del Mercadante con una trasposizione tradotta da Elisa Copetti e con la regia di Carlo Sciaccaluga.

Il dramma prende forma nel 2011 a partire da un lungo progetto di ricerca sulle storie delle famiglie che durante la guerra in Kosovo del 1998-1999 hanno avuto un famigliare scomparso. La ricerca parte dal fatto che la maggior parte delle famiglie albanesi kosovare ha una persona cara scomparsa, uomini soprattutto, prelevati dalle loro case e condotti in luoghi sconosciuti da militari e paramilitari.

A partire dalle storie delle famiglie intervistate, l’autrice, la 39enne Doruntina Basha, si confronta con il tema delle sparizioni forzate, e raccoglie un altro materiale prezioso: storie di donne che raccontano la propria vita nella famiglia contemporanea. Ne ricava un’indagine sulla condizione femminile in una società profondamente ancorata alla tradizione che usa le sue norme come strumenti per elaborare le sparizioni.

Basha costruisce così un testo stratificato nel quale due sono le protagoniste: Shkurta, la nuora, e Zoja, la suocera. Le due donne convivono, sole, in attesa che il marito dell’una, e figlio dell’altra, ritorni a casa. Cucinano il suo piatto preferito, ciascuna convinta di essere l’unica a conoscerlo veramente. Shkurta è irrequieta, mal sopporta la suocera e i suoi maltrattamenti; Zoja porta il fardello di questa nuora indesiderata da custodire fino al ritorno del figlio scomparso dieci anni prima, in una sera come quella.

«Raccontandosi i mondi ideali in cui vorrebbero vivere – sottolinea Carlo Sciaccaluga – Zoja e Shkurta evocano, creano realtà in cui il dolore non esiste. Ma il dolore è necessario, la barbarie dell’uomo va guardata in faccia, non va cercata una spiegazione in fatti che una spiegazione non possono trovare. La vita è separazione, assenza di senso, si può solo essere ciò in cui si crede, come scriveva Cechov, ma mentre la vecchiaia dilaniata non può accettare la mancanza di una ragione, la gioventù ferita ha il diritto di vivere, di rinegoziare il futuro».

Lo spettacolo sarà in scena da giovedì 20 febbraio a domenica 1 marzo. 

Cosa: spettacolo teatrale “Il Dito”

Dove: Ridotto del Mercadante

Quando: dal 20 febbraio al 1 marzo 2020

Info: www. teatrostabilenapoli.it - tel. 081.5513396 - biglietteria@teatrostabikenapoli.it

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
kindle 1867751 960 720#restoacasa ma con stile: idee per...Idee per trascorrere un altro weekend in quarantena (a...
Benedetta Paravia con i bimbiAmici in quarantena: la prossima...Come saremo dopo l’emergenza planetaria Covid -19? Quali...
Corde ObliqueCorde Oblique, il 3 aprile il nuovo...In uscita il 3 aprile 2020 per Dark Vinyl Records...
InternoItaliaFuori è chiuso - Interno Italia:...Face comunità intorno al cinema, da protagonisti, al...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
Agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500