sabato 4 DICEMBRE 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

Teatro Nuovo. Diciotto spettacoli per ritornare ad essere teatro d’innovazione

NUOVO 21 22Con diciotto spettacoli – fra danza, musica, commedia e “qualche appuntamento curioso” – il Teatro Nuovo di Napoli riapre il suo spazio nel cuore dei Quartieri Spagnoli, riappropriandosi del suo ruolo di “teatro d’innovazione”.

La parola chiave che ha guidato il lavoro di ricerca a composizione della proposta teatrale del Nuovo è “C’è”, ad indicare la voglia di “esserci”, con il corpo (soprattutto adesso che si è ripristinato l’accesso al 100% ai luoghi della cultura) ma anche e soprattutto con lo spirito e con il cuore, nella quotidianità di ognuno di noi: dieci spettacoli in abbonamento, cinque appuntamenti tra narrazione e musica, due anteprime, lo spettacolo di Natale, e un doppio focus sulla danza contemporanea con una prima rassegna, a gennaio 2022, e “Quelli che la Danza”, programmata nel mese di marzo 2022.

“La Stagione 2021/22 mantiene le promesse fatte ai “tempi felici” del pre-Pandemia – racconta Alfredo Balsamo, direttore generale del Teatro Unico Campania – Sono stati infatti inclusi spettacoli contenuti nel programma dello scorso anno ma che, per ovvie ragioni, non sono andati in scena”.

Stuzzicano “l’appetito” i due spettacoli in anteprima nazionale: “Bermudas” , la pièce fra azione performativa e danza di Michele Di Stefano basata su un sistema coreografico modulabile che si può “contrarre” o “espandere” a seconda del numero variabile di ballerini (unica data 28 ottobre); e “Così è (o Mi Pare)”, diretto da Elio Germano e che si avvale della realtà aumentata per mettere lo spettatore (60 al massimo per ogni spettacolo) al centro dell’azione scenica, in quello che è un riadattamento iper-contemporaneo di “Così è (se vi pare)” di Luigi Pirandello (dal 3 al 7 novembre).

Fra risate e spunti di riflessioni si muove la mise-en-scene di Edoardo Erba che vede Maria Amelia Monti e Marina Massironi protagoniste de “Il marito invisibile” (dall’11 al 14 novembre), così come fa ridere e pensare “Barzellette” (dal 18 al 21 novembre) di Ascanio Celestini, uno spettacolo dalla formula inusuale per l’autore romano ma in cui si può sempre ritrovare il suo acume. I temi caldi di attualità passano dalle pagine dei giornali alla ribalta del Nuovo: ciò accade nello spettacolo di Andrea Renzi “L’amaca di Domani” (11 e il 12 dicembre) che vede in scena Michele Serra disquisire di politica e società; così come con “Plastilina” (27 al 30 gennaio), lo spettacolo “tutto di stomaco”, così lo definisce il regista Mario Gelardi, che affronta il tema del cyberbullismo e del difficile rapporto genitori-figli. E ancora, cosa vuol dire essere Padano? Lo spiega Andrea Pennacchi autore e interprete di “Pojana e i suoi fratelli” (2 e 3 aprile).

Capita che ci sia un timore reverenziale nell’affrontare i testi di Eduardo de Filippo, soprattutto su di un palcoscenico napoletano. Lo fanno invece senza timore e in modo molto diverso Luca Saccoia e Carlo Cecchi, rispettivamente con “Natale in casa Cupiello” (dal 28 al 30 dicembre) e “Dolore sotto chiave/Sik Sik l’artefice magico” ( dal 27 al 30 gennaio). Luca Saccoia affronta il compito arduo di trasformare un capolavoro indiscusso di de Filippo in spettacolo per burattini consacrando questa antica arte al mondo del teatro “serio”, Carlo Cecchi rinnova invece l’animo graffiante di “Dolore Sotto Chiave” enfatizzando il realismo e il paradosso tipicamente eduardiano.

Spazio alla musica. Sono due gli spettacoli musicali dedicati all’universo del pentagramma. “Ridire Parole a fare male”, di e con Luca Persico alias ‘O Zulù, è un ibrido fra reading, teatro di parola e spettacolo musicale (dall’8 al 9  gennaio 2022), mentre “Father and Son - inseguendo Chet Baker”,( 12 e 13  febbraio) soggetto e testo Stefano Valanzuolo, è una sorta di flashback estremo, articolato secondo una sequenza di ricordi, attraverso cui rivive in tutte le sue contraddizioni un genio indiscusso della tromba.

Il monologo è l’estrema prova d’artista per l’attore e sul palco del nuovo si cimenteranno in tale prova Gea Martire con “Mio figlio sa chi sono” (Dal 16 al 19 dicembre), Lucia mascino con “Smarrimento” (dal 13 al 16 gennaio) e Drusilla Foer con “Eleganzissima il recital” (dal 17 al 20 marzo) . Tre universi differenti, tre diverse declinazioni del teatro “solo”, ma sempre e comunque tre grandi professioniste che sanno cosa voglia dire “reggere il palco”.

ELEGANZISSIMA

Il grande teatro classico va in scena con “A.D.E. A.lcesti D.i E.uripide” (dal 24 al 27 marzo) testo e regia di Fabio Pisano, con Francesca Borriero, Roberto Ingenito, Raffaele Ausiello. “Ancora oggi non si sa cosa sia l’Alcesti. Un dramma o una tragedia? – spiega il regista Fabio Pisano – da qui partiamo per sconvolgere il testo di Euripide. Ma soprattutto, di renderlo adatto all’uomo contemporaneo, abituato a vivere drammi ma incapace di concepire il senso della tragedia”.

La chiusura di Stagione parla tedesco: “Peggy Pickit guarda il volto di Dio” (dal 7 al 10 aprile) del drammaturgo Roland Schimmelpfenning mette il luce una visione occidentale profondamente borghese sul continente Africano, in cui non è ancora scomparso del tutto un pensiero colonialista.

“Ci abbiamo messo un po’ ma siamo tornati – prosegue Balsamo –  Convinti come prima, più di prima, che il teatro sia di importanza vitale per l’uomo. Il lungo periodo di assenza vissuto a causa della Pandemia  ha reso questo bisogno più vivido che mai. Una risposta importante è stata data dal mondo della Politicache ha decretato la riapertura delle sale al 100%. Adesso cogliamo l’occasione al balzo. Riempiamole”.

Qui l’appello del direttore generale del teatro Unico Campania Alfredo Balsamo.

INFO E CONTATTI:

Teatro Nuovo – Via Montecalvario 16, Napoli

Tel. 0814976267 

botteghino@teatronuovonapoli.it

L’accesso del pubblico agli spettacoli sarà consentito esclusivamente muniti di green pass e mascherina, secondo le normative vigenti.

L'Autore
Chiara Reale
Author: Chiara Reale
Si occupa di promozione, strategia di comunicazione e management nel settore arte e cultura. Cura mostre di arte contemporanea ed eventi culturali.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Persecuzione valdesi coverStorie dimenticate: la strage dei...Worms, 18 aprile 1521: dinanzi al Reichstag riunito dal...
bisbigliata creaturaBisbigliata Creatura. Da Chandra...Una poetica riflessione sull’interazione fra corpo e...
BarlumiMercatino Solidale di progetto...Con l’approssimarsi delle festività natalizie è...
Nuova Orchestra Scarlatti: concerti...“Promenade Performance” è il Concerto conclusivo...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500